Cancelli scorrevoli: guida a modelli e prezzi

I cancelli scorrevoli sono una categoria vasta e variegata che offre diverse opzioni di scelta: scopriamo tutto sui modelli, sui prezzi e sulle caratteristiche.

Cancelli scorrevoli: guida a modelli e prezzi
cancello scorrevole

Il cancello scorrevole è un infisso molto diffuso in differenti ambiti di utilizzo, da quello lavorativo e industriale sino a quello residenziale e privato. Esso è fondamentale per delimitare un confine, una proprietà o un terreno: tale elemento peraltro racchiude in sé due differenti funzioni, ossia delimitare le proprietà e anche regolare l’afflusso delle persone in entrata e uscita dall’area.

Essi lavorano scorrendo su una rotaia di guida, dotata di due fine corsa: uno per l’apertura e uno per la chiusura, i quali ne regolamentano il movimento. Pochi elementi e funzionamento pratico e semplice, ma anche design ed estetica: molti gli stili e i materiali disponibili per renderli unici e vicini al padrone. Scopriamo tutto sui cancelli scorrevoli, sui prezzi e sui modelli.

ringhiera-giardino-acciaio-cancello
cancello scorrevole stile country

Cancelli scorrevoli: materiali

Cancelli scorrevoli: guida a modelli e prezzi
cancello scorrevole

Tra i molteplici modelli di cancelli scorrevoli sicuramente una prima classificazione e distinzione è possibile farla sui materiali di cui sono composti: si va dal legno al ferro battuto, passando per la lamiera e l’acciaio inox.

Leggi anche Finestre scorrevoli

Numerosi anche i modelli realizzati in alluminio: un materiale molto in voga negli ultimi anni, vuoi per la leggerezza rispetto al ferro e per una sua maggior lavorabilità, vuoi per la resa estetica. Ad ogni modo, anche i sopracitati materiali garantiscono a chi acquista resistenza nel tempo.

Infatti essendo elementi di arredo e infissi destinati ad un uso esterno, è essenziale che essi abbiamo una performante e perfetta resistenza a corrosione, intemperie, ruggine. Nel caso specifico del ferro battuto, importante diviene anche la manutenzione successiva all’acquisto.

Cancelli scorrevoli: modelli e caratteristiche

Cancelli scorrevoli: guida a modelli e prezzi
cancello scorrevole in ferro battuto

Addentrandoci nel dettaglio dei differenti modelli di cancelli scorrevoli, una prima variante è quella senza guida: non avendo guida a terra, è ideale per ridotte dimensioni (max 10 metri) e di norma è realizzato con materiali leggeri. Resistenza e durata nel tempo sono garantite, pur non richiedendo una particolare manutenzione.

Il modello più diffuso è però il cancello scorrevole con supporto a muro: esso oltre alla guida prevede un supporto a muro che lo rende più sicuro e stabile nei movimenti rispetto ad altri. Struttura più complicata e maggior protezione da usura del tempo e da agenti atmosferici.

Il cancello scorrevole autoportante invece è meno invasivo a livello di installazione: esso prevede solo la guida a terra e non il fissaggio a muro. Adattissimo ad aperture di piccole e medie dimensioni, costruito con materiali leggeri: attenzione solo a mantenere pulita sempre la guida a terra per far sì che residui di grasso o altro possa bloccarne lo scorrimento.

Infine, il cancello a scorrimento a due battenti (uno apertura, uno chiusura) si trova in capannoni, industrie e aree di grandi dimensioni. Si utilizza laddove è previsto un buon numero di mezzi che si spostano ogni giorno in ingresso e uscita.

Potrebbe interessarti Come scegliere un ferro da stiro

Cancelli scorrevoli: prezzi

Cancelli scorrevoli: guida a modelli e prezzi
cancello scorrevole automatizzato

Per quanto riguarda i prezzi dei cancelli scorrevoli, ovviamente variano per tipo di materiali, dimensioni e caratteristiche. Le misure standard, ossia 160 cm altezza e 300 cm di lunghezza, per il ferro battuto costano circa 2.000 euro, mentre in acciaio ci aggiriamo tra 2/ 3.000 euro.

In caso di decorazioni o rifiniture particolari, il prezzo è destinato a salire: l’estetica è una componente importante e spesso gettonata ma richiede esborsi maggiori. Per chi volesse automatizzare il cancello scorrevole, rendendolo elettrico, vi sono poi spese aggiuntive.

Importante a tal proposito è la scelta del motore più adatto al tipo di cancello: fino a 500 kg di peso, meglio un motore elettrico, il cui costo è tra i 300 e i 500 euro. Sopra tale soglia di peso, invece, è preferibile un motore oleodinamico, tra gli 800 e i 1.200 euro.

Infine, i costi di installazione: sotto i 400 kg, dovrebbero bastare tra i 900 e i 1.200 euro, mentre per pesi superiori si può giungere anche fino a 4.000 euro.

Cancelli scorrevoli: manutenzioni e normative

Cancelli scorrevoli: guida a modelli e prezzi
cancello scorrevole a norma

Se non automatizzato, il cancello scorrevole non necessita di particolari manutenzioni, se non tenere pulita la guida di scorrimento da detriti e oggetti che ne ostacolerebbero lo scorrimento. Nel caso del ferro battuto, ottimo effettuare trattamenti periodici anti ruggine, ma su altri materiali nulla di particolare.

Nel caso però di automazione, le cose cambiano: vi sono dei rischi associati all’utilizzo di questo dispositivo che è una macchina a tutti gli effetti. Le fasi più delicate e a rischio sono quelle di apertura e chiusura: da qui possono verificarsi schiacciamenti, impatti, costrizioni e urto. Per non contare anche il sollevamento delle persone e guasti al sistema di sicurezza.

Dal 2 novembre 2017, al fine di evitare incidenti, esiste la norma UNI EN 13241 che deve essere applicata ad ogni cancello scorrevole automatico. Controlli periodici obbligatori, pulizia delle guide e dei punti di appoggio (le battute), verifica dei fissaggi sono essenziali anche per quelli non automatizzati.

Cancelli scorrevoli: foto e immagini

Ecco una galleria di foto di cancelli scorrevoli.