Parquet in bamboo: tutto quello che ti serve sapere


Il parquet in bambù sta spopolando sempre di più: architetti, designer, progettisti e fornitori lo consigliano per tutti gli ambienti. Perché è tanto amato? Quali sono le caratteristiche che lo rendono unico? È un’alternativa più ecosostenibile rispetto al parquet classico? Le risposte nella guida qui sotto.

parquet-bamboo-14


Partiamo dalle basi: il bambù – o bamboo che dir si voglia – non è un albero. È una graminacea, al pari di granturco e mais. E in comune con questi cereali ha la crescita veloce. In pochissimi anni, infatti, una canna di bambù può arrivare a misurare oltre 40 metri.

parquet-bamboo-2

Specie originaria dell’Oriente e dell’Africa, è estremamente resistente e flessibile. La crescita spontanea e rigogliosa, nonché velocissima, ne fanno elemento ideale per combattere le deforestazioni a scopo commerciale.

Infatti, le montagne coltivate a bambuseto, non restano mai completamente spoglie: per avere un’ottima resa, il bambù deve crescere almeno quattro anni. I coltivatori di questa pianta segnano sulle canne l’anno di nascita di ogni esemplare in modo da non tagliare bambù che abbiano bisogno di ulteriore crescita.


Leggi anche: 5 errori da non fare nella scelta del parquet

parquet-bamboo-1

Siamo di fronte ad un comportamento responsabile, così facendo i terreni coltivati a bambuseto non restano mai sguarniti di rizomi che proteggono da frane e slavine. E spesso i bambù colmano delle lacune del terreno proprio grazie alle proprie radici: vengono messi a dimora per evitare il collasso di terreni danneggiati.

parquet-bamboo-5

Dunque optare per un parquet in bambù è sicuramente una scelta eco-friendly e responsabile – viste anche la bellezza, la durezza e la durabilità del prodotto.


Perché scegliere il parquet in bambù?

Perché è resistente: nella scala di Brinnell – ossia la scala di valori con cui si misura la durezza dei materiali – il bambù è due volte più forte del ciliegio e del rovere. Per questa sua proprietà è detto anche ‘acciaio naturale’! Grazie alla resistenza anche i graffi sono un lontano ricordo, assicurando la bellezza del parquet negli anni.

parquet-bamboo-17

Per la sua tolleranza al fuoco, essendo poco infiammabile rispetto ad altri legni. Ciò è dovuto ai tempi di innesco e alla combustione che si raggiunge solo a temperature veramente alte. Quindi in caso di scintille di camino o sigarette niente paura, la casa non andrà a fuoco. Non solo, non si macchierà neanche.


Potrebbe interessarti: Come scegliere il parquet

parquet-bamboo-7

Sceglierlo significa anche dire addio alle macchie da liquidi: se dovesse cadere olio, acqua, aceto o vino non sarà più un problema. Infatti il bambù è un materiale poco assorbente.

Grazie a questa qualità non si hanno più nemmeno problemi di umidità: addio a muffe, scollature e parquet rovinati da un ambiente troppo umettato.

parquet-bamboo-6

Come già accennato, il bambù è davvero un prodotto ecologico: addio alla deforestazione per creare pavimenti. Inoltre il parquet in bambù è lavorato nei paesi in cui la pianta è coltivata.

Questo perché occorre tagliare, levigare e modellare le canne dopo poche ore dall’abbattimento. Alla riduzione dell’impatto ambientale si aggiunge anche l’incremento dei capitali in paesi economicamente sottosviluppati.

parquet-bamboo-3

Infine, il parquet in bambù è meno costoso rispetto al parquet in altri legni. Il costo per mq si aggira tra i 25 € e i 40€.

Tipologie di parquet in bambù

Sono sostanzialmente tre: orizzontale, verticale e pressato. Per la prima tipologia, i nodi della pianta sono più visibili poiché le aste sono assemblate – appunto – in orizzontale rispetto al piano su cui poggiano.

parquet-bamboo-8

Il parquet in verticale, invece, perde la connotazione tipica del bambù essendo i nodi della pianta meno visibili. Questa caratteristica contribuisce a fare del parquet verticale quello più scelto in Europa poiché più conforme ai parquet classici.

parquet-bamboo-4

Quello pressato, detto anche strand woven, è il parquet con maggiore durezza tra quelli elencati. Ciò è dovuto al metodo utilizzato per assemblare le aste: non incollandole come nei classici parquet ma pressandole.

Per la scala di Brinnell, infatti, il parquet di bambù pressato misura una durezza di 9,5 – rispetto al 4,6 del verticale e dell’orizzontale.

parquet-bamboo-12

Varietà dei colori

Anche il parquet in bambù ha una varietà cromatica pari ai classici parquet. In commercio si trovano parquet sbiancati, naturali, carbonizzati – ossia cotti in appositi forni per scurire il legno e renderlo più simile al noce. Per scegliere quello più adatto alla tua casa, tieni conto delle dimensioni delle stanze, della luminosità, dello stile di arredamento e delle porte e degli infissi già presenti.

parquet-bamboo-18

È adatto all’esterno?

Certamente! Se si vuole rivestire un patio, il bordo piscina, il terrazzo, una parte del giardino o una veranda basta applicare un trattamento contro gli animali xilofagi e gli agenti atmosferici. Data la sua resistenza all’umidità e a questi accorgimenti, si avrà un perfetto rivestimento per le aree esterne, occorre fare soltanto un paio di volte l’anno una passata di olio per nutrire il legno.

parquet-bamboo-15

Manutenzione

La manutenzione è semplicissima: occorre areare la stanza per far respirare il palchetto, passare una scopa o un’aspirapolvere e successivamente lavare il pavimento con acqua e sapone per parquet – consigliamo come strumento un mocio ben strizzato.

parquet-bamboo-9

Per ridurre i graffi sul parquet consigliamo di applicare i feltrini sotto mobili e sedie per evitare che spostandoli, questi danneggino il pavimento.

Parquet in bamboo: immagini e foto

Abbiamo raccolto nella galleria sottostante alcune immagini che ben illustrano il ciclo vitale del bambù – dal bambuseto al parquet in posa nelle case. Dai uno sguardo!

Ilaria Rita Iannone

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta