Come realizzare una splendida siepe da balcone


Come allestire e scegliere le piante più adatte per realizzare una siepe sul balcone di casa. La differenza tra piante sempreverdi e fiorite. I vasi adatti, la guida alla realizzazione di una siepe da balcone. La manutenzione necessaria. L’alternativa economica di una siepe artificiale. Cosa sapere se si abita in condominio.

siepe-balcone-artificiale-3


L’idea di sistemare una siepe sul balcone o terrazzo di casa è un’ottima scelta soprattutto per chi ha il desiderio di proteggere la privacy, non apprezzando il fatto di essere osservati e, oltre a girare in costume od abiti succinti, preferisce incontrare persone senza il pensiero di rimanere sotto gli occhi di persone estranee.

Poi, per chi è solito organizzare piccole feste e ricevimenti all’aperto, la siepe costituisce una barriera naturale all’inquinamento, attutendo i rumori, oltre a rappresentare una forma decorativa e di abbellimento assai gradita.


Siepe da balcone: quale scegliere

siepe-balcone

Il posizionamento del balcone, se esposto al sole o meno, oltre al gusto personale, derivante dal buon profumo e dai colori delle piante scelte, sono gli elementi da valutare per il tipo di siepe da sistemare.

Sempreverdi

Per chi desidera essere circondato da foglie dal colore persistente per tutto l’anno, le piante sempreverdi rappresentano un ottimo suggerimento per gli acquisti.

siepe-balcone-lauroceraso

Il lauroceraso è una pianta che raggiunge e supera l’altezza di un metro, soluzione perfetta quando la protezione della privacy è fondamentale. Il fogliame si caratterizza per essere largo e la sua crescita densa garantisce la protezione.

Richiede anche poca manutenzione, dunque perfettamente adatta per chi ha  poco tempo o dimestichezza con il mondo del giardinaggio.

idee-fiori-oleandri

L’oleandro si caratterizza per il suo profumo intenso, oltre ad essere assai versatile, tanto da crescere in maniera rigogliosa sia in condizioni di forte sole che in totale ombra. E’ molto resistente alla siccità ed è necessario potarlo soltanto appena ogni 4/5 anni.

siepe-balcone-fotinia

La photinia o fotinia è apprezzata per il suo caratteristico colore rosso intenso delle foglie in primavera, che poi si trasformano in verde scuro. Facile da coltivare, permette di avere una siepe molto alta. All’interno di questa specie ve ne sono diversi tipi, dunque è consigliabile avere un parere tecnico per trovare la più adatta.

Siepe da balcone

Il bambù è probabilmente fra le più note piante utilizzate per realizzare una fantastica siepe sempreverde. Grazie alla sua particolare conformazione, dettata da arbusti che consentono di realizzare una vera e propria barriera, ha nella rapidità di crescita un fattore apprezzabile e da non sottovalutare.

In considerazione delle altezze che può raggiungere, occorre pensare alla dimensione del vaso che lo conterrà, oltre a dover provvedere con frequenza alla sua innaffiatura  ad una regolare concimazione.

Fiorite

Per chi apprezza donare un colore intenso al proprio balcone, le siepi fiorite costituiscono invece le scelte più indicate.

siepe-balcone-forsizia

La forsizia presenta una ricca fioritura con petali dal color arancione intenso, con una manutenzione intensa tanto da richiedere una potatura annuale obbligatoria affinchè produca sempre fiori dal colore vivido. Non crea però una siepe molto folta, quindi è da consigliare per chi non ha particolari esigenze di privacy.

siepe-balcone-ibiscus

L’ibisco non ha una crescita troppo espansiva come la photinia od il lauroceraso od altri tipi di sempreverdi che si adottano per la siepe, rimanendo fitto e ramificato, senza la necessità di potarlo con frequenza. E’ una pianta tipica per l’estate che presenta tonalità che spaziano dal rosa al fucsia al rosso, dando così vivacità al balcone.

clematis

La grande famiglia delle clematis ha al suo interno alcune specie sempreverdi come la clematis armandii, che presentano il grande ed interessante vantaggio di formare un piacevole e casuale groviglio fra di esse. Penzolando poi dalla ringhiera del balcone, rappresentano una vera proposta per abbellire il balcone.

Siepe da balcone: scelta dei vasi

La scelta dei vasi in cui disporre la siepe è fondamentale per la sua miglior crescita; in base all’altezza che si desidera, in modo che le piante siano sane e robuste, le vasche che conterranno gli arbusti devono essere il più grande possibile, compatibilmente con lo spazio disponibile.

siepe-balcone-5

A tal proposito, la qualità del terriccio è importante dato che assicura alle radici di crescere in maniera sana. Certamente le grandi offerte scontate che si trovano presso grandi magazzini possono spingere all’acquisto. Consigliabile però, per rimanere soddisfatti del risultato finale, recarsi presso i garden center chiedendo un parere agli esperti di settore.

Molto probabilmente vi consiglieranno di comprare terriccio contenente
pietra pomice o lapillo, ideali per le piante stesse.
Se la siepe viene sistemata sopra un balcone a sbalzo, è consigliabile, per il mantenimento della struttura di acquistare vasi in plastica o resina, più leggeri rispetto ai contenitori in cemento, pesanti e dunque più problematici in caso di spostamento.

Come creare una siepe sul balcone: guida

siepe-balcone-7

Dopo aver provveduto alla scelta dei vasi adatti al balcone di casa, valutando con attenzione la questione del peso che dovrà sorreggere per molti anni la superficie, possiamo procedere ad allestire il piccolo giardino.

