Prima accensione condizionatore: cosa fare

La stagione più calda è alle porte e il primo pensiero per viverla al meglio è rivolto all’accensione del condizionatore. Prima di farlo, leggi attentamente questo articolo.

Prima accensione condizionatore: cosa fare

Le giornate si allungano e le temperature aumentano. Inevitabilmente siamo già proiettati all’estate e all’accensione dei condizionatori, nostri preziosi alleati per combattere la canicola.

A tal proposito, per preservare la loro funzionalità e sicurezza, nonché la nostra salute (sì, hai letto bene, è in gioco anche il nostro benessere fisico) è necessario effettuare una corretta manutenzione prima di azionarlo dopo la lunga pausa invernale.

Attenzione, qualora utilizzaste i condizionatori anche durante la stagione fredda queste attività di pulizia sono molto più che raccomandate, proprio in virtù dello switch da aria calda a fredda.


Leggi anche: Porte da interni

La prima cosa da fare è proprio dare una bella pulita ai filtri dell’unità interna del climatizzatore. Generalmente questi sono in materiale plastico quindi sarà sufficiente lavarli sotto un getto d’acqua diretto e poi farli asciugare per bene evitando la luce diretta del sole o l’esposizione a fonti di calore eccessivo come un phon. Qualora fossero particolarmente impolverati, prima di lavarli sarà meglio utilizzare un’aspirapolvere o un panno cattura polvere.

Esistono anche filtri realizzati in materiali deperibili, ma ne parleremo del dettaglio più avanti.

A questo punto si può passare al controllo delle unità esterne. Innanzitutto bisogna accertarsi che non si siano depositate foglie, pioppini e/o altre sostanze naturali. Seguirà un’attenta pulizia.

Vediamone insieme tutti i passaggi per fare in modo che i tuoi condizionatori non costituiscano un pericolo per te e i tuoi cari, ma piuttosto una scelta vincente per il vostro confort.

prima-accensione-condizionatore-cosa-fare-3

Pulizia dell’unità esterna ed interna

Negli ultimi anni la nostra attenzione ai virus e ai possibili contagi è sensibilmente aumentata. Esistono diverse tipologie di virus e batteri, chiaramente con gravità e intensità differenti, ma quello che li accomuna è la capacità di proliferare in ambienti umidi come filtri, griglie, bocchette e alcune superfici. Ecco perché bisogna prestare molta prudenza in fase di accensione dei condizionatori.


Potrebbe interessarti: Come usi il condizionatore? 10 consigli utili per risparmiare

A questo punto è bene chiarire che non è il caso di spaventarsi, ma solo di prendere le opportune precauzioni ovvero effettuare una corretta pulizia prima della loro accensione.

Partiamo dall’unità esterna. La prima cosa da fare è controllare che non ci siano ostruzioni particolari causate da foglie o altro. Poi sarà necessario pulirla con una spazzola con setole dure, preferibilmente in silicone, oppure con un getto d’acqua o d’aria come una vaporella.

Possiamo ora passare alla pulizia dell’unità interna e dei filtri.

prima-accensione-condizionatore-cosa-fare-5

Pulizia dei filtri

La pulizia dei filtri è un passaggio fondamentale perché è qui che si annidano germi e batteri. La loro eventuale diffusione nell’aria è causa non solo di malattie e allergie, ma anche di cattivi odori e in alcuni casi può portare ad un aumento della rumorosità dell’apparecchio.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Il ruolo dei filtri è proprio quello di purificare l’aria quindi va da sé che, dopo un periodo di utilizzo, andranno a loro volta purificati. Tale processo deve essere eseguito con molta cura e l’ideale sarebbe utilizzare prodotti specifici per igienizzare. A questo scopo esistono anche degli interventi professionali, quelli che vengono fatti ad esempio nei macchinari di grandi dimensioni che non sono di uso domestico bensì industriale e commerciale.

Come abbiamo detto, i filtri sono nella maggior parte dei casi in plastica quindi la loro pulizia sarà abbastanza agevole semplicemente con acqua e sapone. Viceversa, qualora fossero realizzati in materiale deperibile come ad esempio la schiuma sintetica, è preferibile evitare getti d’acqua diretti.

Ancora, potrebbe trattarsi di filtri in materiali esauribili come i filtri elettrostatici passivi o a carboni attivi: in tal caso andranno direttamente sostituiti con filtri nuovi.

A questo punto ti starai chiedendo come individuare il tipo di filtro del tuo condizionatore: semplice, basta consultare il libretto di istruzioni.

prima-accensione-condizionatore-cosa-fare-2

Verifica di eventuali perdite di gas

Questo passaggio è l’ultimo in ordine temporale, ma certo non di importanza. Dopo un’attenta pulizia, è il caso di verificare eventuali perdite di gas frigorifero.

Questo problema compromette il regolare funzionamento del condizionatore e in pratica causa un drastico calo di rendimento nella produzione di aria fredda prodotta con conseguente notevole quanto inutile aumento dei consumi energetici. Ne consegue che questo controllo è fondamentale per l’efficienza energetica di tutto l’impianto.

Senza contare i danni all’ambiente: 1 kg di gas frigorifero R 410 A disperso nell’aria provoca un livello di inquinamento equivalente a più di 2 tonnellate di CO2.

Questo tipo di operazione deve essere svolta da un tecnico abilitato e da un’azienda certificata con personale in possesso del patentino per operare con i gas refrigeranti (Fgas).

Electrician cleaning filter of air condition device in a room

Prima accensione condizionatore, cosa fare: immagini e foto

Ecco una gallery riepilogativa degli argomenti trattati. L’estate è alle porte, prima di accendere il tuo condizionatore assicurati di aver effettuato una corretta manutenzione.

 

Maria Chiara Barsanti
  • Laurea in Relazioni Internazionali presso L'Orientale di Napoli
  • Esperta in Digital Marketing e Comunicazione
  • Autore specializzato in Design, Lifestyle
Suggerisci una modifica