Lettera di disdetta di affitto in anticipo: quando è valida?


E’ possibile che l’inquilino inoltri per fac-simile una lettera di disdetta per recedere in anticipo da un contratto di locazione? Come comportarsi a norma di legge.

Casa


 

Una lettera fac- simile redatta ed inviata all’inquilino dal proprietario può valere quale disdetta del contratto di affitto?

Tale interrogativo se lo pongono spesso gli inquilini dediti al cambio di abitazione per necessità di studio o di lavoro.

In tal caso la necessità di anticipare il recesso dal contratto di locazione urge ed è impellente per cambiare location.

In generale il recesso dal contratto di locazione dov’essere presentato prima di 6 mesi calcolati dal giorno in cui si vuole lasciare libero l’appartamento.

Le modalità di recesso dal contratto prima della propria scadenza naturale sono differenti in relazione alle esigenze degli inquilini.


Leggi anche: Prendere casa in affitto: gli errori da evitare

Uno studente, ad esempio, per la transitorietà del negozio da stipulare, dovendo spesso essere soggetto a cambiare abitazione per varie vicissitudini, potrà essere  proteso a richiedere la cessazione anticipata del contratto al fine di trasferirsi altrove.

Il recesso con lettera di disdetta anticipata è necessario per contemperare, dunque, i singoli  interessi contrapposti: da un lato quello dell’inquilino di divincolarsi da un negozio giuridico che gli vieta di cercare altrove la nuova abitazione per necessità lavorative o familiari.

Dall’altro sussiste l’interesse legittimo del proprietario che, sicuro della durata degli effetti del contratto siglato, dovrà essere notiziato anticipatamente della volontà di recedere dallo stesso per poter sostituire l’inquilino e far fruttare il bene immobile a disposizione.

Casa

 


Recesso prima della scadenza del contratto: pec e raccomandata

L‘inquilino che intenda far pervenire al proprietario dell’immobile una disdetta anticipata della locazione, dovrà tener conto di un termine di preavviso diverso a seconda della situazione,  tale da consentire al proprietario di essere avvertito in tempo per porsi alla ricerca di un nuovo inquilino.

I tempi della disdetta si diversificano per le tipologie della locazione, se cioè questa abbia ad oggetto un locale commerciale o uno studio.

uomo-che-scrive-lettera


Potrebbe interessarti: Disdetta del contratto di locazione

Lettera di disdetta: come presentarla

L’inquilino che intenda recedere anticipatamente dal contratto di locazione dovrà compilare apposito modulo di recesso da inviare al proprietario a mezzo di raccomandata A/R o a mezzo posta elettronica certificata.

Con l’invio del modulo di disdetta nei tempi di preavviso stabiliti dalla legge, l’inquilino consente al proprietario di attivarsi anticipatamente per stipulare un nuovo contratto di locazione con altro soggetto interessato.

Recesso anticipato dalla locazione: tempi

La comunicazione del recesso anticipato dal contratto di locazione dev’essere inviata dall’inquilino con un preavviso che cambia a seconda dei casi.

Tale tipo di avvertimento è fondamentale sia che l’immobile sia destinato ad uso abitazione ovvero ad uso locale.

Per quanto riguarda l’immobile destinato ad uso abitativo, la disdetta nelle modalità succitate deve essere effettuata nel termine di sei mesi precedenti la scadenza del contratto

Termine inferiore: espressamente indicato dal contratto

Per quanto attiene i contratti di locazione per immobili di uso commerciale, il termine per la presentazione della disdetta è di sei mesi antecedenti la scadenza per i contratti commerciali semplici.

Per gli alberghi il termine è di 16/18 mesi.

In merito ai contratti di natura ed efficacia transitoria quali i negozi di locazione ad uso abitativo di un immobile, stipulati dagli studenti, il termine di preavviso per il recesso anticipato può essere ridotto a tre mesi dalla scadenza naturale del vincolo giuridico.

Tale riduzione dei termini è stata apposta per meglio divincolare e sburocratizzare la pratica affinchè lo studente, legato a problematiche di studio o familiari, a seguito di un cambio di facoltà o per altre situazioni contingenti, sia libero di potersi divincolare dal contratto di locazione di un immobile nel quale non potrà più continuare a vivere.

Avv. Ennio Carabelli
  • Laurea in Giurisprudenza
  • Abilitazione Forense presso la Corte d'Appello di Salerno
  • Giornalista Pubblicista
  • Blogger specializzato in controversie legali, normative, condominio, casa, successioni, contratto, mutui.
  • Fonte Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta


Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.