Apertura passo carrabile su strada comunale: cosa succede al condomino?

Cosa accade quando la concessione di un passo carrabile determini il blocco di un posto auto riservato al condomino? Quest’ultimo può reclamare l’uso del posto auto esercitato da tempo per effetto di intervenuta usucapione?

Passo carrabile: il condomino resta titolare del diritto al posto in un Condominio?

All’interno di un condominio è possibile che un provvedimento di un ente pubblico possa scalfire e ledere gli interessi legittimi del singolo condomino, seppur da questi acquisiti nel tempo.

E’ il caso in cui il Comune concede il passo carrabile nell’ambito di un’area pubblica che, tuttavia, accede ad un’area privata.

Tale passo carrabile, di fatto, ostacola il diritto di uso di un posto auto da parte di un singolo condomino, il quale, da tempo, mediante possesso di buona fede e continuativo dello stesso, ne risulta essere diventato proprietario per intervenuta usucapione.

Invero il Comune non ha alcuna possibilità di esercitare un potere all’interno della proprietà privata come nel caso di specie ove, mediante concessione di un passo carrabile, di fatto, ha provveduto ad ostacolare ed escludere l’esercizio ed il godimento del posto auto da parte di un singolo condomino in un’area privata condominiale.

Ma vi è di più: neanche l’assemblea condominiale ha il potere di assegnare, in modo definitivo, per l’uso di un singolo condomino, una parte di area condominiale (Corte di cassazione, ordinanza n.38.648 del 2021).

L’assemblea, di contro, ha il potere di assegnare dei posti fissi ai singoli condomini da destinare equamente alla sosta delle proprie autovetture ma non potrà escludere uno dei condomini dal godimento di uno stallo condominiale.

In tal senso è doveroso sostenere che nè la delibera assembleare nè l’autorizzazione per il passo carrabile, autorizzi un condomino o un terzo a destinare un’area condominiale ad uso esclusivo.

Possesso continuato e di buona fede nel tempo: è possibile usucapire un posto auto condominiale?

Passo carrabile: il condomino resta titolare del diritto al posto in un Condominio?

Per quanto attiene l’intervento dell’usucapione, quale modo di acquisto di un bene per possesso continuato e di buona fede nel tempo dello stesso,  da far valere in ambito condominiale, si rileva che nella fattispecie:

  • il singolo condomino privato dell’uso di posto auto, per effetto della concessione di passo carrabile, potrà  far valere il diritto acquisito nel tempo qualora siano trascorsi 20 anni di uso continuato del posto auto seguito da comportamento del singolo condomino volto incontestabilmente ad escludere ogni altro condomino dall’uso del medesimo posto auto (corte di cassazione, sentenza n.20.039 del 2016).

Potrebbe interessarti Posto auto in condominio