Come illuminare open space piccolo

Come scegliere l’illuminazione perfetta per un piccolo open space. Quale luce selezionare per tutti gli ambienti. Come differenziare le fonti d’illuminazione per le diverse zone. Esempi.

Come-illuminare-open-space-piccolo-10

Un piccolo open space è una grande opportunità: potete escogitare le soluzioni più simpatiche e divertenti per sfruttare lo spazio a disposizione. Oppure, potete scegliere uno stile affascinante e originale, per distinguervi dai soliti arredi banali e semplici. Ma qualsiasi progetto abbiate per il vostro spazio, dovete subito concentrare le vostre forze su una scelta importantissima: le fonti d’illuminazione per l’open space.

Infatti, poiché il vostro spazio è ridotto, la luce servirà a far sembrare l’open space più grande, illuminando gli angoli bui, dando nuova vita alle aree piccole e valorizzando gli ambienti principali. Perciò, andiamo a vedere qual è il modo migliore per rischiarire un open space piccolo!


Leggi anche: Idee per arredare ed organizzare un Open Space

Come-illuminare-open-space-piccolo-9

Illuminazione open space piccolo cucina soggiorno

Come-illuminare-open-space-piccolo-8

In un open space, la cucina si affaccia sul soggiorno, creando un’area condivisa che mescola l’arredamento di entrambe gli ambienti. Così, la zona giorno sarà un unico grande spazio che richiederà un’attenzione particolare per essere illuminato. Infatti, non basterà un’unica fonte di illuminazione, ma dovremo progettare almeno due diversi punti di luce.

Nell’area di servizio della cucina sono due le zone da illuminare: il piano di lavoro e il tavolo. Infatti, sia per cucinare che per mangiare la luce è indispensabile, creando un giusto clima accogliente e vivace. In aggiunta, possiamo prevedere anche dei faretti a LED per i sottopensili, che forniranno una luce delicata ma efficace. Inoltre, presentano il grande vantaggio di avere una lunga durata, oltre al fatto di poter essere orientabili.


Potrebbe interessarti: Come illuminare un open space: ispirazioni e soluzioni

Come anello di collegamento, poi, appendiamo un lampadario a sospensione a metà tra la cucina e il soggiorno. Tuttavia, attenzione alla tipologia che scegliamo: non acquistiamo un lampadario troppo grande o estroso, che potrebbe riempire lo spazio già piccolo dell’open space. Altrimenti, ripieghiamo sui faretti a incasso sul soffitto, che sono perfetti per un’illuminazione discreta e non ingombrante.

Tentiamo di limitare, per quanto possibile, l’illuminazione da terra, che sarebbe un ostacolo al passaggio all’interno della piccola zona giorno. Piuttosto, sistemiamo delle abat-jour sui tavolini o delle lampade sui ripiani della libreria.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Infine, come raccomandazione generale, non montiamo le applique: si sporcano molto facilmente, specialmente nella zona della cucina per i vari fumi, e non illuminano abbastanza quest’area.

Illuminazione open space piccolo zona notte

Open-space-in-stile-industrial-chic-15

Quando progettiamo la luce della zona notte, ci troveremo davanti a due situazioni: una zona notte completamente aperta, senza elementi divisori dal resto della casa, oppure un’area divisa dal resto che, quindi, non potrà usufruire della luce proveniente dalla zona giorno.

Se la nostra zona notte è direttamente collegata al resto dell’open space, affacciandosi sulla zona giorno, potremo sfruttare parte della luce del soggiorno. Perciò, appendiamo un lampadario con una luce sufficiente anche per la zona notte, che abbia una lampadina abbastanza potente. Poi, aggiungiamo una fonte di luce anche accanto al letto, come una abat-jour o una lampada da terra sottile e longilinea: sarà l’ideale prima di andare a dormire, così da abituare i nostri occhi a una luce più fioca.

Invece, se la zona notte dell’open space è divisa dal resto, ad esempio con una libreria, un paravento o altri elementi del genere, dobbiamo progettare delle fonti di luce appositamente per la camera da letto. Perciò, appendiamo un lampadario a sospensione al centro della stanza, con le lampadine rivolte verso l’alto: questo trucchetto, illuminando il soffitto, farà sembrare l’ambiente più grande e sfrutterà anche i colori chiari del soffitto per dare un effetto di maggior apertura . Anche in questo caso, poi, mettiamo un punto luce accanto al letto.

Se, tuttavia, non vogliamo perdere la luce dell’open space ma vogliamo comunque un minimo di divisione tra le stanze, montiamo dei pannelli in vetro: la loro trasparenza permetterà alla luce di passare tra le aree senza però mescolarle.

Illuminazione open space piccolo bagno

come-scegliere-lavabo-bagno-piccolo-11

Per un open space, l’effetto scenografico finale è fondamentale. E per questo, dobbiamo curare i più piccoli dettagli: anche la luce in bagno. Ci sono tante idee a cui possiamo ispirarci, trasformando le dimensioni ridotte del nostro open space in una grandiosa possibilità.

Ad esempio, come punto principale di illuminazione, scegliamo un pannello retroilluminato sul soffitto, che andrà a valorizzare l’ambiente. Oppure, puntiamo su un lampadario a sospensione luminoso. Altrimenti, come ulteriore soluzione, possiamo scegliere il set cielo stellato, composto da faretti a LED che daranno al bagno un look magico.

Ma saranno i dettagli più piccoli a darci grandi soddisfazioni. Ad esempio, acquistiamo degli specchi retroilluminati, che faranno fare al vostro open space una figura molto chic. Oppure, montiamo delle applique alla parete del lavabo, a dare maggiore luminosità a un’area fondamentale del bagno.

Abbinare lampadari open space

Come-illuminare-open-space-piccolo-9

Come ultima raccomandazione per illuminare il nostro piccolo ma delizioso open space, dobbiamo ricordarci di scegliere un’illuminazione omogenea, sia nell’estetica che nella struttura. Infatti, troppi lampadari, luci e lampade diverse potrebbero creare un fastidioso effetto confusionario che farà sembrare ancora più piccolo l’open space.

In primo luogo, scegliamo lampadine a luce calda, che è la scelta migliore per illuminare gli interni. Così, ogni fonte di luce avrà la stessa tipologia di luce, dando già un senso di equilibrio nell’ambiente.

In secondo luogo, affidiamoci alle caratteristiche estetiche per creare un’atmosfera ben bilanciata. Ad esempio, scegliamo le fonti di luce tutte con lo stesso materiale, come il ferro battuto o il metallo, a seconda dello stile del nostro open space. Oppure, facciamoci guidare dalle tinte: selezioniamo i punti luce in base ai loro colori.

Come illuminare open space piccolo: immagini e foto

Un open space ben illuminato è un open space accogliente, fresco e giovanile. E se avete ancora dubbi su quale fonte d’illuminazione volete applicare al vostro appartamento, sfogliate la galleria delle immagini: ci sono nuovi spunti, progetti innovativi e idee accattivanti tra cui potrete scegliere!

Elena Morrone
  • Laurea triennale in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali
  • Laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e d'Impresa
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica