Ecobonus 2020: come approfittare dell’incentivo confermato dal Governo


Ecobonus 2020 come funziona, importanti conferme previste in materia di riqualificazione energetica. I massimali di spesa, la differenza tra aliquota 65% e 50% . Le modalità per effettuare i pagamenti. Sconto immediato in fattura. FAQ importanti.

casa


Ecobonus 2020, rinnovato dal Governo italiano anche per il prossimo anno solare, prevede una serie di provvedimenti che rendono meno onerosi i costi da sostenere per effettuare lavori ed opere nell’abitazione che abbiano come obbiettivo finale una miglior efficienza energetica.

L’elemento importante è che a poter godere di questi benefici fiscali è sia il proprietario dell’immobile che l’affittuario od usufruttuario dell’abitazione.

ecobonus

Sebbene il provvedimento normativo sia ancora da approvare in maniera definitiva entro il prossimo 31 dicembre con la Legge Finanziaria, il Governo ha già comunicato di voler ratificare la norma che in questi ultimi anni si è rivelata decisiva per dare avvio ad una serie di opere per migliorare il rendimento energetico delle abitazioni.

In previsione dei lavori che potreste attivare nel prossimo anno solare 2020, ricordiamo come funziona il provvedimento.


Ecobonus 2020: aliquota 65%

Bonus mobili coppie under 35

lavori ammessi per beneficiare dell’Ecobonus 2020 con aliquota di detrazione 65% sono i seguenti:

  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di efficienza pari alla classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti;
  • sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldaacqua a pompa di calore;
  • installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda;
  • l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, acqua calda e climatizzazione.

Le detrazione fiscale comprende le spese sostenute per i lavori edili ed eventuali prestazioni professionali fornite da personale specializzato.

Non cambia dunque il requisito fondamentale: obbiettivo degli interventi è migliorare l’efficienza energetica dell’immobile.

Ecobonus 2020: aliquota 50%

temperatura-caldaia

La proroga degli incentivi fiscali in materia energetica riguarda anche la seconda aliquota di detrazione, pari al 50%. Dunque, a partire dal 1° gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, sarà possibile detrarre in sede di dichiarazione dei redditi con aliquota 50% i seguenti interventi:

  • acquisto e posa in opera di finestre con infissi
  • acquisto e posa in opera di schermature solari
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti con caldaie a biomassa e caldaie a condensazione con efficienza pari alla classe A di prodotto prevista dal Regolamento delegato (VE) N. 811/2013
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di €30.000

Ecobonus 2020: condomini

alberi-condominio-3

Le spese relative ad interventi effettuati nell’ambito di un condominio prevedono invece detrazioni più elevate, confermate anche per l’anno solare 2020, ovvero:

  • fino al 70%, se le opere registreranno una incidenza più elevata del 25% della superficie totale disperdente lorda dell’immobile
  • fino al 75%, se le opere saranno finalizzate a ottimizzare le prestazioni energetiche invernali ed estive

Ecobonus 2020: importo massimo detraibile

Confermati anche gli importi massimi detraibili in base alla tipologia dell’intervento effettuato, ovvero:

  • per interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale: €30.000
  • per interventi di riqualificazione dell’involucro di edifici esistenti: €60.000
  • per opere di riqualificazione energetica globale: €100.000
  • installazione di pannelli solari destinati alla produzione di acqua calda, sia per usi domestici che industriali; per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università : €60.000

Ecobonus 2020: documentazione

valvole-termostatiche-radiatore

Per essere ammessi al beneficio fiscale, è importante prestare la massima attenzione alla documentazione necessaria, da richiedere all’azienda che esegue i lavori e da conservare con cura.

Per quanto riguarda la modalità per i pagamenti utili ad usufruire delle detrazioni, esiste una distinzione:

  • chi non è titolare di reddito di impresa deve effettuare il pagamento delle spese sostenute mediante bonifico bancario o postale, cosiddetto parlante;
  • chi è titolare di reddito di impresa è esonerato dall’obbligo di pagamento mediante bonifico parlante. In questo caso, dovrà fornire altro tipo di documentazione idonea, come ricevuta del pagamento con bancomat o carta di credito.

radiatore

In ogni caso, qualunque sia il metodo di pagamento, devono risultare chiare le seguenti informazioni:

  • causale del versamento, con riferimento alla norma (articolo 16-bis del Dpr 917/1986)
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento
  • il numero e la data della fattura

Ecobonus 2020: sconto immediato

E’ importante ricordare e sottolineare, per chi non fosse ancora a conoscenza, che dal 1° luglio 2019, in virtù del Decreto Crescita, è possibile godere dello sconto immediato in fattura, al momento dunque del pagamento, dell’importo che si avrebbe invece potuto detrarre in 10 rate annuali di pari importo.

La possibilità, che deve essere accettata dal fornitore/installatore, può essere meglio compresa grazie alla lettura dell’articolo Ecobonus 2019: come funziona la cessione del credito.

Sono allo studio, da parte del Governo e del Ministero dell’Economia, alcune possibili variazioni che possano rendere più facile ed appetibile, anche da parte delle piccole e medie aziende, la possibilità di concedere lo sconto immediato in fattura, opzione molto gradita da parte di tanti nuclei famigliari alle prese con la gestione della liquidità finanziaria.

Ecobonus 2020: FAQ

valvole-termostatiche-calorifero

Spesso possono sorgere dubbi in merito alle agevolazioni fiscali, trattandosi di una serie di interventi che comprendono opere murarie, rinnovamento di giardini oppure acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

Ecco che chiarire alcuni punti rimane fondamentale:

  • la detrazione fiscale detta Ecobonus è riconosciuta soltanto per lavori effettuati su abitazioni ed edifici già esistenti, dunque già iscritti al catasto o per quali la pratica è già stata avviata. In questo caso sarà importante conservare le ricevute dei pagamenti delle imposte comunali ICI e IMU
  • immobili che siano in costruzione, non determinano il diritto a richiedere l’agevolazione fiscale
  • l’Ecobonus non è cumulabile con il Bonus ristrutturazioni 50%, ugualmente confermato per l’anno solare 2020

Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger
  • Esperto di Arredo e design

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta