Fuorisalone 2022 BassamFellows: il total design di Craig Bassam e Scott Fellows, l’intervista

Fuorisalone 2022 BassamFellows: BassamFellows è un marchio che appartiene al mondo del design di alta gamma, creato dall’architetto Craig Bassam e dal direttore creativo Scott Fellows, fondato sui principi di una impeccabile maestria artigianale abbinata a rigore architettonico e sensuale minimalismo. La pioneristica estetica “Craftsman Modern” che caratterizza il loro lavoro abbraccia progetti di architettura e di interior design, oltre a mobili, oggetti d’arredo e accessori per la persona.

Fuorisalone 2022 BassamFellowsIn occasione della Design Week 2022 abbiamo incontrato ed intervistato Craig Bassam e Scott Fellows, con cui abbiamo parlato del loro lifestyle brand americano che crea collezioni di arredi e complementi ispirati al primo Modernismo e alla tradizione manifatturiera americana. Per il Fuorisalone, BassamFellows (bassamfellows.com) presenta la nuova collezione di sedute Petal.

 

Su quali valori si fondano l’identità e la filosofia produttiva di BassamFellows?

“BassamFellows crea collezioni progettate da architetti e pratichiamo la filosofia del “total design”. Si tratta di un approccio multidisciplinare al design e all’architettura che considera sia la forma che l’intero ambiente su ogni scala, dalla struttura dell’edificio agli interni, dagli arredi ai materiali, fino alla moda e agli accessori. Tutto ciò che produciamo nasce dall’apprezzamento e dalla devozione per la costruzione e l’artigianato. BassamFellows sviluppa costantemente nuovi modi per produrre oggetti tanto moderni quanto senza tempo, che hanno un’ispirazione e raccontino il piacere di vivere.”

Ci raccontate alcuni progetti recenti su cui avete lavorato?

“Ci piace molto collaborare con architetti e designer di fama mondiale per aiutarli a realizzare le loro visioni attraverso i mobili. Di recente abbiamo lavorato con Francois Champsaur al nuovo Edition Hotel di Madrid, con l’architettura di John Pawson. Abbiamo anche lavorato di recente con Isay Weinfeld per il nuovo ristorante di Daniel Boulud, Le Pavillon, a New York, e con Marcio Kogan per l’hotel Patina Maldives, alle Maldive, che si basa sulla sostenibilità.”

In che modo si sta evolvendo, oggi, il settore dell’arredo, vista anche la pandemia di Covid-19, che ci ha fatto riscoprire l’importanza della casa durante il lockdown?

“Pensiamo che la separazione tra “vita” e “lavoro” sia cambiata per sempre. Durante la pandemia, abbiamo capito che molti tipi di lavoro possono essere portati a termine in modo efficiente ed efficace da remoto. Ciò significa che sia l’ambiente domestico che quello lavorativo devono evolversi. Si vuole che il lavoro sia confortevole come la propria casa e si vuole un motivo per tornare in ufficio, anche se solo per una parte della settimana. Si vogliono spazi più informali e collaborativi. Si vogliono sedute lounge più comode, si vogliono spazi più flessibili. Si vogliono anche materiali più gradevoli al tatto, come quelli a cui siamo abituati a casa nostra: legno, tessuti naturali, pietre naturali, ecc.

Di conseguenza, si vuole anche che la casa sia più efficiente. Si vuole uno spazio di lavoro dedicato che vada oltre il tavolo della cucina. Si vuole una sedia ergonomica e una scrivania che non sembri radicalmente fuori posto nella nostra casa. Questa commistione tra vita e lavoro crea sfide, ma anche interessanti opportunità per reinventare diverse categorie di mobili”.

Vi siete posti nuovi obiettivi in ottica green o nuove soluzioni eco-sostenibili?

Fuorisalone 2022 BassamFellows

“Siamo sempre alla ricerca di opportunità per migliorare costantemente i nostri obiettivi ecologici. La nostra principale fabbrica di mobili (in legno) in Italia ha recentemente installato un impianto fotovoltaico che copre il 70% del fabbisogno energetico. La nostra fabbrica è inoltre certificata FSC e conforme al REACH. Manteniamo le finiture al minimo e le rifiniamo principalmente con oli e cere vegetali.

Poiché la pelle è una parte importante della nostra offerta, abbiamo stretto una partnership esclusiva con una conceria svedese a zero rifiuti, 100% neutrale dal punto di vista energetico e leader nella purificazione dell’acqua: non consuma l’acqua, ma la prende in prestito e la restituisce al fiume nelle stesse condizioni.”

Potrebbe interessarti Tavolo da lavoro

Dopo la pandemia e il lockdown, quali sono le sfide del futuro che dovranno affrontare le aziende che producono design?

