Cucina con penisola errori da evitare


Come sviluppare la penisola della vostra cucina? Come progettare i moduli senza sprecare spazio? Ecco tutte le regole da conoscere per non rinunciare alla praticità del bancone e non incappare negli errori più comuni.

Cucina-penisola-errori-spazio-unico



Scegliere la penisola per la cucina

La penisola in cucina è un elemento molto apprezzato per diverse ragioni, in parte estetiche ma certamente legate alla praticità e funzionalità degli spazi, caratteristiche fondamentali delle case moderne. È una soluzione che molti preferiscono alla classica isola, perché si adatta bene anche alle piccole cucine e crea una continuità con l’ambiente circostante, conferendo armonia e stile all’insieme.

La cucina con penisola risulta estremamente funzionale quando si tratta di preparazione dei pasti, perché permette di sfruttare più superfici disposte alla giusta distanza dal necessario.

Anche in fase di ristrutturazione, la penisola si rivela una soluzione piuttosto semplice, soprattutto se la stanza non è molto ampia; passare da una cucina strutturata tradizionalmente, inserendo il modulo peninsulare non è un cambiamento complicato, e aggiunge moltissimo in termini di gusto e praticità.

Gli interventi da attuare sono meno complessi e dispendiosi se si paragonano a quelli dovuti per l’isola, visto che la penisola può fungere da piano cottura e piano di lavoro senza dover modificare gli impianti presenti.

Cucina-penisola-errori-dimensioni

Penisola in cucina, regole da conoscere ed errori da evitare

Ci sono delle regole da tenere presenti quando si parla di penisola, vi proponiamo quelle che vi consentiranno di ottenere la massima resa nella composizione della vostra cucina, senza commettere errori che comprometterebbero il risultato finale.

Le dimensioni di cucina e penisola

Potrà sembrare ovvio parlarne, ma in fase di progettazione non trascurate le misure dello spazio a vostra disposizione; la penisola dovrà essere un modulo proporzionato al resto della composizione e all’ambiente circostante, e sottovalutare questa regola, forse tentati dall’idea di avere una grande superficie a disposizione, può distrarvi dal realizzare una cucina ben strutturata nella sua globalità.

Entrando nel dettaglio della questione, considerate gli ingombri minimi necessari, quindi la distanza fra la penisola e gli elementi circostanti, in modo che sia possibile aprire agevolmente le ante o permettere che due persone possano cucinare insieme. Se la casa è nuova, tenete conto in fase di progettazione di eventuali impianti da condurre nella penisola e predisporre l’uscita dei fumi. In caso di ristrutturazione, valutate la complessità di effettuare lo spostamento degli impianti e, se dovesse essere notevole, optate per mantenere il modulo semplicemente come tavolo e piano di lavoro.

Se avete una cucina piccola, ma non volete rinunciare al bancone, sappiate che una penisola può essere ricavata da un muro divisorio su cui apporre una mensola: otterrete così un piano d’appoggio perfetto.

Leggere anche cucina con isola

Cucina-penisola-errori-piccola

L’illuminazione della penisola

In una cucina si considera fondamentale la luce per il piano cottura, per il tavolo e per il piano di lavoro.

Se avete scelto la presenza della penisola, non trascurate di illuminarla, qualunque sia la sua funzione; optate per piccole lampadine coordinate da appendere al soffitto, oppure per un lampadario importante, se le dimensioni ve lo consentono e se, ad esempio, avete pensato di destinarla ad uso tavolo per consumare i pasti. I faretti led saranno un’ottima soluzione per la penisola di una cucina moderna e perfettamente illuminata.

Cucina-penisola-errori-illuminazione

Stile della penisola in linea con la cucina

È molto importante considerare la penisola come parte integrante della cucina, quindi anche lo stile del vostro bancone dovrà essere armonico rispetto al resto della composizione. Per ottenere un insieme ordinato e omogeneo, rivestitela con gli stessi materiali e colori, riprendendo le tinte e le piastrelle che rivestono il piano di lavoro e di cottura, oppure osate con qualche elemento discontinuo, per esempio sviluppandola su due livelli,  per diversificare l’effetto visivo, ovviamente senza esagerazioni.

Cucina-penisola-errori-divisorio

Penisola e funzionalità

Abbiamo ampiamente parlato di quanto una penisola in cucina aumenti la funzionalità e la praticità di tutte le attività che andrete a svolgere; per realizzare un modulo perfetto per le vostre esigenze, considerate quale volete che sia l’utilizzo del bancone:

  • penisola come piano cottura e lavello: se avete la possibilità di adattare gli impianti, potrebbe piacervi l’idea di collocare il piano cottura, il lavello o addirittura entrambi sulla penisola; questo vi consentirà di predisporre gli alimenti per la cottura e cucinarli con grandissima praticità, eventualmente inserendo delle ante nella parte bassa del modulo, così da avere a portata di mano anche i contenitori e le stoviglie necessarie;
  • penisola come piano di lavoro: è il suo utilizzo più comune, perché lo spazio su cui lavorare quando si cucina non è mai abbastanza; con un piano ampio e sempre sgombro, su cui collocare un bel tagliere di design in marmo o in legno trattato, avrete una superficie perfetta per tutte le vostre attività;
  • penisola come tavolo: la penisola è il piano ideale per colazioni, pranzi e aperitivi originali; utilizzarla come tavolo, richiederà di abbinare anche degli sgabelli alla giusta altezza, che daranno un ulteriore tocco di stile all’insieme.

Orientarsi sulla destinazione d’uso della penisola dipende molto dallo spazio che avete a disposizione e ovviamente dalla possibilità di predisporre gli impianti diversamente, rispetto ad un progetto tradizionale della cucina; in ogni caso, la regola da rispettare è quella di organizzare l’ambiente in modo da avere la giusta libertà di movimento e degli spazi organizzati per essere pratici. La penisola non deve essere un accessorio, ma parte integrante dell’ambiente composto da tutti quegli elementi (elettrodomestici, piano cottura, lavello, piano di lavoro, pensili) in cui pulire gli alimenti, conservarli, cucinarli e consumarli.

Cucina-penisola-errori-golfo

Posizionamento della penisola

Se vi piace una cucina a vista e non volete separarla dalla zona soggiorno o salotto, potete utilizzare la penisola come divisorio tra gli ambienti, sfruttando l’effetto da parete finta, senza togliere luminosità e continuità agli interni della vostra casa.

Un classico esempio di questo uso è la cucina a golfo (o a “U”), sviluppata su tre lati, di cui uno sarebbe proprio la penisola, (eventualmente anche a modulo angolare, se si dispone di una parete sola), che andrebbe a dividere idealmente lo spazio dedicato alla cottura senza ricorrere ai tradizionali muri. Questo utilizzo della penisola risulterà notevolmente funzionale, consentendovi di sfruttare al meglio gli spazi anche in una casa piccola, dove spesso si può usufruire di un solo ambiente.

Leggere anche Cucina con penisola.

Cucina-penisola-errori-rotonda

Galleria foto di cucine con penisola

Abbiamo selezionato per voi alcune idee che vi aiuteranno nella scelta della penisola perfetta per la cucina:

Caterina Braccini
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta