Sedie total wood

Leggere, impilabili, multiuso: le sedie in legno tornano protagoniste dell’interior design.

Sedia total wood
Thonet, S 220

La sedia è da sempre un cavallo di battaglia per i designer e non smette di essere ripensata nei suoi aspetti di estetica e funzionalità. Quando si tratta di affidarsi all’uso, quasi esclusivo, del solo legno la sfida progettuale si apre a soluzioni e dettagli molteplici.

Diversi esempi, di recente produzione, ibridano forme e stili cercando sempre la sintesi perfetta: a volte il risultato è estremamente essenziale, a volte sorprende per piccoli dettagli che fanno la differenza e si apprezzano solo con l’uso e il tatto.

In questa selezione, una carrellata di modelli diversi, e multiuso, perfetti sia per gli ambienti privati sia per gli spazi collettivi. Senza dimenticare la sostenibilità del materiale e della sua filiera produttiva.

Sedia total wood

Leggere e impilabili

Sedia total wood
Vega, Carl Hansen & Son

L’artigianato danese è notoriamente legato alla creazione di sedie evergreen in legno: sono diverse, infatti, le tipologie nate dal sodalizio di designer e produttori.

Tra questi, Carl Hansen & Son che recentemente ha rieditato una seduta realizzata dall’architetto modernista Vilhelm Lauritzen nel 1956 per la sua sala da concerto Vega, a Copenaghen, da cui prende il nome. Impilabile e leggera si caratterizza per la curva dinamica dello schienale e il sedile in legno di rovere (possibile anche il rivestimento in pelle) fissato alla struttura in acciaio, con il sofisticato dettaglio dei piedini in legno.

Impilabile e pensata per un uso universale anche la sedia in multistrato curvato, dalla forma ergonomica a guscio, disegnata da Sam Hecht e Kim Colin (Industrial Facility) per la celeberrima Thonet.

Morbida alla vista risulta piacevole al tatto per i bordi anteriori arrotondati verso il basso “a cascata” per prevenire fastidiosi punti di pressione aumentandone il comfort. Spiega Sam Hecht:

Questa sedia in multistrato curvato “occupa lo spazio che gli spetta”; costruita con un efficiente impiego di materiali e convincente per il suo linguaggio formale, incarna l’eredità di Thonet passata, presente e futura

Sedie Thonet: foto e immagini

 

Maestrie orientali

Sedia total wood
Maruni, Tako

Maruni, fondata nel 1928, è una impresa giapponese specializzata nella lavorazione del legno secondo tecniche artigianali e industriali. Jasper Morrison e Naoto Fukasawa, tra i più celebri designer internazionali, da tempo sostengono che affidarsi alla “normalità” (dal loro manifesto: Supernormal) sia il segreto del successo per disegnare oggetti senza tempo.

Non si sottraggono all’obiettivo queste due sedie, l’una dalla forma più sinuosa e leggera (Tako, ovvero polpo in giapponese, di Fukasawa), l’altra – Fugu, con o senza braccioli, di Morrison – dall’aspetto più materico, con il legno massello lavorato così morbidamente da non aver bisogno di rivestimento o imbottitura per raggiungere un alto livello di comfort.

Per entrambe le sedute, la materia prima proviene da alberi di quercia o noce del Nord America, gestiti e abbattuti nel pieno rispetto della natura.

Potrebbe interessarti Sala da pranzo moderna

Sedie Maruni: foto e immagini

Le essenziali

Sedia total wood
Bice, Miniforms

 

Iconica come un cartone animato, Bice (premiata con l’Archiproducts Design Awards 2022), dell’azienda Miniforms, disegnata dallo studio fiorentino e-ggs, è una sedia dalle proporzioni contenute e dall’immagine grafica dove l’accentuato schienale “a sventola” ne equilibra e caratterizza la struttura. La circolarità, suggerita sempre dal profilo dello schienale, trova il suo corrispettivo nel tondo della seduta in legno curvato, mentre le gambe posteriori divergono verso il pavimento e si raccordano alle anteriori con un elemento a “X”. Le dimensioni e la sua pulizia formale la rendono adatta a qualsiasi contesto.

Il legno proviene da foreste certificate, estratto da zone di riforestazione: quelle del centro Europa per il frassino e rovere e dei territori per il noce.

Un classico per l’arredamento del soggiorno o della cucina è il modello Trise di Kave Home, ispirato alla settecentesca sedia Windsor, rivisitata “infinite” volte nel corso del tempo e riconoscibile dal sedile a mezzaluna con il motivo a raggiera delle barre in legno. Realizzata in massello naturale ogni sedia possiede venature e sfumature uniche, e la laccatura conferisce una migliore finitura e manutenzione.

Sedie Miniforms: foto e immagini

 

Per la sala da pranzo

Sedia total wood
Ticino, Living Divani

Sono comode e versatili sia per potersi usare per arredare una sala da pranzo sia per la postazione home office. Beaulieu, di Philippe Nigro, disegnata per Gebruder Thonet, è una sedia e poltroncina caratterizzata dal gioco curvilineo degli elementi che la compongono. Due le versioni: la sedia, caratterizzata dallo schienale sinuoso e accogliente, e la più avvolgente poltroncina, dove le curve si incontrano per creare al contempo schienale e braccioli.

Elegante e connotata da uno scattante profilo aerodinamico, Ticino di Living Divani, dello studio di San Francisco Shibuleru (Lukas Scherrer), è prodotta in massello di frassino color naturale o carbone.

Compatta ed impilabile ha la seduta incordata in corda di cellulosa, anche colorata, oppure in versione imbottita con rivestimento in pelle e cuoietto, interamente sfoderabile per facilitarne la pulizia.

Sedie per sala da pranzo: foto e immagini

 

 

Sedia total wood: foto e immagini

Nella gallery una selezione di sedie realizzate in legno: un autentico esercizio progettuale per i designer che ne esplorano tipologie e utilizzo, senza dimenticare la sostenibilità del materiale e della sua filiera produttiva.