Rifiuti abbandonati nelle parti comuni del Condominio: chi paga?

I rifiuti lasciati davanti le parti comuni del Condominio possono portare quest’ultimo a subire sanzioni? Chi è tenuto a pagare la multa, il singolo condomino o l’intero Condominio? Ecco la risposta.

Rifiuti

Rifiuti ingombranti lasciati dinnanzi alle parti comuni di un Condominio: questo è il problema.

La sanzione amministrativa avente ad oggetto il pagamento di una somma di danaro, ci si chiede, a chi vada comminata.

Per l’abbandono dei rifiuti la multa dovrà essere pagata dalla persona che ha commesso la condotta illecita o dall’intero Condominio di cui il trasgressore fa parte?

Rifiuti abbandonati davanti alle parti comuni: chi paga?

Nelle singole città vige il sistema della raccolta differenziata dei rifiuti.

In particolare poi, all’interno delle parti comuni dei singoli Condomini, come si trattasse di veri e propri centri urbani all’interno della medesima città, si svolge l’attività di raccolta per semplificare le operazioni di rimozione da parte degli operatori ecologici.


Leggi anche: Come smaltire i rifiuti edili in maniera corretta

A tal proposito, nelle parti comuni dei Condomini sono installati dei contenitori per la raccolta dei differenti rifiuti: plastica, vetro, organico, carta.

A tale presenza fa da seguito assenza di contenitori apposti lungo la strada prospiciente il Condominio e di proprietà Comunale.

L’abbandono di determinati rifiuti ingombranti quali frigoriferi e televisioni, genera delle problematiche in capo all’autore del misfatto, mediante una sanzione pecuniaria che va dai 200 agli 800 euro.

Tuttavia, nel caso non si possa accertare chi sia responsabile della condotta illecita tra il Condominio ed il singolo condomino, la multa viene comminata al Condominio ed il proprio importo sarà diviso per tabella millesimale.

Raccolta differenziata in Condominio: la gestione e collocazione dei contenitori di raccolta

Per quanto concerne l’apposizione nelle parti comuni dei contenitori utili alla raccolta, c’è da sottolineare che in capo all’amministratore di Condominio sussiste l‘onere di provvedere alla gestione e cura degli stessi.

In particolare modo l’amministratore ha il compito:
  • Ricevere e custodire i contenitori i quali saranno consegnati al condominio in gestione gratuita ex artt.1803 c.c.
  • In assenza di tali disposizioni i condomini sarebbero costretti a risarcire il proprietario dei contenitori per il danno derivante da uso improprio o per la perdita degli stessi
  • L’amministratore dopo aver fatto provvedere ad installare i contenitori dovrà notiziare i condomini sull’uso e la custodia degli stessi. Occorre che l’amministratore provveda alla cura e manutenzione oltre che al lavaggio dei contenitori a carico dei condomini, tenendo presente l’usura dovuta all’uso costante nel tempo e non a colpa grave imputabile ai singoli condomini.

Rifiuti

L’apposizione dei contenitori negli spazi condominiali

L’amministratore di Condominio deve individuare le aree e gli spazi comuni in cui ubicare i singoli raccoglitori tenendo presente la distanza tra l’uno e l’alto in relazione alla presenza di finestre e porte d’ingresso condominiali.


Potrebbe interessarti: Condizionatore in condominio: cosa dice la legge

I contenitori devono essere apposti in spazi comuni ad esso dedicati, da usare in orari specifici per la raccolta differenziata.
A seguito dello svuotamento i contenitori devono essere nuovamente apposti nello spazio di competenza da parte degli incaricati alla raccolta.

Sanzioni amministrative per raccolta in difformità alle norme

I singoli condomini potrebbero essere chiamati a rispondere di comportamenti difformi dalle norme di regolamentazione della materia a seguito di abbandono o deposito incontrollato dei rifiuti.

Qualora non sia individuato il singolo responsabile della condotta illecita, la sanzione sarà emessa a carico dell’intero Condominio.
Costituisce comportamento non ligio alla normativa, la modalità di apposizione del singolo rifiuto (deposito della carta nel contenitore della plastica, ad esempio).


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Avv. Ennio Carabelli
  • Laurea in Giurisprudenza
  • Abilitazione Forense presso la Corte d'Appello di Salerno
  • Giornalista Pubblicista
  • Autore specializzato in controversie legali, normative, condominio, casa, successioni, contratto, mutui.
Suggerisci una modifica