I 10 stadi più strani al mondo


I 10 stadi più strani al mondo. Immagina uno stadio immerso nell’oceano; pensa alla magia di un treno a vapore che fischia il calcio d’inizio di una partita, mentre percorre la linea laterale del campo regolamentare; e si potesse giocare sul tetto di un grattacielo con i riflettori di una billboard puntati su di noi? 

stadi-strani-14


Dal 1863, anno che sancisce la nascita del gioco del calcio come lo conosciamo noi, ne è passata di acqua sotto i ponti (e le porte). Da campi in terra battuta con sedute fatiscenti, alla creazione della prima struttura coperta con tribuna (anche se rudimentale e fatiscente) nel 1906, anno di fondazione, appunto, del White City Stadium a Londra; dall’Allianza Arena di Monaco del 2006, con pareti di gas fluorescente, alla realizzazione di vere e proprie meraviglie dell’architettura (qui c’entra il Qatar).

Lo stadio, da cornice del gioco più famoso al mondo diviene oggi coprotagonista di uno spettacolo: è fautore di un’esperienza che si estende al di fuori dei 90 minuti e che coinvolge tutti, dai più, ai meno affezionati. Siamo in presenza di capolavori dell’architettura contemporanea che riescono ad attrarre più visitatori del Louvre di Parigi (e per le dovute ragioni). Vediamo allora quali sono i 10 stadi più strani al mondo e perché vale la pena conoscerli.


Leggi anche: I bagni più strani al mondo


10 stadi più strani al mondo: il countdown

Dalla decima posizione alla prima, andiamo a studiare la geografia, le caratteristiche, la capienza e i luoghi che contraddistinguono gli stadi più strani del mondo.

stadi-strani-2

10. Janguito Malucelli (Brasile)

Amanti dell’eco-sostenibilità, ecco uno stadio realizzato interamente con materiali riciclati o sostenibili. Dalle sedute in legno, fissate direttamente sul manto erboso e ricavate da un’area locale di rimboscamento, al ferro delle gradinate ricavato dalle traversine dei binari, e all’elettricità dei pannelli solari, tutto è stato creato nel totale rispetto dell’ambiente. Persino lo sfondo, il parco naturale di Barigui, è immerso nella natura.

stadi-strani-21

9. Eidi Stadium (Isole Fær Øer)

Nel cuore dell’oceano, che meraviglia. Costruito sull’isola di Eysturoy, nel villaggio da cui prende il nome, l’Eidi Stadium è casa del team locale di ED/Streymur in quella che forse è una delle località più pittoresche che esistano al mondo. La tribuna è pressoché inesistente, così come lo sono le barriere che servirebbero ad impedire al pallone di tuffarsi nell’oceano, ma con una popolazione di circa 700 abitanti, basta poco per godersi lo spettacolo della natura (e del gioco).

stadi-strani-19

8. Stadio del TJ Tatran Cierny Balog (Slovacchia)

Ci sono treni che passano una volta sola (e altri che passano tra un’azione e l’altra di una partita di calcio). Sì, proprio così: lo stadio del TJ Tatran Cierny Balog in Slovacchia, è percorso, lungo un lato del perimetro, da un binario posto tra la tribuna e la linea laterale. Fun Fact: durante le partite giovanili e amatoriali, il treno, in perfetta funzione, passa fischiando – a cosa servono i fumogeni quando hai un treno a vapore?


Potrebbe interessarti: Bagno da brividi

stadi-strani-18

7. Ekaterinburg Arena (Russia)

Quando lo Stadio Centrale della Fc Ural Sverdlovsk Oblast, ovvero la squadra della divisione russa, fu scelto come campo da gioco per ospitare le nazioni del Mondiale 2018, la FIFA si oppose – gli standard erano troppo alti e lo stadio andava modificato. Da qui nascono le due tribune esterne al perimetro dello stadio originale, di 45 metri ciascuna, realizzate con lo scopo di riempire lo spazio di apertura presente in corrispondenza delle curve. Due stand temporanei con cui la Russia si aggiudica il settimo posto nella classifica degli stadi più particolari del mondo.

stadi-strani-15

 

6. Henningsvaer Stadion (Norvegia)

Da villaggio di pescatori a regno di calciatori. Si chiama Henningsvaer Stadion ed è il campo da calcio norvegese che sorge nell’arcipelago delle Lofoten, a nord-est. Un vero e proprio spettacolo della natura, il campo è stato allestito livellando lo strato roccioso dell’isola di Hellandsøya ed è in erba sintetica.

stadi-strani-12

Essendo uno stadio di non professionisti, immerso nella natura, è incorniciato da rastrelliere per l’essiccazione del merluzzo che vengono usato per evitare che il pallone finisca in acqua. Sarà anche il sesto nella classifica degli stadi più strani al mondo, ma è senza subbio quello più bello.

5. Mmabatho Stadium (Sudafrica)

Originalità in forma architettonica. Trenta tribune disposte in obliquo rispetto al campo per formare una piramide: è il Mmatho Stadium, in Sudafrica. Può ospitare fino a 60 mila spettatori che, certamente, sono abituati a vedere le partite in maniera alquanto alternativa.

stadi-strani-10

4. Braga Stadium (Portogallo)

Uno stadio pluripremiato. Vincitore del Prémio Secil de Arquitectura del 2004, del premio Pritzker e candidato a rientrare a pieno titolo tra i beni del patrimonio nazionale dal presidente dell’IPPAR (l’istituto portoghese del patrimonio architettonico). Ma cosa avrà di tanto speciale lo stadio portoghese di Braga? Semplice.

stadi-strani-7

La struttura è stata ricavata dalla cava di Monte do Castro e ancora oggi conserva una parete rocciosa dietro una delle due porte da calcio. Inaugurato nel 2003, contiene più di 30.286 spettatori, ospita le partite del Braga, ma vede anche correre sul suo suolo contendenti di premi europei e UEFA. Le due tribune sono collegate da un tetto di fili d’acciaio incredibilmente suggestivo.

3. Ottmar Hitzfeld Stadium (Svizzera)

Giochi ad alta quota. Al terzo posto in classifica c’è lui, lo stadio più alto d’Europa con la sua culla naturale tra le pareti delle Alpi svizzere. Situato nel Cantone Vallese a più di 2000 metri d’altezza, questa struttura non è raggiungibile a piedi, ma solo tramite funivia.

Il suo nome è stato scelto dall’allenatore della nazionale svizzera del 2008 ed è omologato per il gioco del calcio a 8. Vietato avere paura (e soffrire di vertigini).

stadi-strani-5

2. Adidas Furtsal Park (Giappone)

Al secondo posto non poteva che esserci il Giappone con il suo Adidas Futsal Park. Inaugurato nel 2002 e situato nel cuore di Tokyo, più precisamente nel quartiere mozzafiato di Shibuya, questo stadio si erge sul tetto di un grattacielo.

Il suo prato, un manto di d’erba sintetica che si estende per 31 metri (in larghezza) e 51 metri (in lunghezza), ospita partite di futsal, ovvero una sorta di calcio a 5 (o calcetto). Così, squadre locali e scuole calcio giapponesi si sfidano sotto i riflettori delle luci dei grattacieli più spettacolari.

stadi-strani-4

1 . Marina Bay Floating Platform (Singapore)

Un’opera da mae..ministro. Lo stadio più strano al mondo non poteva che essere iniziativa di una persona del calibro di un Primo Ministro.

Si chiama “The Float” ed è lo stadio di Singapore. Segni particolari? Si erge su una piattaforma galleggiante, lunga 120 metri, larga 83 e fissata al suolo per mezzo di piloni interconnessi tra loro. Quanto alle tribune, che ospitano fino a 30 mila spettatori, sono posizionate sulla terraferma.

stadi-strani-1

Ideato del Primo Ministro Lee Hsien Loong, The Float ha fatto surfare sul suolo i protagonisti della cerimonia di inaugurazione e chiusura delle Olimpiadi giovanili estive del 2010. Inoltre, ha fatto da cornice al Waterfest Singapore del 2007 e all’Aviva Ironman 70.3. All good things come to an end e, come per tutte le grandi cose, anche Floating Platform è destinato a finire: questo stadio, infatti, nasce come struttura temporanea e nel 2022 verrà abolito per lasciar spazio ad un’opera permanente.

10 stadi più strani al mondo: immagini e foto

Le meraviglie del mondo passano per le porte di stadi che nel mondo sono conosciuti e ammirati per le loro architetture particolarissime. Sfoglia la galleria per entrare nel vivo dei dettagli che rendono queste strutture uniche e inimitabili.

Giosiana Giannatiempo

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta