Bagno in microcemento: guida a un materiale di tendenza

Bagno in microcemento: ecco cosa devi sapere. In questa guida ti spieghiamo di che materiale si tratta, quali sono i suoi vantaggi,  come puoi utilizzarlo per arredare e rifinire il bagno, perché sceglierlo e quali sono gli abbinamenti cromatici e materici migliori.  
bagno-in-microcemento-copertina-1
Oggi vogliamo parlarti di un materiale innovativo, molto amato negli arredi d’interni per la sua versatilità: il microcemento. In realtà, parleremo di un ambiente particolare della casa in cui il microcemento è un rivestimento molto apprezzato, il bagno. Anche se originariamente è utilizzato nelle strutture da esterno, questo materiale col tempo è diventato sempre più protagonista anche negli interni per realizzare pavimenti e rivestimenti grazie alla sua versatilità, alla sua texture e alle sue caratteristiche che lo rendono ideale contro le infiltrazioni d’acqua.

Se ami l’essenzialità, il bagno in microcemento è una soluzione che devi assolutamente prendere in considerazione. Prima di entrare nelle specificità di questo materiale e spiegarti come e perché sceglierlo, ti spieghiamo cos’è.
bagno-in-microcemento-copertina-2

Microcemento: cos’è?

Il microcemento è un materiale innovativo progettato per simulare l’effetto dei tipici pavimenti industriali all’interno (o all’esterno) delle nostre abitazioni. È molto apprezzato sia tra i proprietari di casa che tra gli interior design per la sua semplicità riuscendo a caratterizzare gli ambienti con gusto minimal.

Come ci suggerisce il nome, è un rivestimento a base cementizia non molto spesso che può essere utilizzato letteralmente dovunque: per i pavimenti, top cucina, piani di lavoro, pareti, complementi d’arredo, oggetti e soffitti. Rispetto al suo concorrente n°1, la resina, è più flessibile e anche nel caso in cui debba ricoprire un piano curvo, non si irrigidisce per cui il rivestimento continua ad aderire. È apprezzato anche per i suoi innumerevoli vantaggi tra cui segnaliamo:


Leggi anche: Paraschizzi in microcemento: idee, vantaggi e prezzi

  • resistenza all’usura, al calpestio e alle crepe
  • elasticità
  • può essere applicato su pavimenti già esistenti
  • non tende a cambiare colore o ad ingiallire con il passare del tempo.
    bagno-in-microcemento-1 bagno-in-microcemento-2

Bagno in microcemento: come utilizzarlo

Il microcemento è un materiale che in un bagno, soprattutto se di piccole dimensioni, si presta benissimo come rivestimento delle superfici continue e a tutta altezza, senza la presenza di fughe, perché tende ad allargare lo spazio e a far sembrare l’ambiente più arioso.

Il nostro consiglio è quello di miscelare superfici in microcemento con piastrelle geometriche sui toni del bianco e del grigio per creare un effetto stilisticamente d’impatto e per ottenere un gioco di luminosità tra i colori e i materiali.

bagno-in-microcemento-2

Bagno in microcemento: il pavimento

Qualsiasi sia lo stile che hai scelto per il tuo bagno, dall’industriale allo scandinavo passando per il popolarissimo shabby, e ami la finitura in cemento sarai felice di sapere che utilizzare il microcemento come rivestimento del pavimento è il la che accorda un po’ i vari stili. Essendo pratico e funzionale ma anche molto bello, sia con la presenza di decori che al naturale, il pavimento andrà scelto ovviamente in base alle diverse esigenze.


Potrebbe interessarti: Come pulire un pavimento in microcemento: consigli per la manutenzione

Pavimenti del genere sono soluzioni ideali se vuoi armonizzare la presenza di diversi colori, se vuoi allargare visivamente l’ambiente ma anche se vuoi smussare spigoli e dimensioni.
bagno-in-microcemento-4

Bagno in microcemento: le pareti

Dal momento che il microcemento può comprendere una varietà di grigi diversissimi ma egualmente belli, se utilizzato a parete può donare al bagno un aspetto davvero pazzesco. Soprattutto se abbinato a materiali tipo il legno oppure il cotto, pareti del genere possono donare modernità all’ambiente in uno stile contemporaneo che mette d’accordo gusti e canoni estetici.

Bellissima anche nella sua versione grezza, una parete in microcemento può anche essere cerato o levigato per un effetto finale che lascerà di…sasso.
bagno-in-microcemento-3


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Come abbinare i colori

Anche se può sembrare, il microcemento è tutt’altro che un materiale freddo anzi può essere considerato come un rivestimento abbastanza neutro in grado di rifinire con grande stile un bagno privo di carattere.

Come detto, esso è un materiale davvero versatile che non solo si presta bene ad essere abbinato a tonalità di bianco o grigio ma è capace di dare il meglio di sé anche con sfumature cromatiche più intense come il rosso porpora o più pastello come gli azzurri o i verdi.

Il nostro consiglio è osare con i colori decisi per un risultato finale super garantito.
bagno-in-microcemento-colori

Come abbinare i materiali

Il microcemento non è solo bello esteticamente, anche la sua texture è molto particolare e in bagno è un’ottima soluzione per uscire dagli schemi. Prova ad esempio ad abbinare a questo interessante materiale altri oggetti o complementi dalle linee semplici ed essenziali ma realizzati in metallo come il rame, l’ottone o l’acciaio bruno: i due materiali sono davvero una coppia vincente.

Per un successo assicurato puoi anche abbinare il microcemento, a parete o a pavimento, alle cementine oppure al legno per creare delle armonie di un gusto impeccabile.
bagno-in-microcemento-materiali

Bagno in microcemento, guida a un materiale di tendenza: immagini

Sfoglia la galleria per rivedere le idee proposte per un bagno in microcemento e lasciati conquistare.

Marika Manna
  • Laurea triennale in Scienze della Comunicazione a Salerno
  • Laurea magistrale in Editoria e Giornalismo
  • Autore specializzato in Lifestyle, Casa, Arredamento, enogastronomia
Suggerisci una modifica