Rastrelliera condominiale per bici: ecco come installarla, chi paga


Il posizionamento  di una bicicletta in un condominio potrebbe sembrare l’atto più semplice e spontaneo, ma ci sono dei limiti a cui adeguarsi per installazione di una rastrelliera. Ecco come procedere.

acciao-corten-portabiciclette


Chi possiede una bici per spostarsi potrà pensare di essere divincolato da obblighi e permessi per il parcheggio nell’area condominiale di pertinenza della propria abitazione.

Per gli appassionati c’è da sudare sotto il sole o l’intemperia anche per trovare un posto nel proprio condominio.

Non sempre, infatti, l’abitazione disposta all’interno di uno stabile condominiale ha in dotazione un’area pertinenziale comune dedita all’installazione della rastrelliera.

Si tratta di un posto dove apporre in sicurezza la propria bici, sfruttando lo spazio accessorio e le parti comuni a disposizione del condominio.


Leggi anche: SLADDA bicicletta IKEA personalizzabile

La presenza di tale posto bici è diventato obbligatorio nel rispetto di determinati requisiti e modalità di installazione.

come-conservare-la-bici-in-cantina-01


Installazione rastrelliera per bici: la normativa

Nel merito dell’installazione di una rastrelliera in un’area condominiale è intervenuto il Tribunale di Savona che ha disposto l’apposizione del posto bici rientrante tra i poteri dell’amministratore.

Ogni condominio, pertanto, può provvedere ad apporre due rastrelliere che non siano d’intralcio al passaggio pedonale.

Limiti all’installazione previsti da statuto condominiale

In alcuni casi seppur ci siano le prerogative per provvedere all’installazione di una rastrelliera bisognerà attenersi allo statuto condominiale, il quale, può contenere delle clausole ostative del parcheggio della bici in spazi comuni.

Rastrelliera condominiale obbligatorio in città

In alcune metropoli l’installazione della rastrelliera per il parcheggio delle bici nelle aree comuni del condominio è obbligatorio.

Tale obbligo è prefigurato nel rispetto del principio sancito ex art.1120 secondo cui l’installazione non deve portare ad innovazione nè costituire  molestia alcuna al  possesso delle parti comuni ex art.1170 c.c.

L’amministratore ha, pertanto, il potere di procedere su delibera assembleare all’installazione della rastrelliera nelle aree condominiali, ma sono necessarie due condizioni.

In primis che l’installazione non produca un’innovazione dell’area pertinenziale del condominio


Potrebbe interessarti: Porta bici di design: 20 modelli incredibili

Di poi, è fondamentale che il posto bici non costituisca un ostacolo al passaggio pedonale o leda l’integrità di una pertinenza e spazio comune.

Qualora il condominio abbia a disposizione  un giardino, la rastrelliera  potrà essere installata su di una parte dello stesso.

Installazione rastrelliera: decisione assemblea e pagamento delle spese

Allorquando l’assemblea condominiale decida per l’installazione di una rastrelliera tutti i condomini, seppur non interessati dall’uso, saranno tenuti a contribuire al pagamento per tabella millesimale.

Il posizionamento della rastrelliera sarà deciso dall’assemblea valutando l’ubicazione del posto bici in relazione alle direttive del codice civile in materia di divieto di innovazione delle parti comuni.

Se le parti comuni non siano idonee ad assicurare il parcheggio delle bici senza provocare un ostacolo al passaggio pedonale, la rastrelliera potrà essere installata in giardino.

Le spese per acquisto ed installazione della rastrelliera sono giustificate nel bilancio condominiale e ripartite tra i condomini al di là dell’utilizzo o meno del posto per la propria bici.

Avv. Ennio Carabelli

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta