Pulire i balconi: i trucchi migliori per fare veloce e bene


Tutti i trucchi e stratagemmi per pulire il balcone di casa. Il procedimento per ringhiera e pavimento in base al materiale. FAQ e suggerimenti utili per risolvere i problemi e rendere più vivibile l’ambiente esterno. Come eliminare gli escrementi dei piccioni.

balcone-pavimento-lusso


L’arrivo della primavera, talvolta alle porte prima di quello che ci si possa aspettare, ci porta a riscoprire i balconi di casa, luoghi che diventano con il bel tempo, destinati ad accogliere le nostre amate piante che abbiamo così curato durante i mesi più rigidi dell’anno, coprendole oppure portandole in casa od altro luogo più accogliente e caldo.

L’inverno può però aver portato con se anche, oltre al freddo agenti atmosferici come la neve che possono aver nociuto al rivestimento del pavimento, lasciando segni e tracce ben poco gradite.

Ma il fatto di non aver voluto indossare stivali, cappello, guanti ed essere usciti, magari a temperature polari, ha fatto rinviare le operazioni di pulizia costanti a cui eravamo abituati.

Ora, arrivato il momento di rimboccarci le maniche, passiamo all’opera e vediamo come intervenire, per fare presto e bene, per un balcone che risplenderà e tornerà ai suoi fasti estivi.


Pulire il balcone: le ringhiere

balcone-pavimento-

La pulizia di una parte esterna come le ringhiere rimane sempre in stretta dipendenza dal materiale con cui sono realizzate.

Ferro

Nel caso siano arrugginite dall’incuria e dalla pioggia degli anni, occorre prima strofinare i punti di ruggine usando un panno in daino imbevuto di petrolio.

Poi, procedere con il lavaggio con acqua e ammoniaca, lasciar asciugare ed infine passare uno straccio imbevuto d’olio in maniera che sia più lucida.

Un secondo procedimento per rimuovere le tracce di ruggine è quello di rimuoverle mediante una spazzola, che avrete provveduto ad intingere in una miscela di 4 cucchiai di sale fino e mezzo limone spremuto.

Dopo il lavaggio, passare un pennellino imbevuto di olio vegetale che sarà da deterrente per la sua successiva formazione.

Cemento

La ringhiera in cemento può essere sottoposta ad un trattamento con acqua e ammoniaca, spazzolando con energia e provvedendo a cambiare l’acqua quando è sporca.

Marmo

Il marmo è superficie più delicata, dunque richiede massima attenzione. Occorre pulire la superficie con un mix di acqua e sapone delicato, poi sciacquare e lucidare con apposita cera per marmo, per una più lunga conservazione.

Alluminio

E’ sufficiente recuperare il sapone di Marsiglia, poi, dopo aver fatto asciugare, trattare con un prodotto apposito che conserva l’alluminio lucido e privo di macchie.

Pulire il balcone: pavimento

tettoia-terrazzo

Dapprima provvediamo con la rimozione dello sporco superficiale del pavimento.

  1. Con l’aiuto di una scopa di saggina o da esterni, eliminiamo le foglie secche oltre ad eventuali residui di terra
  2. Passiamo al lavaggio del pavimento, considerando il materiale con cui è stato realizzato.

Pavimento in cotto

Creare un mix con acqua e aceto bianco, che aiuterà ad igienizzarla superficie, eliminando i residui di calcare.

Pavimento in ardesia o gres

Prendere un secchio, da riempire con acqua calda, a cui aggiungere:

  • una tazza di sapone di Marsiglia,
  • una tazza di bicarbonato,
  • due tazze di aceto bianco.

Spazzolare con forza, poi risciacquare e lasciar asciugare.

Pavimenti con piastrelle di ciottoli

balcone-pavimento-calcestruzzo-stampato-5

La particolare conformazione della superficie può rendere l’operazione più difficile e faticosa, sarà necessaria un pò di pazienza ma tutto tornerà a risplendere.

Aiutandosi con una canna per l’acqua ed una scopa per esterni, bagnare abbondantemente  e spazzolare con vigore per rimuovere lo sporco che si sarà infiltrato fra una piastrella e l’altra.

Da non scartare l’acquisto di una idropulitrice a vapore che sarebbe un’ottimo strumento per facilitare la pulizia.

Pavimento in cemento

Creare una miscela composta da:

  • 2 litri di acqua
  • 1 tazza di ammoniaca

Dopo aver creato la miscela, procedere alla pulizia della superficie. Per la rimozione delle macchie di smog, cospargere il pavimento con del sale fino leggermente inumidito.

Dopo averlo lasciato agire per un’ora circa, rimuoverlo.

Pulire il balcone: trucchi

angolo-balcone

Passiamo ad analizzare alcuni interessanti stratagemmi che ci torneranno utili nei prossimi mesi, ostacolando la presenza di fastidiosi insetti o lasciando un gradevole profumo.

Via le formiche

Sbucano dai fori e dalle imperfezioni del pavimento in maniera incredibile e sorprendente: parliamo delle formiche.

Per tenerle lontane, c’è un trucco semplice: usare le foglie di eucalipto o oli essenziali. L’olfatto sviluppato delle formiche fa si che rimangano infastidite dai profumi intensi. Composto un mix di acqua e poche gocce di olio essenziale, sarà sufficiente passarlo sulle superfici esterne del balcone.

Tenere lontano api e vespe

Fastidiose, ma soprattutto pericolose, la puntura di un’ape o di una vespa sarà sicuramente un problema da risolvere in fretta, per evitare complicazioni di salute.

Un trucco semplice è quello di mettere in un posacenere od altro contenitore, un foglio di alluminio per alimenti, al cui interno posizionare polvere di caffè.

Accendere il contenuto con un fiammifero, il fumo sprigionato terrà lontano gli insetti mentre non risulterà pericolosa per le persone in quanto completamente antitossica.

Appendere le piante

lavatrice-balcone

Problema di spazio sul balcone? Una maniera per contrastare gli spazi angusti è appendere almeno le piante più leggere alla parete, in maniera da non doversi chinare con fatica per bagnarle ed avere qualche centimetro in più sul suolo per camminare.

Inoltre verrà ridotto considerevolmente il peso che grava sul pavimento, evitando così la formazione di crepe e danneggiamenti.

Evitare i tappeti

tappeti-balcone

Rimangono una forma decorativa e di abbellimento gradita, ma i tappeti, se lasciati fuori per mesi, senza sbatterli ed a contatto con il pavimento, favoriscono la formazione delle odiose muffe.

Se proprio volete tenere i vostri piedi nudi al caldo, nei primi giorni di sole, abbiate cura di riportarli all’interno o di custodirli in un armadietto sul balcone.

Attenzione alla canna fumaria

balcone-tappeto-erba

Manutenzione sempre all’avanguardia quando il balcone è situato nei pressi della canna fumaria che, nei mesi invernali, farà depositare sul pavimento fastidiose, sotto l’aspetto estetico, particelle nere, opera del riscaldamento in funzione.

Non aspettare dunque la fine del periodo invernale, ma provvedere di tanto in tanto a rimuoverle, per non trovarsi all’improvviso con un terrazzo di tutt’altro colore.

Eliminare gli escrementi dei piccioni dal balcone

Argomento non facile da trattare ma fondamentale per la salute: il guano dei piccioni è estremamente pericoloso per la salute dell’uomo e non va toccato in alcun modo con le mani nudi, ma occorre proteggere adeguatamente le mani, braccia ed il volto, indossando anche degli occhiali protettivi per intervenire in maniera sicura.

Procedimento

  1. Con una scopa spazzare via i residui di escrementi.
  2. Con una pompa per l’irrigazione od un secchio, gettare acqua calda per eliminare il primo strato di guano.
  3. Aggiungere acqua al detergente per pavimenti o ammoniaca.
  4. Spazzolare con energia.
  5. Se necessario, utilizzare una spugna abrasiva, strofinando fino a rimuovere tutti i residui.
  6. Dopo la rimozione completa, lavare nuovamente per disinfettare il pavimento.

Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger
  • Esperto di Arredo e design

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta