18 febbraio: Giornata Internazionale del Risparmio Energetico

Autore:
Verdiana Sasso
  • Giornalista

Il 18 febbraio si celebra la Giornata Internazionale del Risparmio Energetico. Come ogni anno ritorna l’attenzione sulle tematiche ambientali e sulla tutela dell’ambiente, argomenti sempre di grande attualità. Istituita nel 2005 con l’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto (Trattato Internazionale per la tutela del Pianeta), quest’anno è la 17esima giornata. 

Risparmio energetico
Rosy: Pixabay

Che cos’è il Risparmio Energetico?

Risparmio energetico
Daniel Reche: Pixabay

Quando si parla di risparmio energetico, molto speso si fa riferimento alle varie tecniche atte a ridurre i consumi dell’energia necessaria allo svolgimento delle attività umane.

Il risparmio può essere ottenuto sia modificando i processi energetici in modo che ci siano meno sprechi, sia trasformando l’energia da una forma all’altra in modo più efficiente (efficientamento energetico).

La Giornata Internazionale del Risparmio Energetico è nata proprio con lo scopo di sensibilizzare le persone sui gravi problemi che derivano dal consumo energetico e punta ad una netta riduzione degli sprechi e al rispetto dell’ambiente.

Dopo l’istituzione della Giornata Internazionale del Risparmio Energetico, in Italia è nato M’Illumino di Meno ad opera di Rai Radio2 con il programma Caterpillar che organizza annualmente dal 2005 per diffondere la cultura della sostenibilità ambientale e del risparmio delle risorse.

La prima edizione si tenne il 16 febbraio 2005, quando, in occasione dell’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto, Caterpillar ebbe l’idea di chiedere agli ascoltatori e alle ascoltatrici di spegnere tutte le luci non indispensabili come gesto di attenzione per l’ambiente.

Quali sono gli obiettivi del Risparmio Energetico?

Sviluppo sostenibile, risparmio ed efficientamento energetico, utilizzo di energie rinnovabili, riduzione delle emissioni climalteranti, green economy, sono tutti concetti di cui si sta discutendo molto negli ultimi anni e che rappresentano gli obiettivi fondamentali per non compromettere il futuro del Pianeta e delle generazioni che verranno.

Il risparmio energetico è fondamentale per combattere il cambiamento climatico e ridurre la dipendenza energetica dell’UE e i nuovi obiettivi di efficienza energetica puntano a ridurre non solo le emissioni di CO2, ma anche la fattura annuale di 330 miliardi di euro dell’UE per le importazioni di energia.

Per questo motivo i legislatori dell’UE stanno lavorando a un aggiornamento dell’obiettivo di efficienza energetica del 32,5% per il 2030, concordato nella direttiva sull’efficienza energetica del 2018.

I nuovi obiettivi, approvati dal Parlamento nel settembre 2022, prevedono una riduzione di almeno il 40% del consumo finale di energia e del 42,5% del consumo di energia primaria.

Giornata Internazionale del Risparmio Energetico: i consigli dell’ENEA

Ecco il Vademecum ENEA per risparmiare energia:

  • Utilizzare lampadine a risparmio energetico
  • Migliorare la coibentazione dell’abitazione
  • Isolamento di tetto e soffitto
  • Utilizzare serramenti a doppi vetri
  • Ridurre l’utilizzo di acqua calda
  • Preferire apparecchi elettronici di classe energetica superiore
  • Utilizzare le ciabatte multipresa
  • Non lasciare la luce accesa inutilmente
  • Realizzare impianti di generazione di energia rinnovabile
  • Effettuare la manutenzione degli impianti
  • Controllare la temperatura degli ambienti
  • Fare attenzione alle ore di accensione dei riscaldamenti
  • Schermare le finestre durante la notte
  • Evitate ostacoli davanti e sopra i termosifoni e non lasciare le finestre
    aperte a lungo
  • Fare il check-up dell’immobile
  • Dotare il proprio impianto di una centralina di regolazione della
    temperatura
  • Utilizzare valvole termostatiche
  • Utilizzare un sistema di contabilizzazione del calore
  • Sostituire la caldaia esistente con una caldaia a condensazione
  • Sbrinare regolarmente frigoriferi e congelatori