ENEA


Ecobonus 2021: bonus 110% anche per le aziende? Come fare ENEA

Ecobonus 2021: bonus 110% anche per le aziende? Come fare

Ecobonus 2021: le imprese possono fruire della detrazione 110% introdotta con il Decreto Rilancio? V...


riscaldamento-bioetanolo-cucina ENEA

Ecobonus 110% e Bonus Mobili: novità per il biennio 2021/2022

Novità importanti in materia di Ecobonus 110%: come funziona la proroga estesa al 2022, in ba...


Superbonus 110%: guida completa, chiarimenti Agenzia Entrate, novità 2022 ENEA

Superbonus 110%: guida completa, chiarimenti Agenzia Entrate, novità 2022

Ecobonus 2020 come funziona, importanti conferme previste in materia di riqualificazione energetica....



Ecobonus 110%: pannelli fotovoltaici gratis per la tua casa ENEA

Ecobonus 110%: pannelli fotovoltaici gratis per la tua casa

Vuoi installare gratis i pannelli fotovoltaici per la tua casa? Scopri le novità dell’e...


arredamento-finestra-26 ENEA

Detrazione infissi 2020: quando scatta Ecobonus 110%

Detrazioni infissi 2020. Come aver diritto all’Ecobonus per la sostituzione degli infissi di porte e...


Enea ecobonus modulo compilazione ENEA

Enea ecobonus modulo compilazione

Enea ecobonus modulo e compilazione. Come effettuare la compilazione. Guida utile. Termini. Aliquote...


L’ENEA, acronimo con cui si intende Ente per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente, è un ente di diritto pubblico che opera a supporto dello sviluppo sostenibile nei settori dell’energia, dell’ambiente e delle nuove tecnologie costituito con legge del 5 marzo 1982 n. 84 di riforma del CNEN (Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare).

In particolare, l’ENEA è specializzata in:

  • tecnologie energetiche (fonti rinnovabili, accumuli, reti intelligenti) dove l’Agenzia è anche il coordinatore del Cluster Tecnologico Nazionale Energia
  • fusione nucleare e sicurezza (dove l’Agenzia è coordinatore nazionale per la ricerca)
  • efficienza energetica
  • tecnologie per il patrimonio culturale, la protezione sismica, la sicurezza alimentare, l’inquinamento, le scienze della vita, le materie prime strategiche, il cambiamento climatico.

Inoltre, l’ENEA sostiene il Ministero dell’ambiente e Ministero dello sviluppo economico nella transizione verso l’economia circolare e l’efficienza delle risorse.

Attualmente, ENEA dispone di risorse umane altamente specializzate, laboratori avanzati, impianti all’avanguardia, strumentazioni di eccellenza per progetti, studi, valutazioni ed analisi e servizi di formazione con l’obiettivo di valorizzare lo sviluppo e la competitività del nostro Paese.

Sempre in un’ottica avanguardista, l’ente collabora con istituzioni di ricerca nazionali ed internazionali come Texas Tech University, Standford Research Institute, New Delhi University, l’Accademia delle Scienze cinese, ICTP, TWAS, e partecipa a piattaforme tecnologiche e network quali EERA (European Energy Research Alliance), ECRA (European Climate Research Alliance), MEDENER ed Enterprise Europe Network.

enea-1

ENEA: organigramma

L’ ente per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente è così costituito:

  • Presidente
  • Direttore generale
  • Consiglio di amministrazione (composto dal presidente e 9 membri, di cui 4 designati rispettivamente dal ministro dell’Industria, dal ministro dell’Università, dal ministro per l’Ambiente, dalla Conferenza dei presidenti delle Regioni e delle Province autonome)
  • Collegio dei revisori

Il direttore generale supervisiona le attività operative dell’intero ente e risulta responsabile nei confronti del Consiglio di amministrazione. L’ENEA ha sede legale in Roma, è sottoposto alla vigilanza del ministro dell’Industria e alle direttive del CIPE.

enea-2

ENEA ed Ecobonus 110%

L’ENEA, in riferimento all’Ecobonus 110%, è anche l’ente a cui bisogna affidare tutta la documentazione necessaria per usufruire delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente per gli interventi sull’involucro delle parti comuni degli edifici condominiali.

La pratica si avvia in via telematica collegandosi al sito detrazionifiscali.enea.it. Dal 27 ottobre, infatti, è possibile compilare e protocollare anche i documenti relativi al superbonus 110%. Da questa stessa data decorrono i 90 giorni entro i quali occorre caricare i documenti sui lavori conclusi prima del 27 ottobre.

C’è tempo fino al 16 marzo 2021 per comunicare all’Agenzia delle Entrate l’eventuale cessione del credito relativa ai lavori Superbonus 110% per le spese sostenute nel 2020, al fine di consentire alle imprese che lo avranno acquisito di caricarlo sul loro cassetto fiscale.

ecobonus-110-per-cento-3

Enea Ecobonus: come comunicare i dati

Dopo opportuna registrazione al sito ENEA bisogna compilare la dichiarazione di detrazione. Una volta compilata, è necessario inviare la documentazione all’ENEA, stampata, firmata e conservata in caso di eventuali e possibili controlli. Nella dichiarazione vanno inseriti alcuni elementi, e cioè:

  • dati anagrafici del beneficiario
  • informazioni relative all’immobile oggetto di intervento
  • tipologia di intervento

I dati identificativi degli immobili presso cui si sono svolti i lavori e la tipologia dell’opera fatta sono informazioni chiave e dunque va indicata la spesa sostenuta tenendo conto gli oneri delle spese professionali.

Per evitare di incorrere in problemi, l’Enea ha previsto la realizzazione di un apposito vademecum, grazie al quale è possibile visualizzare una lista di tutti i requisiti tecnici richiesti e ci si può informare sui documenti da conservare.

In aggiunta a ciò, nel caso in cui i lavori necessitino di una perizia tecnica è obbligatorio conservare il documento originale in formato cartaceo dove è presente firma e timbro del tecnico che ha compilato il suddetto documento.

Una volta che tutti i dati sono stati inseriti sul sito ENEA è possibile inviare il modello tramite il software che comunicherà la ricezione che andrà stampata e conservata per eventuali controlli oltre che esibita al CAF oppure al commercialista per la dichiarazione dei redditi. Questa è una ricevuta informatica che contiene il CPID ovvero il Codice Personale identificativo. L’ENEA non effettuerà alcun altro tipo di riscontro né in caso di invio corretto, né in caso di invio incompleto, errato o non conforme. Inoltre, L’ENEA specifica che non vanno inviati asseverazioni, relazioni tecniche, fatture, copia di bonifici, planimetrie, documentazione varia, ecc. che invece devono essere conservati a cura del contribuente ed esibiti in caso di eventuali controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate o in caso dei controlli a campione eseguiti da ENEA ai sensi del DM 11/05/2018.

Esiste una piccola specifica: nel caso in cui gli interventi sull’abitazione siano complessi e dunque sia complicato inviare in via telematica il tutto, il contribuente può inviare la documentazione attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno indicando il riferimento Detrazioni fiscali, riqualificazione energetica all’indirizzo ENEA Dipartimento ambientale cambiamenti globali e sviluppo sostenibile, Via Anguillarese, 301, 00123 Santa Maria di Galeria RM.

ecobonus-110-per-cento-4

 


Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.