Come realizzare portacravatte fai da te

Daniela Giannace
  • Giornalista - Laurea in Scienze e Tecnologie della Moda

Come realizzare portacravatte fai da te. Se hai molte cravatte, un portacravatte fai da te può aiutarti ad accedere facilmente alle cravatte che vuoi usare. Vediamo come realizzarlo.

Come realizzare portacravatte fai da te

A differenza delle sciarpe, le cravatte sono molto difficili da piegare e mostrare. Questo perché sono strette e tendono a sgualcirsi facilmente. Di conseguenza, se non disponi di un portacravatte accessibile, finirai per piegarlo ogni volta che vorrai utilizzarne una.

Se hai molte cravatte che non sono organizzate, cercare di scegliere quella giusta può essere un processo lungo e noioso. La cosa migliore da fare è realizzare un portacravatte fai da te che puoi appendere al muro o nel tuo armadio. Avere un portacravatte ti farà risparmiare tempo e ridurrai lo stress.

Potrai così prenderti cura delle tue cravatte perché non hanno bisogno di essere piegate di tanto in tanto.

Come realizzare portacravatte fai da te

1. Portacravatte fai da te con pioli: strumenti da usare

Come realizzare portacravatte fai da te

I portacravatte fai da te con pioli sono un buon modo per mantenere le cravatte in ordine affinché non si sgualciscano né si danneggino a causa del calore estremo durante la stiratura del tessuto. Strumenti da usare:

  • trapano a percussione per sega
  • punta da trapano da 1/4?
  • punta da trapano più piccola per i fori pilota delle viti
  • matita
  • metro a nastro
  • morsetti
  • attrezzo per misurare gli angoli retti
  • un piccolo pezzo di legno di scarto
  • carta vetrata a grana media
  • pezzo di pioppo finito 2,50×5 centimetri
  • tassello da 1/4?
  • cerniera per fissare il braccio a una base
  • viti

Le lunghezze del pioppo e dei tasselli variano a seconda di quanto spazio hai.

I pioli sono distanziati a intervalli di 2,5 centimetri, con il primo e l’ultimo piolo a 2,5 centimetri dalle estremità.

Ogni lato del braccio di legno ha una fila di pioli per le cravatte. Ci sono 5 centimetri su entrambi i lati per appendere le cravatte e 7,5/10 centimetri che attraversano il braccio.

2. Procedimento

Come realizzare portacravatte fai da te

Procedimento:

  1. Taglia il pezzo di pioppo da 2,50×5 centimetri.
  2. Traccia una linea mediana dal lato più lungo.
  3. Segnalo con una linea a matita.
  4. Su questa linea posiziona un punto con un pennarello ogni 2,5 centimetri.
  5. Usando una punta da trapano da 1/4 “, i punti che hai tracciato con il pennarello diventeranno fori per i pioli. Fai attenzione nel praticare i fori e cerca di renderli tutti uniformemente distanziati.
  6. Prima di estrarre il trapano da ogni foro, spostalo su e giù alcune volte nel nuovo foro per allargarlo leggermente. Questo sarà importante per i passaggi successivi.
  7. Una volta praticati i fori, puoi creare i fori pilota per la cerniera all’estremità del braccio di legno. Puoi usare un singolo cardine da 5 centimetri, un po’ più lungo della tavola di legno.
  8. Martella l’estremità per piegarlo sopra il braccio. Non attaccare ancora il cardine.
  9. In base ai fori che hai praticato, ogni pezzo di tassello dovrebbe essere lungo dai 7,5 ai 10 centimetri. Dopo averli tagliato tutti i tasselli, procedi a lucidarne i bordi con un po’ di carta vetrata per ottenere un’estremità un po’ affusolata. Questo serve a due scopi. In primis, le cravatte non si impigliano alle estremità dei tasselli mentre le togli e le rimetti. E poi, sarà più facile inserirle nel braccio evitando che le estremità si scheggino.

Una parola sulla levigatura è doverosa: non carteggiare la parte dove saranno appese le cravatte. Ciò potrebbe far impigliare le cravatte che potrebbero strapparsi. Oppure, se la carta vetrata è abbastanza fine, le cravatte cadrebbero per terra, mentre sono appese, a causa dell’attrito ridotto.

3. Assemblaggio

Come realizzare portacravatte fai da te

Per assemblare il tutto, posiziona il braccio su un lato del tavolo da lavoro e fissalo. Assicurati che il primo foro sporga dal bordo. Metti il primo piolo nel buco. Se le estremità sono abbastanza affusolate, dovresti dare una leggera spinta. Dopodiché, è solo questione di battere il piolo fino a quando rimangono solo 5 centimetri su questo lato del braccio.

Usa un pezzo di legno di scarto da posizionare tra il martello e il piolo per evitare danni al piolo. Per gli ultimi, dovrai sbloccare il braccio e tenerlo con la mano contro il tavolo. Il vantaggio è che non ci sono colla, chiodi o viti, quindi se un piolo si rompe, puoi facilmente battere il tassello e sostituirlo.

In seguito, basta avvitare la cerniera e sei pronto per installarlo.

Una volta che hai appeso il portacravatte al muro, puoi aggiungere fascette sollevando il braccio in posizione perpendicolare al muro e facendole scorrere sui pioli. Una volta terminato, lascia cadere il braccio in parallelo per riporlo. Le cravatte sono al sicuro contro il muro e riesci a vedere ciascuna cravatta per identificarla.

Infine, potresti attaccare alcuni ganci ad occhiello e una catena al muro e all’estremità del braccio per fissarlo in posizione perpendicolare.

Come realizzare portacravatte fai da te: foto e immagini

Segui il procedimento per realizzare un portacravatte fai da te e scorri tra le foto della nostra galleria.