5 motivi per scegliere una cucina vintage

Andrea Proietti
  • Dott. in Scienze della Comunicazione

La cucina classica, o vintage come si ama dire, è un qualcosa che ritorna prepotentemente nel gusto di molte persone. Stile e colori unici che non danno la sensazione di qualcosa di superato ma che, al contrario, sanno di continuità col passato. Perché scegliere una cucina retrò?

5 motivi per scegliere una cucina vintage

La cucina è uno degli ambienti in cui trascorriamo la maggior parte del tempo, da soli o insieme alla nostra famiglia nei diversi momenti della giornata. Un luogo intimo per eccellenza che, come le altre stanze della casa, merita un arredamento non improvvisato ma che al contrario possa soddisfare il nostro gusto e le nostre esigenze, creare un qualcosa di utile ma allo stesso tempo unico.

Diversi sono gli stili che i produttori riservano per i mobili della cucina, la preferenza di ciascuno di noi giocherà un ruolo fondamentale.

Tuttavia, nonostante crescano nuove idee sul mercato che si basano sulla modernità, in moltissimi non rinunciano ad avere cucina in stile vintage, un tuffo nel passato che magari è pieno di ricordi, di emozioni e di voglia di fare un bel salto negli anni trascorsi con genitori e nonni. Il vintage è lo stile intramontabile, l’idea che non passa mai, la creazione che dura negli anni e che conquista sempre più persone, giovani soprattutto.

Una cosa incredibile se si pensa al fatto che oggi ci si potrebbe dirigere verso mobili più smart, più veloci da assemblare e forse a orezzi via vantaggiosi: a dispetto di tutto ciò ecco che si registrano richieste e vendite crescenti per le cucine retrò, una garanzia sempre attuale. Vediamo alcuni motivi che possano giustificare questa scelta.

1. Dettagli: presenze indiscutibili

5 motivi per scegliere una cucina vintage

Abbiamo accennato in precedenza a come lo stile vintage possa avere anche oggi un qualcosa di unico che rapisca l’attenzione di chi è deciso ad acquistare una cucina o a cambiare stile ad una esistente.

I dettagli in questo senso giocano un ruolo fondamentale perché favoriscono la realizzazione delle idee, in un certo senso danno sfogo ad una certa creatività anche per la presenza di più accessori rispetto ad uno stile moderno.

Il riferimento è, come facilmente immaginabile, a rubinetteria, maniglie di ogni tipo, gli elementi in muratura, i piedini ma anche boiserie, lesene, i capitelli fino ad arrivare alle cornici. Potrete anche scegliere modelli in cui fanno bella mostra dispense angolari o anche vetrine, elementi che potrete trovare solo nei modelli retrò.

Attenzione, comunque, a non creare una sorta di confusione d’arredamento, tutti questi elementi andranno scelti e sistemati secondo sì il gusto personale ma anche una logica per non mettere il tutto alla rinfusa. Seguire i suggerimenti di personale qualificato, che possa creare ciò che voi avete in mente, è la soluzione migliore.

2. Piano di lavoro in ceramica o marmo, efficacia e comodità retrò

5 motivi per scegliere una cucina vintage

Una cucina vintage però è anche caratterizzata dall’eleganza, elemento non da poco che caratterizza uno stile scelto proprio per delle connotazioni precise, un biglietto da visita da presentare a tutte quelle persone che vorranno venire a trovarci e che possono vedere in questo arredamento molto della nostra personalità.

Il piano di lavoro, ad esempio, ha un impatto estetico molto importante, l’eleganza della cucina passa anche per questo elemento.

La scelta migliore è tra due elementi in buona sostanza, il marmo e la ceramica con questo secondo materiale che, utilizzato anche per lo schienale para-schizzi, contribuisce anche visivamente a qualcosa che possa soddisfare i gusti di chi sogna ed immagina una visione completa e d’insieme molto buona.

Il piano di lavoro, oltre alla sua utilità e praticità, rappresenta un punto focale anche sotto l’aspetto visivo, d’impatto, spesso è una delle prima cose che salta all’occhio.

Ecco perché curarlo e realizzarlo in maniera vintage può dare la sensazione di una cucina efficace, sicura e comoda.

3. Legno, protagonista indiscusso

5 motivi per scegliere una cucina vintage

Un altro motivo per cui scegliere una cucina vintage è senza dubbio quello relativo ai materiali. Molto probabilmente quando pensiamo al retrò, come al nostro caso applicato all’ambiente della cucina, la prima cosa che ci viene in mente è il legno, forse il simbolo che nell’immaginario collettivo rappresenta questo stile.

Qui si potrebbero aprire capitoli infiniti sulla bellezza, la robustezza e la compattezza di questo materiale massiccio, come il rovere, l’abete o anche il legno massello. Uno stile classico di cucina come rustico, country, coloniale, tradizionale, shabby così come il vintage che fanno del legno una delle caratteristiche più importanti, se non la migliore.

Lasciatevi conquistare allora da esso, dai suoi intagli, dai nodi e dalla sua nervatura che lo rende unico, diremmo immortale per quanto riguarda lo stile e l’eleganza di arredamento.

4. Colori, non solo quelli classici ma anche nuove tonalità

5 motivi per scegliere una cucina vintage

Sotto allora con un altro aspetto fondamentale dell’arredamento della cucina, quello cioè che si rifà al colore. Anche qui seguiremo il nostro gusto, le nostre idee per creare qualcosa di unico che possa far rendere al meglio l’ambiente in questione e, perché no, dare una continuità cromatica in riferimento agli altri ambienti della casa.

Oppure, al contrario, molti tendono a ‘spezzare’ questa continuità di colori, riservando alla cucina un qualcosa di unico e di estremamente personale.

I colori per una cucina vintage sono principalmente quelli caldi, dati anche dal tono del legno che tende a scaldare l’intero ambiente. Ma sbaglia chi pensa che non si possa osare con altre tonalità, magari accorpate con il vetro per creare lo stile che si stava cercando: ecco allora che l’azzurro, il giallo, il color creta, quelli salvia e juta e molti altri ancora faranno tendenza in un risultato armonioso ed equilibrato.

5. Tecnologia: presente anche nelle cucine classiche

5 motivi per scegliere una cucina vintage

Spesso si commette un errore, quello cioè di pensare che tutto ciò che si rifà al vintage sia vecchio, obsoleto, superato. Tutto questo è assolutamente sbagliato perché anche per questi tipi di arredamenti e mobilia bisognerà far riferimento ad aspetti a cui non si potrà fare a meno. Quali? Pensate ad esempio ai cassettoni push & pull oppure gli stessi cassetti o le ante che si aprono nella classica modalità a vasistas.

E come non fare riferimento agli elettrodomestici? Le cucine classiche possono ospitare tranquillamente anche i più moderni e funzionali elettrodomestici che il mercato possa mettere sul mercato. Insomma, il connubio vintage e modernità è una cosa possibile, si possono inserire degli elementi che forse mai si poteva pensare andassero ottimamente.

Scegliete la cucina vintage, date un tocco classico sempre elegante, unico, intramontabile.

5 motivi per scegliere una cucina vintage: foto e immagini

La bellezza sempre attuale dei modelli vintage delle cucine, scegliete quella che fa al caso vostro