Il lavabo intelligente che ti fa risparmiare acqua

Un lavabo smart realizzato in Corian® ci avvisa attraverso dei segnali luminosi quando è ora di chiudere l’acqua per non sprecarla inutilmente. Sensorialità e tecnologia, integrate alle prestazioni del materiale scelto, innescano una relazione con l’utente invitandolo a riconsiderare i suoi gesti quotidiani.

Largo al lavabo intelligente

È una questione di buone pratiche e da questo punto di vista il design può fare molto. Questo concept design di lavabo dal nome Planit th(s)ink – dall’inglese pensare (think), alla sostenibilità, e lavello (sink) – è stato presentato, con successo, all’ultima Design Week dal designer Martin Oberhauser dello studio omonimo basato a Bolzano.

L’idea alla base del progetto può aiutare a migliorare i nostri comportamenti visto che il lavabo è dotato di un sistema luminoso di segnalazione del risparmio idrico. Ma non è tutto: la stessa superficie decorata, e accesa, con un motivo a diamante genera un reticolo di luci che regalano anche un’esperienza sensoriale da vivere tanto nell’ambiente di casa come in contesti collettivi.

Largo al lavabo intelligente

L’espressività del Corian®

Largo al lavabo intelligente

Il Corian®  è un materiale composito a base di minerali e resine, igienico quindi perfetto per il bagno, notoriamente duro come la pietra ma lavorabile come il legno, anche senza giunzioni visibili.

La sua riscoperta è relativamente recente e negli ultimi vent’anni è entrato, o rientrato, visto che il suo lancio risale alla fine dei Sessanta, nel vocabolario espressivo dei progettisti che apprezzano la sua versatilità di utilizzo.

Il piano a sbalzo del mobile con cassetti è realizzato dall’azienda altoatesina Planit, specializzata nella lavorazione di questo tipo di materiale, anche in termoformatura. Planit utilizza infatti il Corian® per produrre lavabi, docce, vasche da bagno, mobili da bagno e da cucina, da usare nell’ambito del contract e dell’interior design.

Collabora e interpreta le idee dei designer, come nel caso dello studio Oberhauser, applicando una cura artigianale frutto di una conoscenza approfondita, condivisione del proprio know-how, e sperimentazioni sulla lavorazione dei cosiddetti solid surface, come il Corian®.

Il risultato è un blocco scultoreo, dalla forma sinuosa, rivelatrice delle potenzialità della produzione su misura garantita dall’expertise dell’azienda.

Lavabo intelligente: la forma

Largo al lavabo intelligente

Planit th(s)ink nella sua versione mobile bagno ha una forma monolitica, autoportante, che ingloba con curve sinuose e organiche anche il lavabo. È prevista anche una versione, dalla base quadrata, con il solo lavabo da appoggio. La superficie del top è caratterizzata dal fatto di essere incisa da scanalature sottili dove sono disposte delle strisce luminose RGB-LED ovvero rosso, verde, blu.

La luce è emessa in trasparenza attraverso il materiale. Una volta attivata, la superficie appare decorata, e animata, con un motivo a diamante: un reticolo di luci che si muovono in un’armonica sinfonia, per un’esperienza sensoriale.

Lavabo intelligente: luci ed esperienza sensoriale

Largo al lavabo intelligente

Come funziona? Il lavabo cerca l’interazione con l’utente e veicola questo tipo di relazione attraverso il modo più empatico e anche piacevole: luce e colore. Una volta sfiorato un punto del lavello, un morbido impulso luminoso interagisce con il suo fruitore percorrendo come un’onda tutta la superficie.

L’idea di fondo è, come dichiara il designer, restituire un segnale di benvenuto, ispirato al battito cardiaco umano. Ad acqua aperta, le luci sono programmate per emettere una luce blu statica che cambia lentamente tonalità, fino al rosso, in base al tempo di utilizzo, avvisandoci quindi visivamente quando l’acqua scorre per troppo tempo, fornendo uno spunto per limitarne il consumo.

Lavabo intelligente: sostenibilità e décor

Largo al lavabo intelligente

Il concept del lavabo, unendo sensorialità e tecnologia integrandole alle prestazioni del materiale scelto, innesca una relazione con l’utente invitandolo a riconsiderare i suoi gesti quotidiani e lo spreco correlato all’acqua, bene prezioso. Inglobando al lavabo un gioco di luci, per quanto delicate, fornisce una fonte d’illuminazione secondaria all’ambiente bagno.

Non da ultimo, crea un’illuminazione d’atmosfera che produce, in linea con i più recenti contributi intorno al restorative design, un certo effetto su stati d’animo, pensieri e comportamenti. Infatti, nella cornice della psicologia ambientale, e ai fini della cosiddetta rigeneratività ambientale, è importante anche creare spazi e oggetti in grado di ridurre i livelli di stress, ripristinare le risorse cognitive e promuovere una sensazione generale di comfort.

Studio Oberhauser

Largo al lavabo intelligente

Il progetto nasce da una sorta di sinergia locale, territoriale, dal momento che il designer e il produttore sono entrambi altoatesini. Studiooberhauser nasce a Bolzano nel 2018 da Martin Oberhauser, laureato all’Università di Bolzano quindi diplomato alla prestigiosa Università ECAL – Ecole Cantonale D’Art de Lausanne in Svizzera – dove ha collaborato con designer del calibro di Ronan Bouroullec e Werner Aisslinger prima di approfondire il mestiere con l’altrettanto noto designer Patrick Jouin a Parigi. Studiooberhauser punta dall’inizio a progetti orientati alla sostenibilità, unendo un team multidisciplinare che opera nel product design, nell’interior design ma anche nel mondo dell’arte.

L’attenzione principale è rivolta all’esplorazione e allo sfruttamento di metodi di produzione nuovi e innovativi che oltre al Corian® includono, ad esempio, il cemento con stampa 3D.

Il lavabo intelligente: foto e immagini

La lavorazione del Corian® permette l’inserimento di luci led che nel caso di questo originale lavabo permettono di segnalarci un eccessivo consumo d’acqua. Nella galleria alcuni dettagli del progetto: