Fuorisalone 2022 Gabriel Scott: Floating Ideas e il decimo anniversario del marchio, l’intervista a Gabriel Scott

Caterina Di Iorgi
  • Giornalista pubblicista

Fuorisalone 2022 Gabriel Scott: il marchio canadese di mobili e illuminazione di lusso festeggia il suo decimo anniversario e per celebrare questo traguardo speciale, il fondatore ha incaricato sei designer e architetti di grande ispirazione di reimmaginare il suo prodotto più venduto e più iconico, il lampadario Welles. Ne abbiamo parlato con Scott Richler, fondatore e amministratore delegato di Gabriel Scott.

Fuorisalone 2022 Gabriel Scott

Su quali valori si basa l’identità e la filosofia produttiva di Gabriel Scott?

Prima di fondare Gabriel Scott (www.gabriel-scott.com), lavoravo come architetto e spesso ero incaricato di realizzare mobili personalizzati di alto livello per i clienti. Mi sono reso conto che esisteva un mercato per mobili e apparecchi di illuminazione su misura, contemporanei e personalizzabili, realizzati con un approccio olistico che si rivolgeva specificamente a designer e architetti che hanno bisogno di controllare ogni dettaglio del design di un edificio.

Il mio background nel design di gioielli ha influenzato molto il mio lavoro e il mio processo di progettazione e mi permette di concentrarmi sui dettagli e sull’importanza dell’artigianato e dei materiali pregiati. Può trattarsi del modo in cui due materiali si combinano armoniosamente o di un piccolo dettaglio di ferramenta su una borsa, o semplicemente del modo in cui è stato progettato un orecchino. Questi dettagli mi rimangono impressi e tendono a ispirare la concezione creativa del design.

Per quanto riguarda la nostra filosofia di produzione, tutti i pezzi di Gabriel Scott sono progettati in linea con i nostri tre principi di design: estetica versatile – i nostri mobili e apparecchi di illuminazione devono essere adatti a tutte le fasce demografiche e a tutti gli ambienti di design; personalizzabile – ogni pezzo è progettato tenendo conto della modularità e della flessibilità; e senza tempo – i nostri prodotti sono progettati per superare la prova del tempo e durare oltre le ultime tendenze.

Ci parli di alcuni progetti recenti a cui ha lavorato?

Fuorisalone 2022 Gabriel Scott

A causa della natura di alto livello dei progetti a cui lavoriamo, purtroppo non possiamo parlare di molti dei nostri lavori. Direi che sono particolarmente orgoglioso del nostro continuo lavoro con Cartier. I nostri apparecchi di illuminazione sono influenzati dal design dei gioielli, quindi si integrano perfettamente con il marchio Cartier e sono bellissimi nei loro negozi.

Mi piace anche quando realizziamo progetti personalizzati. La maggior parte della nostra collezione è stata progettata per essere altamente personalizzabile e di recente abbiamo realizzato un’installazione straordinaria che prevedeva diversi pendenti Luna su misura appesi in una scala molto alta di una proprietà residenziale a New York. L’effetto è straordinario e spero di poterne condividere le foto molto presto.

Per quanto riguarda le nuove collezioni, l’anno scorso abbiamo lanciato la serie Luna Kaleido e la finitura Welles Textured Glass. Vogliamo che i nostri clienti siano in grado di personalizzare il più possibile la nostra illuminazione, quindi l’aggiunta di altri colori, texture e forme alle nostre collezioni Luna e Welles esistenti consente un’ulteriore personalizzazione e permette loro di creare il pezzo perfetto per il loro ambiente residenziale o di ospitalità.

Come si sta evolvendo oggi l’industria dell’arredamento e dell’illuminazione, vista anche la pandemia Covid-19, che ci ha fatto riscoprire l’importanza della casa durante l’isolamento?

In generale, il mercato dei mobili, dell’illuminazione e degli articoli per la casa di fascia alta ha beneficiato del fatto che le persone hanno trascorso più tempo a casa durante la pandemia. I consumatori continuano a cercare flessibilità e comfort nelle loro soluzioni di design per la casa e i progetti che creiamo devono adattarsi a questa esigenza; questo è uno dei motivi per cui la personalizzazione e la possibilità di creare soluzioni di design su misura sono così importanti per noi.

Inoltre, credo sia chiaro che le persone acquistano sempre più apparecchi di illuminazione e mobili pensando alla sostenibilità e al consumo consapevole. Non credo che questo sia legato specificamente al Covid-19, è un cambiamento in atto da tempo e l’industria si sta adattando al comportamento degli acquirenti, non solo perché ne ha bisogno, ma perché dovrebbe.

