Luce naturale con il tunnel solare: il metodo ad impatto zero

Nell’era della transizione green ed ecosostenibile, ecco il tunnel solare: un metodo naturale e a impatto zero per illuminare e arredare allo stesso tempo.

Illuminazione naturale con tunnel solare – AGG –
tunnel solare

La luce solare, naturale e benefica, è un toccasana per tutti gli esseri viventi: fonte autentica di vita e riproduzione, curativa per corpo e mente, essa è un bene prezioso e utilissimo. Ideale anche per scaldare l’ambiente di casa e anche gli arredi che necessitano di temperature tiepide e costanti per non incorrere in usura e danni da tempo e umidità.

Per questo illuminare in modo naturale con il tunnel solare diviene oltremodo necessario, anche alla luce della transizione green che stiamo attraversando. Una soluzione ecologica e anche vantaggiosa a livello monetario: il sole è gratis ed è per tutti, e non terminerà mai.

Scopriamo assieme come funziona il tunnel solare, come è possibile illuminare e tutti i dettagli in merito.

Illuminazione naturale con tunnel solare – AGG –
tunnel solare in capannone

Illuminazione naturale con tunnel solare: cos’è e come funziona

Illuminazione naturale con tunnel solare – AGG –
tunnel solare elemento captatore

Il tunnel solare, chiamato anche tubo solare, altro non è che un lucernario tubolare in grado di illuminare in modo naturale una stanza o un ambiente che non presenta finestre: nel dettaglio, parliamo di diffusori telescopici innestati nel tetto, aventi diametro di circa 27/35 cm.

Proprio i diffusori, in azione combinata con un captatore esterno in vetro, permettono la diffusione dei raggi solari all’interno della stanza: il sistema su cui si fonda il tunnel solare è di illuminazione riflessa, e non diretta.

Esso è installabile su qualsiasi superficie di tetto, pianoro o falda, purché sia orientato a sud: validissimo sia per edifici privati e residenziali che industriali e commerciali. Il suo posto ideale dove rende al meglio sono soppalchi, mansarde e soffitte/sottotetti.

Il tunnel solare è strutturato su 3 elementi costitutivi: elemento captatore (cupola di vetro cattura-raggi), condotto rivestito in materiale riflettente e diffusore in plastica o vetro (una plafoniera).

L’elemento captatore, posto sul tetto, cattura di continuo i raggi solari e li incanala nel condotto: grazie al materiale riflettente, la luce rimbalza letteralmente, riflettendosi nella casa grazie al diffusore che ne amplifica effetti e luminosità.

Illuminazione naturale con tunnel solare: prestazioni e modelli

Illuminazione naturale con tunnel solare – AGG –
tunnel solare per bagno a ventilazione

Per capire innanzitutto quanti tunnel solari occorrono per illuminare un ambiente, bisogna dividere i metri quadri da illuminare per i metri quadrati illuminati dal tubo solare prescelto. Su quanto esso illumini, dipende poi da 3 diversi diametri.

Ad esempio, un diametro di 25 cm illumina come una lampadina da 70 watt, uno di 35 cm come una da 150 watt, un diametro infine di 55 cm illumina la stanza come una lampadina da 400 watt.

Esistono due tipi di tunnel solari: orizzontali e con ventilazione. I primi sono adatti per una parete ben esposta sulla quale montare direttamente la calotta e poi posizionare il condotto in senso orizzontale ed essendo chiuso non permette aerazione naturale ma può esser dotato di specifici accessori.

Passando invece all’altro modello di tunnel solare, quello a ventilazione, esso è adattissimo per tetti e falde, specie se con pendenze: necessario per zone come bagno e cucina che necessitano di buone areazioni dei rispettivi ambienti.

Illuminazione naturale con tunnel solare: pro, contro e costi

Illuminazione naturale con tunnel solare – AGG –
tunnel solare

Questa soluzione ha vantaggi chiari: innanzitutto ridurre il consumo di energia grazie all’illuminazione naturale, vera svolta green e al passo con i tempi. Poi, si potrà ridurre il tasso di umidità presente nell’aria, contribuendo alla salute a al benessere di chi vive quegli ambienti.

Potrebbe interessarti Finestre per tetti piani

Inoltre, il tunnel solare che illumina in modo naturale le stanze è versatile e può esser installato come detto su parecchie superfici, in diversi ambiti e contesti. Inoltre, grazie ai differenti materiali di design, può abbellire e donare eleganza a tetti, pareti ed edifici, aumentandone persino il valore complessivo.

Senza considerare i benefici per la salute e l’organismo derivanti dall’esposizione alla luce solare: la vitamina D aumenta le difese immunitarie e regolarizza i processi digestivi e ormonali, anche in ambito di ciclo mestruale e infiammazioni croniche.

Tra gli svantaggi, il discorso stagionale e meteorologico: essendo legata al sole e ai raggi, dipende da un elemento mutabile e variabile a seconda delle zone e delle giornate. Altro gap, non è una finestra: niente vista sull’esterno, il che può avere i suoi svantaggi.

Infine, come vediamo a breve, il discorso economico legato ai costi di installazione, non proprio bassi.

Per quanto riguarda i costi di installazione, come accennato, non sono del tutto abbordabili: essendo un’energia rinnovabile e green, ancora le spese a riguardo restano relativamente alte. Variando da modello a modello, è però possibile stilare una spesa media a tal proposito.

Per i tetti piani, siamo sulle 600 euro mentre per i tetti a falda siamo sulle 430 euro: a tali cifre va aggiunto il costo della manodopera, quello del montaggio e eventuali opere murarie necessarie alla messa in opera. Esse, ovviamente, variano da caso a caso.

Online si trovano kit a 350 euro, ma poi occorre installarli: fate bene i conti prima di fare il passo più lungo della gamba. Infine, i permessi: verificare sempre presso il Comune la fattibilità del progetto, onde evitare rogne.

Illuminazione naturale con tunnel solare: foto e immagini

Ecco alcune immagini di tunnel solari per illuminare in modo naturale.