“Tutti abbiamo sentito l’impatto delle interruzioni della catena di approvvigionamento, dove il più semplice dei componenti può ritardare gravemente la capacità di essere consegnato in tempo. Pensiamo che la pandemia abbia dimostrato come una rete diversificata di fornitori locali, piccoli e specializzati possa essere la soluzione più efficace per produrre beni di alta qualità. Ecco perché negli ultimi anni abbiamo trasferito la maggior parte della nostra produzione in Italia dagli Stati Uniti.

L’Italia eccelle nelle reti di produzione di fornitori specializzati che lavorano insieme per realizzare prodotti complessi. La nostra Geometric Chair ne è un esempio perfetto. La sedia richiede specialisti artigianali nell’intaglio del legno, nell’incannucciatura, nella lavorazione del metallo, nell’avvolgimento della pelle (che abbiamo preso in prestito dall’industria delle borse) e nel rivestimento molto dettagliato, e ogni artigiano si trova nel raggio di un’ora dalla nostra fabbrica principale di legno. Questa è la magia dell’Italia e il motivo per cui ci siamo impegnati a lungo termine nella produzione italiana.”

Quali sono le novità di collezione che presenterete in occasione della Design Week?

Fuorisalone 2022 BassamFellows

“Presenteremo Petal, una collezione di sedute ecologiche e avanzate in legno impiallacciato stampato in 3D. La collezione si spinge oltre i confini di ciò che è possibile fare con il legno, con sedute superformate che imitano il dispiegarsi dei petali di un fiore. La natura offre spesso un’atmosfera perfetta per il comfort nel design e la collezione Petal crea una forma scultorea, ergonomica ed espressiva. La collezione comprende 13 modelli diversi, dalle sedie da pranzo alle sedie lounge e agli sgabelli, con versioni con o senza braccioli e basi in metallo o in legno massiccio.”

Quale sarà il concept dell’allestimento per la Design Week 2022?

“Abbiamo creato un poster in edizione limitata per la Settimana del Design di Milano. Il poster rappresenta la silhouette della Petal Chair in nero su sfondo bianco, enfatizzandone linea, colore e forma. Per il poster ci siamo ispirati al lavoro dell’artista minimalista americano Ellsworth Kelly, uno dei nostri artisti preferiti. Il poster ci ha a sua volta ispirato a creare delle supergrafie su pannelli murali bianchi nel nostro spazio espositivo di Brera, utilizzando altre sagome della Petal Chair. Il risultato è minimale, ma potente.”

Come sarà la casa del futuro secondo BassamFellows?

“Come abbiamo già detto, pensiamo che il futuro della casa sfumi i confini tra vita e lavoro. In questo modo, le case del futuro assomiglieranno di più a quelle dei freelance creativi di oggi. A Los Angeles, ad esempio, molti creativi lavorano secondo il “modello Hollywood”. Sono specialisti nel loro campo – costumisti, fotografi cinematografici, direttori artistici, ecc. – e si riuniscono per un film e poi si disperdono fino al progetto successivo. Spesso hanno uno studio a casa dove lavorano, partecipano alle riunioni con i clienti e collaborano e questi spazi riflettono la loro identità personale: il tuo spazio di lavoro personale definisce chi sei.

Pensiamo che questo sarà il modello per la maggior parte delle persone: ogni persona sarà più imprenditoriale, indipendente e creativa e creerà degli studi di lavoro a casa che riflettono la propria identità. Questo sta già accadendo con le videochiamate: il vostro spazio domestico/lavorativo è una finestra sul vostro mondo. Tutti noi abbiamo usato la moda e il nostro stile personale per dare un’impressione al mondo. Oggi la moda è relativamente meno importante rispetto al passato e la casa è più importante, perché i colleghi e il luogo di lavoro hanno più accesso alla casa. Sta diventando più pubblica.”

Qual è la “cosa” più contemporanea, forte e promettente che si sta manifestando a vostro avviso sulla scena del design contemporaneo?

“Pensiamo che ci sia un nuovo senso di permanenza nel design contemporaneo. La pandemia ha fatto sì che tutti noi ci fermassimo a guardare le nostre case perché vi trascorrevamo molto tempo. Tutto ciò che è a buon mercato, temporaneo o da buttare sembra davvero sbagliato per i tempi che corrono, soprattutto le cose fatte di plastica o di altri materiali sintetici. Vogliamo invece oggetti più consistenti e a lungo termine. Ecco perché si assiste a una rinascita dei materiali naturali, di quelli che durano nel tempo e di quelli che sono caldi, come la pietra, il legno, la pelle e l’ottone. Comprare meno, ma meglio, è il modo migliore per ridurre il nostro impatto sull’ambiente.”