Avete fissato nuovi obiettivi ecologici o nuove soluzioni ecosostenibili?

Fuorisalone 2022 Gabriel Scott

Per quanto riguarda la sostenibilità, continuiamo a progettare e produrre le nostre collezioni in modo che siano costruite per durare nel tempo. Per noi il design consapevole è un aspetto importante quando progettiamo nuovi pezzi di illuminazione e di arredamento. Crediamo nella creazione di pezzi di qualità, dal design senza tempo e realizzati con materiali provenienti da fornitori di fiducia, in grado di resistere alla prova del tempo.

Dopo la pandemia e l’isolamento, quali sono le sfide che le aziende di design dovranno affrontare in futuro?

Dopo la pandemia, il costo della vita sta aumentando per molti e i consumatori guardano oltre le considerazioni standard sui prodotti che ci si aspetterebbe quando si tratta di prendere decisioni di acquisto. Credo che questa risposta si ricolleghi a quanto ho detto in risposta alle due domande precedenti: i consumatori cercano una maggiore personalizzazione e customizzazione dei prodotti che scelgono e vogliono acquistare da marchi che si allineano ai loro valori. La sfida per le aziende di design sarà quella di assicurarsi di rimanere saldi sui valori del proprio marchio e di fornire prodotti che non solo permettano la personalizzazione, ma che siano realizzati con materiali accuratamente selezionati e con processi che siano irreprensibili.

Quali sono le novità della collezione che avete presentato alla Design Week?

Fuorisalone 2022 Gabriel Scott

Siamo stati orgogliosi di presentare Floating Ideas durante la Milano Design Week 2022. Per celebrare il decimo anniversario di Gabriel Scott, abbiamo invitato sei designer e architetti internazionali a reimmaginare il lampadario più iconico dello studio, il Welles Chandelier.

È stata un’esperienza fantastica collaborare con designer di tutto rispetto, tra cui Kelly Hoppen, Michelle Gerson, David Rockwell, Dr. Guan Lee di Grymsdyke Farm, Alessandro Munge e Sybille de Margerie, nel corso degli ultimi otto mesi, per proporre sei interpretazioni uniche del Welles. È stato un lavoro molto impegnativo, ma è davvero emozionante vedere finalmente la realizzazione di questi apparecchi; inoltre, è notevole vedere come i sei progetti siano completamente diversi l’uno dall’altro, nonostante abbiano ricevuto lo stesso brief. Gli apparecchi presentati faranno parte di piccole capsule collection che saranno lanciate nell’autunno del 2022.

Qual’è stato il concept dell’allestimento per la Design Week 2022?

Il titolo del progetto “Floating Ideas” mi è venuto in mente perché, quando si lancia un’idea, si vuole vedere cosa ispira agli altri e fino a dove può essere portata. Credo che questa sia stata una Milano Design Week davvero speciale per noi.

Come sarà la casa del futuro secondo Gabriel Scott?

Fuorisalone 2022 Gabriel Scott

Dipende da quanto lontano nel futuro stiamo pensando. Dopo la pandemia, c’è stato un cambiamento sismico e una maggiore importanza dei consumatori che si sono trasferiti in aree suburbane o hanno costruito seconde case in città secondarie. Con questo cambiamento c’è una maggiore richiesta di comfort e di ambienti che supportino il benessere, e vedo che questo aspetto continuerà a essere di grande importanza in futuro. Pertanto, dobbiamo continuare ad adattarci e ad evolvere il modo in cui progettiamo i nostri prodotti tenendo conto di questo aspetto. Inoltre, la tecnologia continuerà a evolversi e ad avere un’influenza sempre maggiore nel rendere le case efficienti, ed è un aspetto che discutiamo spesso quando esploriamo lo sviluppo dei prodotti futuri.

Qual è la “cosa” più contemporanea, forte e promettente che sta emergendo secondo lei sulla scena del design contemporaneo?

Credo che l’approccio più “contemporaneo” al design sia in realtà un ritorno alla considerazione della longevità dei prodotti, con un corrispondente allontanamento dal design usa e getta. Credo che stiamo imparando che un buon design si traduce in prodotti che durano per sempre.

Con l’ambiente in primo piano nei pensieri delle persone, la più grande considerazione che possiamo dare al nostro pianeta è quella di avere a cuore le risorse che raccogliamo e non c’è modo migliore di mostrare rispetto che prendere meno e assicurarsi che ciò che prendiamo duri. Il fatto che oggi si acquistino ancora mobili e illuminazione della metà del secolo è una testimonianza del valore di un buon design e di una produzione attenta.