Bonus Verde 2020: ecco quali lavori puoi fare


Bonus Verde 2020: detrazione fiscale per lavori di ristrutturazione di giardini e spazi verdi di balconi e terrazzi condominiali e privati. Tipologie di lavori ammessi, requisiti, detrazioni e documenti da conservare.

giardino-pensile-10


Bonus Verde 2020: la possibilità di detrarre le spese connesse alla corretta manutenzione dello spazio verde dal giardino, al balcone al terrazzo. Al terzo anno consecutivo, rinnovato ancora dal Governo italiano, consente al contribuente di sfruttare un’importantissima agevolazione fiscale.


Bonus Verde 2020: ristrutturazione giardini, balconi e terrazzi

giardino-pensile-3

L’incentivo fiscale permette, per i lavori effettuati a partire dal 1° gennaio 2020 e per tutto l’anno solare, dunque avviati entro il 31 dicembre 2020, di aver diritto ad una detrazione fiscale pari al 36% per i lavori ristrutturazione di giardini, balconi e terrazzi.

Limite detrazione

Il limite massimo dell’importo detraibile è fissato in € 5.000, pertanto potranno essere recuperati nella dichiarazione dei redditi fino a €1.800 (ovvero il 36% di €5.000).

Ripartizione della detrazione

L’agevolazione verrà ripartita in 10 anni, a quote costanti, a partire dall’anno in cui si sono sostenute le spese ed in quelli successivi.


Leggi anche: Bonus verde siepe 2020: come fare

Per interventi eseguiti su parti comuni dei giardini condominiali, il limite di spesa rimane fissato ad € 5.000 per unità immobiliare ad uso abitativo.

Tuttavia, per godere del beneficio fiscale, il condomino dovrà aver regolarmente pagato la sua quota-parte di lavori al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Bonus Verde 2020 per prima/seconda casa

giardino-pensile

Un’aspetto importante da sottolineare e da tenere in considerazione al momento di intraprendere il lavori è che il Bonus Verde è riferito all’immobile per il quale vengono effettuati i lavori e non alla persona proprietaria o titolare di un diritto sull’immobile.

Dunque ogni persona fisica può sommare le detrazioni per le spese sostenute su ciascun immobile di sua proprietà.

Abitazione promiscua

Se la casa, appartamento o villetta che sia, in cui si procede ad interventi è adibita ad uso promiscuo, ovvero funge sia da abitazione che ad attività commerciale, la detrazione viene goduta soltanto nella misura ridotta del 50%, ovvero la metà rispetto alle quote che si sarebbe potuto detrarre in situazioni normali.

Bonus Verde 2020: beneficiari

Sono ammessi alla detrazione le seguente categorie di persone/enti:

  • Proprietario dell’immobile
  • Nudo proprietario
  • Chi gode di un diritto reale di godimento come l’usufrutto
  • Inquilino in affitto
  • Chi ha l’immobile in comodato
  • Imprese
  • Chi usa l’immobile per l’esercizio dell’attività professionale
  • Associazioni tra professionisti
  • Enti pubblici/privati che versano l’Ires
  • Case popolari

Bonus Verde 2020: lavori detraibili

E’ importante chiarire quali sono i lavori che rientrano nell’ambito dell’agevolazione fiscale. Trattandosi di conferma della precedente norma di bilancio, le opere e gli interventi che possono essere denunciati nella dichiarazione dei redditi sono:

  • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni;
  • impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi;
  • riqualificazione di prati;
  • grandi potature;
  • fornitura di pianti ed arbusti;
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.


Potrebbe interessarti: Bonus giardino pensile 2020: come funziona le detrazione

Occorre ricordare ed evidenziare che fra i costi detraibili rientrano anche le spese di progettazione purchè relative a lavori successivamente effettuati.

L’acquisto di piante in vaso è detraibile, purchè faccia parte di una serie di interventi più ampia di trasformazione del giardino.

Bonus Verde 2020: lavori non detraibili

come-disporre-piante-giardino

Trattandosi di manutenzione del giardino, si può pensare che qualunque acquisto relativo alla cura del verde privato determini la possibilità di detrazione.

Non è così, infatti esistono una serie di spese che non possono essere detratte, ovvero:

  • acquisto di attrezzature per la cura e manutenzione del giardino come tagliaerba, pale, picconi, vanghe, forbici, etc
  • acquisto di vasi senza effettuare altri lavori di miglioramento dello spazio verde.

Bonus Verde 2020: pagamento

Il pagamento delle spese sostenute deve avvenire esclusivamente solo nei seguenti modi:

  • bonifico bancario o postale
  • assegno bancario o postale
  • carta di credito
  • bancomat

A differenza del Ecobonus, Bonus ristrutturazione casa e Bonus mobili ed elettrodomestici, in questo caso non è richiesto in alcun modo la forma del bonifico parlante. Sulla fattura, obbligatoria, saranno infatti riportate le informazioni relative alla tipologia di lavori effettuati.

Bonus Verde 2020: documenti

piante giardino piccolo rettangolare prato

Per poter accedere al bonus verde 2020, è necessario conservare con cura i documenti necessari da presentare poi al momento della dichiarazione dei redditi e per eventuali controlli effettuati dall’Agenzia delle Entrate:

  • fattura con indicazione del codice fiscale del richiedente, partita iva e ragione sociale dell’azienda che effettua il lavoro, tipologia ed indicazioni dei beni e servizi
  • documentazione del pagamento, consistente in copia del bonifico, ricevute del pagamento con carte di credito, bancomat

Bonus Verde: FAQ

In merito alle opere che sono ammesse alla detrazione, spesso si opera confusione circa i lavori che consentono di usufruire del bonus, a volte per mancanza di chiarezza o di corretta indicazione in fattura. Uno dei casi emblematici è l’abbattimento di uno o più alberi nel giardino resosi necessario per via dell’ammaloramento.

Cosa dice la normativa in questo caso? E’ ammessa la detrazione? Ebbene, in questo specifico caso, la procedura da seguire è molto semplice, per evitare di sostenere una spesa pensando di poterla detrarre, rimanendo poi delusi in un secondo momento.

Quando si intende abbattere una pianta per sostituirla con una o più nuove, occorre procedere così:

  1. chiedere l’intervento di un professionista
  2. verificare che in fattura siano chiaramente specificati i sopralluoghi effettuati prima del taglio dell’albero, le operazioni eseguite e lo scopo dell’intervento.

Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger
  • Esperto di Arredo e design
  • Fonte Google News

Commenti (1): Vedi tutto

  • Patrizia Angelucci - - Rispondi

    Vorrei sapere per cortesia se tra le spese detraibili per la sistemazione ex novo del giardino possono essere comprese quelle relative a grigliati per sostegno rampicanti. Grazie

Lascia una risposta