  1. Disporre i vasi lungo il perimetro, lasciando circa 40 cm di margine dal muro.
  2. Sistemare sul fondo del vaso uno strato di ghiaia in modo da evitare la formazione di ristagni d’acqua.
  3. Versare sopra il terriccio.
  4. Impiantare, lasciando circa 30 cm di spazio fra una pianta e l’altra.
  5. Innaffiare abbondantemente.

Siepe da balcone: manutenzione

siepe-da-balcone

La manutenzione della siepe richiede la massima attenzione: vedere le piante del balcone sfiorire, perdendo colore e vivacità non è certamente il massimo dell’estetica, considerando che la sostituzione potrebbe comportare sforzi fisici ed economici, non indifferenti.

Come prima cosa, occorre informarsi sulle necessità che le piante richiedono, differenti per ciascuna specie.

Potatura

La potatura regolare della siepe è una buona norma, trattandosi del modo migliore per averne cura, mantenendola sempre florida e verde. Alcune specie, soprattutto quelle a crescita rapida, richiedono lavori continui, dunque affidarsi a mani esperte può essere la strada giusta.

Interrare la siepe

siepe-balcone-4

Nel corso della sua vita, la siepe richiede di essere rivitalizzata, mediante l’operazione di rinvasamento, ovvero la sostituzione della terra con una nuova e più fertile.

Le siepi poste nei vasi richiedono soltanto opere di travaso parziale, ovvero un rinnovamento del terriccio, da eseguire 1/2 volte l’anno, in genere in primavera ed autunno.

La maniera corretta è la seguente:

  1. Rimuovere i primi strati di terreno arrivando fino alle radici, provvedendo semplicemente a farlo con le mani.
  2. Aggiungere del terriccio fresco, facendosi consigliare su quello adeguato al tipo di pianta.
  3. Compattare leggermente.
  4. Bagnare.
  5. Verificare dopo due settimane il livello del terriccio: qualora fosse sceso, aggiungerne altro.

Nel terriccio nuovo meglio aggiungere anche fertilizzante a cessione programmata: in questa maniera anche gli strati inferiori verranno nutriti per un periodo di tempo maggiore.

Siepe da balcone artificiale

A white bench on artificial grass and ornamental plants on artif

Quando non si ha la passione ed il tempo per curare con attenzione le piante, ci si può orientare verso una soluzione sicuramente più economica e che richiede manodopera unicamente in fase di installazione: stiamo parlando della siepe artificiale.

Per ovviare ai problemi di privacy, volendosi mettere al sole per ore in costume od in bikini, senza avvertire quella fastidiosa sensazione di sentirsi osservati, la siepe artificiale consente di schermare il proprio balcone con altrettanta efficacia rispetto ad una naturale.

siepe-balcone-artificiale-2

Realizzata in materiale sintetico, polipropilene su tutti, viene venduta in rotoli oppure a quadrati dalle dimensioni specifiche, consentendo di trovare  il modello adatto per grandezza. Trattandosi di siepi che vengono agganciate alla ringhiera, i rotoli hanno un’altezza di circa 150 centimetri, per facilitare l’operazione.

In commercio si trovano siepi artificiali che replicano diverse piante. L’edera è sicuramente la preferita anche  dai consumatori, trattandosi di una tipica pianta rampicante. Non mancano opportunità di altre tipologie come sottobosco, acero rosso, cipresso e bosso.

La manutenzione di una siepe sintetica è pressoché irrisoria, non dovendo essere bagnata e tagliata, se non al massimo eliminando quei pezzetti che dovessero staccarsi e risultare anti estetici.

Siepe da balcone in condominio: problemi?

color-cioccolato-balcone

Anche per chi abita in un condominio è possibile allestire un piccolo giardino privato, piantando o sistemando una siepe sul balcone? Vediamo cosa dice sull’argomento la normativa italiana.

In linea generale, il balcone costituisce una parte dell’appartamento e dunque di proprietà (o facente parte dell’immobile se vive in affitto), pertanto il condomino può adibire in maniera allegra e colorata, con piante ed illuminazione se necessario, lo spazio disponibile.

Per essere certi della possibilità, occorre però dare una lettura al regolamento condominiale per verificare la presenza di norme contrarie o limitanti l’esposizione di piante e fiori. Anche accertarsi, consultando il regolamento comunale, consente di avere il quadro normativo completo, circa la possibilità di eventuali piante vietate per motivi sanitari od altri.

ikea-catalogo-vasi

L’ancoraggio delle fioriere e dei vasi è richiesto per motivi di sicurezza, tanto che lo stesso regolamento di condominio potrebbe indicare modalità specifiche o prevedere la sistemazione delle piante soltanto in appositi vasi, qualora presenti.

La precauzione nel sistemare le piante deve essere massima: in caso di incidente, con caduta di uno o più vasi per svariati motivi, un temporale molto forte con vento, la rottura di un gancio di supporto ed altre eventuali cause, farebbe incorrere il condomino in una responsabilità per danni a terzi e/o cose.

siepe-balcone-artificiale-3

Infine il decoro architettonico dell’edificio potrebbe venire compromesso: in questo caso, anche se non espressamente indicato nel regolamento condominiale, uno o più inquilini potrebbero fare richiesta di rimozione delle piante, ricorrendo anche in giudizio se dovessero ritenerlo necessario.

E’ buona norma, così valutare con attenzione la posa di un siepe, chiedendo ed informando l’amministratore del vostro intento, per la miglior convivenza possibile.

Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger
  • Esperto di Arredo e design

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta