Come realizzare un terrario per piante grasse


Come realizzare un terrario con piante grasse: un giardino in miniatura, realizzato all’interno di un contenitore. Quali piante scegliere? Cosa occorre per realizzarlo? Ecco alcuni consigli per realizzare un terrario di piante succulente.

realizzare-terrario-piante-grasse


Realizzare un terrario con piante grasse è diventato un hobby sempre più diffuso che appassiona persone di tutte le età. Il terrario altro non è che una sorta di giardino in miniatura, una composizione di piante, un microclima che necessita di poche cose per diventare bello e rigoglioso.

Realizzare un terrario con piante grasse diventa non solo un modo per passare del tempo e stimolare la nostra creatività e fantasia, ma anche un elemento di arredo della nostra casa. Le piante infatti, e, il terrario in questo caso non solo danno un tocco di colore agli ambienti domestici, ma hanno un effetto benefico anche sul nostro umore.

Quali piante grasse scegliere? Cosa occorre per realizzare un terrario con piante grasse?. Ecco alcune semplici domande a cui daremo una risposta nell’articolo che segue. Alla fine della lettura, siamo sicuri che avrete voglia di realizzare un vostro giardino in miniatura.


Leggi anche: Giardini verticali interni

realizzare-terrario-piante-grasse


Cosa occorre per realizzare un terrario

Inutile dire che la prima cosa da fare è lasciarsi guidare dalla fantasia e dalla creatività scegliendo tutto l’occorrente per il terrario. Vediamo nel dettaglio cosa serve.

  • Un contenitore capiente dove posizionare le piante e creare il terrario. Può essere un vaso, un piatto o qualsiasi tipo di contenitore vi permetta di inserire all’interno tutti gli elementi per la vostra composizione e che ovviamente sia anche bello da vedere.
  • Piante grasse a scelta.  Potete scegliere tra molte varietà di piante grasse.
  • Terriccio misto per le piante
  • Ciottoli o sassolini per il drenaggio
  • Carbone attivo
  • Muschio o ghiaia per decorazione
  • Elementi decorativi. Tutto ciò che vi piace per decorare il vostro terrario.

realizzare-terrario-piante-grasse-6

Realizzare un terrario: il procedimento

Dopo aver preparato tutti gli elementi che occorrono per la creazione del terrario, è arrivato il momento di iniziare la preparazione. Ecco alcuni passaggi indispensabili per realizzare un terrario con piante grasse.

  • La prima cosa da fare, dopo aver scelto il contenitore più adatto alla creazione del vostro terrario, è lavarlo con acqua calda e sapone. In questo modo si rimuove qualsiasi impurità e potrete realizzare la composizione in un ambiente al sicuro da batteri o muffe che possono essere nemici del vostro terrario.
  • Il passo successivo è posizionare sul fondo del vostro contenitore sassolini o ghiaia per il drenaggio. Mescolate i sassolini al carbone attivo, in modo da creare uno spessore di qualche centimetro.
  • A questo punto bisogna aggiungere uno strato di muschio che impedirà di filtrare al terreno l’acqua in eccesso.
  • Siete pronti per effettuare il passaggio successivo. Inserite il terriccio, spargendolo bene e appiattendolo, in modo da evitare la formazione di bolle di aria. A seconda della grandezza delle piante grasse che inserirete avrete bisogno di una maggiore o minore quantità di terriccio. Lo spessore può variare dai 5 agli 8 centimetri.
  • È arrivato il momento di inserire le piante grasse che avete scelto per il vostro terrario. Sul terriccio che avete preparato in precedenza create dei piccoli fori in cui inserirete le piante, dopo averle tolte dal loro vaso e aver ripulito le radici. Una volta inserite le piante nei fori creati nel terriccio, ricoprite e premete la terra. In questo modo la pianta riuscirà meglio ad ambientarsi e favorirà la sua sopravvivenza.
  • Aggiungete infine elementi decorativi per il vostro terrario.
  • L’ultimo passaggio consiste nell’innaffiatura delicata delle piante inserite nel terrario.


Potrebbe interessarti: Piante grasse: la bellezza di decorare casa

realizzare-terrario-piante-grasse-2

Quali piante grasse scegliere

Per scegliere le piante grasse per il vostro terrario affidatevi al vostro gusto personale. Le piante grasse infatti sono tra quelle più resistenti e non necessitano di molte cure. Per questo motivo sono anche quelle che vi daranno le maggiori soddisfazioni.

Le piante grasse più adatte al terrario sono felci, cactus, muschi e piante succulenti in generale. Quelle più utilizzate sono sicuramente l’aloe vera, Agave, Frailea, Echeveria, Haworthia fasciata, Lithops o pietre viventi. Le varietà possono essere davvero tantissime ed i risultati sorprendenti.

realizzare-terrario-piante-grasse-1

Di cosa ha bisogno un terrario con piante grasse

Abbiamo detto che le piante grasse, sono quelle che necessitano di meno cure per poter crescere e durare nel tempo. Anche un terrario di piante succulente, ha però, bisogno di alcuni elementi.

  • Luce. Una buona esposizione alla luce è indispensabile per garantire la sopravvivenza delle piante. Mettere il terrario in una zona buia, farà morire le vostre piante.
  • Acqua. Questo terrario necessita di poca acqua. Periodicamente potete innaffiare delicatamente le piante, senza eccedere nella quantità di acqua.
  • Aria. Lasciate aperte le finestre e fate cambiare l’aria in casa. Servirà al benessere delle vostre piante.
  • Manutenzione. Abbiamo detto che le piante grasse e quindi il terrario non necessita di molte cure, però, è opportuno controllare che all’interno del vostro giardino in miniatura non ci siano muffe o parti di piante appassite. In questo caso è opportuno rimuovere subito queste parti, altrimenti potrebbero compromettere la salute del vostro terrario.

realizzare-terrario-piante-grasse-5

Come realizzare un terrario con piante grasse: foto e immagini

Le piante con i loro colori e profumi sono un vero e proprio toccasana per il nostro umore. Inoltre, hanno la capacità di abbellire gli angoli della casa. Allora perché non realizzare un terrario con piante grasse? Queste, a differenza anche di altre piante, non necessitano di molte cure e quindi sono adatte anche a chi non ha esattamente il pollice verde.

Marcella Piegari

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta