Stucco veneziano: come fare la manutenzione, i rimedi più efficaci

Lo stucco veneziano è un rivestimento artistico, elegante e ricercato che richiede una manutenzione particolare. Ecco come lucidare lo stucco veneziano e come rinnovarlo se è rovinato, come pulire le pareti a seconda della tipologia di stucco e tanti altri utili consigli per preservarlo al meglio.

stucco-veneziano-manutenzione-cover

Elegante, a tratti lussuoso, sicuramente ricercato. Lo stucco veneziano risponde a tutte queste caratteristiche e, non a caso, è uno dei rivestimenti più amati. Merito della sua superficie liscia e del suo inconfondibile aspetto levigato e, non secondariamente, della grande versatilità di questa tipologia di rivestimento.

Essendo molto delicato, spesso sorgono dei dubbi su come pulire le pareti in stucco veneziano e su come rinnovare questo tipo di stucco quando appare rovinato, opaco e poco brillante. Esistono, in realtà, molti rimedi fai da te, semplici e veloci, per la manutenzione di questo rivestimento. Sta a noi scegliere quello più adatto alle nostre esigenze, tenendo conto prima di tutto della tipologia di stucco a cui ci si approccia.


Leggi anche: Rosso Veneziano: il colore ideale per ravvivare casa

Lavabile o non lavabile? Con strato di cera protettiva o senza? Ecco tutto quello che c’è da sapere su come e quando lucidare lo stucco veneziano e come ripulirlo dai principali tipi di macchie.

Stucco veneziano: cos’è e quale scegliere

Lo stucco veneziano è un tipo di rivestimento per le pareti molto particolare, dall’aspetto elegante e ricercato. Vanta una storia antichissima: pare che, infatti, questa tecnica venisse utilizzata in Iran già 5.000 anni fa, mentre in Italia si sarebbe diffusa in seguito e a partire proprio da Venezia, città da cui prende il nome.

Si realizza sovrapponendo più strati di un materiale composto da acqua, calce e polvere di marmo. Si presenta con una superficie liscia e perfettamente levigata, piuttosto delicata e, per questo, bisognosa di cure specifiche e mirate. Nonostante la sua apparente “fragilità”, però, è altamente traspirante e resistente alla muffa.

I metodi di pulizia e per la manutenzione sono strettamente collegati alla tipologia di stucco. Esiste, infatti, lo stucco veneziano è di 2 tipi:

  • lavabile: rivestito da uno strato di cera protettiva e lucidante che lo rende completamente impermeabile
  • non lavabile: non prevede lo strato di cera ed è più facilmente soggetto alle macchie e a danni di vario genere.


Potrebbe interessarti: Stucco fiorentino: idee sofisticate per le pareti della tua casa

L’ideale sarebbe scegliere quello lavabile, che risulta molto più facile da pulire e più durevole nel tempo. Vi consigliamo, inoltre, di evitare questa tipologia di rivestimento in ambienti come la cucina e il bagno, dove le pareti – per via di schizzi di liquidi o di cibo – rischiano di rovinarsi con maggiore frequenza.

stucco-veneziano-manutenzione-2

Come pulire le pareti in stucco veneziano

Passiamo, a questo punto, ad alcune regole per la manutenzione e la pulizia dello stucco veneziano. Quando lo stucco veneziano è lavabile occorre semplicemente acqua e un normale detergente neutro per eliminare in modo efficace le macchie di piccola entità. Si può usare un comune sapone oppure, in alternativa, un detergente liquido delicato per il viso. Non bisognerebbe mai, invece, adoperare l’alcool che, in questo caso, rischia di compromettere la brillantezza dello stucco.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Il discorso cambia quando non è lavabile. L’acqua va evitata assolutamente, mentre l’alcool è adatto allo scopo. Per non rovinare lo stucco veneziano è importantissimo non esagerare con la pressione esercitata durante le operazioni di pulitura. Le macchie, infatti, tendono a dissolversi ugualmente.

Parliamo ovviamente di macchie comuni, non troppo estese e soprattutto non grasse. Le macchie di grasso, come quelle di olio per esempio, sono difficili da debellare anche se lo stucco è lavabile. In questo caso consigliamo l’utilizzo di detergenti specifici, reperibili con facilità in tutti i negozi di ferramenta. Si tratta, solitamente, di prodotti in spray che non contengono né alcool né ammoniaca, quindi molto delicati ma performanti. Non lasciano aloni e non vanno risciacquati, rendendo quindi l’operazione molto semplice.

Per rimuovere la polvere dallo stucco veneziano, invece, basta usare un panno in cotone. Passatelo sullo stucco, che sia lavabile oppure no è indifferente, anche tutti i giorni.

stucco-veneziano-manutenzione-5

Come lucidare e rinnovare lo stucco veneziano

Quando lo stucco veneziano è rovinato e perde di brillantezza, è il momento di passare uno strato di cera. Oltre a impermeabilizzare le pareti, infatti, la cera rende lo stucco più lucido e liscio. Se si tratta della prima stesura dopo la realizzazione dello stucco, la cera va applicata da un professionista.

Successivamente, è possibile procedere in totale autonomia con applicazioni periodiche. Se vi state chiedendo come passare la cera, sappiate che è un procedimento molto semplice. La cera si trova in tutti i negozi specializzati e basta procurarsi stracci in lana (o dei guanti) con cui applicarla, eseguendo movimenti decisi ma non aggressivi su tutta la superficie delle pareti.

stucco-veneziano-manutenzione-7

Stucco veneziano manutenzione: immagini e foto

I nostri consigli sulla manutenzione dello stucco veneziano vi sono tornati utili? Date un’occhiata alla galleria di immagini di seguito per ripercorrere i principali step e scoprire alcuni spunti per le pareti della vostra casa.

Maria Teresa Moschillo
  • Laurea in Editoria, informazione e sistemi documentari
  • Autore specializzato in Design, Lifestyle, Tendenze
Suggerisci una modifica