Fuorisalone 2022 Ariake: l’intervista a Gabriel Tan, Art Director

Caterina Di Iorgi
  • Giornalista pubblicista

Fuorisalone 2022 Ariake: il brand giapponese, per la prima volta a Milano, presenta Cipango, una mostra allestita in un appartamento privato in Porta Venezia. L’appartamento, appena restaurato dall’architetto Francesco Rota, ospiterà la nuova collezione di mobili disegnati da Francesco Rota, Inga Sempé, Norm Architects, Neri & Hu, Keiji Ashizawa, Zoe Mowat e Gabriel Tan.

Abbiamo incontrato ed intervistato Gabriel Tan, Art Director di Ariake (www.ariakecollection.com), con cui abbiamo parlato delle novità 2022 e della mostra Cipango: Japan Reimagined.

 Fuorisalone 2022 Ariake

Ci racconta la storia di Ariake?

“Ariake è un marchio di mobili fondato da Legnatec e Hirata Chair, due fabbriche di mobili di Morodomi, nella prefettura di Saga, in Giappone. Prende il nome dal vicino mare di Ariake, Ariake significa anche “alba” in giapponese. La collaborazione è iniziata nel 2016 quando il proprietario di Legnatec, Takehiro Kabashima, e il proprietario di Hirata Chair, Shoji Hirata, hanno incontrato il designer e direttore creativo di Singapore/Porto Gabriel Tan con l’ambizione di esportare i loro mobili nel mondo.

È stata stabilita una visione a lungo termine e, con il coinvolgimento dello studio di design grafico Anner Perrin di Zurigo e del fotografo svizzero-finlandese Sebastian Stadler, è nato il marchio Ariake. Gabriel Tan ha invitato i designer giapponesi Keiji Ashizawa e Shin Azumi, i designer nordici Staffan Holm, Anderssen & Voll, Norm Architects e Note Design Studio, nonché la designer canadese Zoë Mowat, l’architetto brasiliano Marcio Kogan e il designer portoghese Rui Alves a disegnare le prime tre collezioni del marchio. La collezione 2022 di Ariake presenta tre nuovi designer che collaborano per la prima volta con il marchio: Neri & Hu, Inga Sempé e Francesco Rota.”

Su quali valori si fondano l’identità e la filosofia produttiva di Ariake?

Fuorisalone 2022 Ariake

“Ariake crede che i rapporti di lavoro forti siano alla base di buoni prodotti. I mobili sono fatti per situazioni sociali in cui le persone vivono, lavorano e mangiano insieme. La creazione delle prime tre collezioni di Ariake è avvenuta nel corso di workshop intensivi in Giappone, dove designer e artigiani hanno fatto lo stesso: hanno vissuto, lavorato e mangiato insieme. Utilizzando il meglio della mano e della macchina, ispirandosi alla spiritualità della cultura giapponese e alla vita urbana, ogni pezzo è stato realizzato a Morodomi, nella prefettura di Saga, in Giappone.”

In che modo si sta evolvendo, oggi, il settore dell’arredamento, vista anche la pandemia di Covid-19, che ci ha fatto riscoprire l’importanza della casa durante il lockdown?

“Il settore e le aziende produttrici di mobili devono trovare soluzioni per gestire le varie sfide e opportunità che si sono presentate a seguito della pandemia di Covid-19. Da un lato, c’è una forte domanda di mobili da parte del settore domestico, poiché la quantità di tempo che le persone hanno trascorso a casa negli ultimi due anni ha fatto sì che si rendessero conto dell’importanza della loro casa più che mai. Dall’altro lato ci sono le sfide logistiche e di approvvigionamento che devono essere superate, così come i problemi di sostenibilità e di consumo energetico in un periodo di scarsità di materie prime senza precedenti e di prezzi dell’energia alle stelle. I nuovi comportamenti, come l’attenuazione dei confini tra spazi di lavoro e abitazioni, con la nuova normalità del telelavoro, determinano anche nuove categorie di prodotti a cui le aziende di arredamento devono pensare.”

Vi siete posti nuovi obiettivi in ottica green o nuove soluzioni eco-sostenibili?

Fuorisalone 2022 Ariake

“Nel 2020, lo scoppio della pandemia di Covid-19 ha provocato la chiusura delle frontiere giapponesi e interruzioni della logistica che hanno spinto Ariake a ripensare la propria strategia globale. Ariake è nata come collaborazione tra due aziende di arredamento giapponesi e poi con designer provenienti da fuori dal Giappone. Al fine di ridurre l’impronta di carbonio, accorciare i tempi di consegna e offrire una collezione più sostenibile per il mercato europeo, l’azienda ha utilizzato questo approccio per collaborare con alcuni laboratori di mobili nel nord Italia per produrre la collezione 2022 per il mercato europeo.

Lo scambio di conoscenze tra le tradizioni giapponesi e italiane nella lavorazione del legno è stato fondamentale per rendere possibile tutto ciò. Producendo localmente in Europa per il mercato europeo, Ariake è in grado di utilizzare finiture a base d’acqua che sono più sostenibili. Prima era difficile utilizzare tali finiture, a causa delle differenze di umidità ambientale quando i mobili venivano spediti dal Giappone all’Europa. La produzione locale offre sicuramente molti vantaggi e la vedo come il futuro, anche per le piccole aziende come Ariake.”

Dopo la pandemia e il lockdown, quali sono le sfide del futuro che dovranno affrontare le aziende che producono design?

“La sfida è come gestire la scarsità di materie prime e le interruzioni logistiche, che possono durare a lungo, e anche il cambiamento dei comportamenti dei consumatori. Il modello tradizionale degli spazi di lavoro è finito per sempre? Quanto durerà la domanda di mobili per la casa e per l’esterno? Non lo sappiamo con certezza, ma le aziende dovranno prendere decisioni non basate su sentimenti temporanei, ma prendere posizione.”

Quali invece saranno le tendenze su cui puntare per il futuro del settore?

“Personalmente ritengo che dovremmo concentrarci sull’incontro tra le persone attraverso l’arredamento, poiché dopo la pandemia ci sarà un bisogno emotivo di connettersi socialmente. Apprezzeremo più che mai le esperienze di persona e le interazioni faccia a faccia, e i mobili che migliorano o facilitano queste interazioni saranno apprezzati.”

Ci racconta le novità della collezione 2022?

Fuorisalone 2022 Ariake

“Abbiamo più di 20 nuovi prodotti, tra cui Hoyo – un sistema di divani modulari con tavolini annessi disegnato da Francesco Rota, Umu – una collezione di camere da letto disegnata da Neri & Hu che fa riferimento alle filosofie condivise tra la cultura giapponese e quella cinese, Cabine – un ibrido specchio/appendiabiti disegnato da Inga Sempe e Koyabari – un tavolo da pranzo e una consolle ispirati alla falegnameria giapponese per tetti disegnata da Gabriel Tan.”

Quale sarà il concept dell’allestimento della mostra Cipango che organizzerete per la Design Week 2022?

“Vogliamo celebrare la collaborazione tra Ariake e i laboratori di arredamento in Italia, mostrando come i mobili ispirati e sviluppati in Giappone possano essere prodotti in Italia e avere ancora un’anima giapponese, grazie alla passione condivisa per la lavorazione del legno da entrambe le culture. La mostra riunisce anche altri designer e marchi che condividono l’apprezzamento e l’enfasi sull’artigianato, come il marchio di collezionismo artigianale Origin Made di Porto, i designer di illuminazione Ladies & Gentlemen Studio di New York, il produttore di tappeti Cappelen Dimyr di Copenhagen e il duo di designer Folkform di Stoccolma.”

Com’è la casa del futuro secondo Ariake?

“Speriamo che la casa del futuro sia una casa che valorizzi la cultura umana e la sostenibilità, che i consumatori scelgano ogni pezzo di arredamento che aggiungono come se stessero scegliendo il partner della loro vita. Ci auguriamo che la cultura dell’usa-e-getta sia un ricordo del passato, grazie a livelli più elevati di consapevolezza ambientale dopo la pandemia, e che ogni mobile della casa venga utilizzato per più vite umane grazie a una cultura della cura e del restauro. I mobili saranno valutati come capsule del tempo e artefatti culturali, non solo come oggetti utilitari.”