Ristrutturare un vecchio mulino: il progetto di vivere nella Natura

Un vecchio mulino abbandonato può essere ristrutturato e diventare un’originale abitazione fuori porta; ecco tutte le informazioni e le indicazioni per procedere al meglio.

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-06

Un vecchio mulino non più in funzione può essere recuperato per essere trasformato e farlo così tornare di nuovo utile donandogli un’altra vita. Per esempio, questo spazio può diventare un’abitazione fuori porta davvero originale ma non solo. Una location del genere, dopo la ristrutturazione, può funzionare come mulino ancora una volta e/o può diventare uno spazio pubblico come un ristorante o un hotel.

Per farlo è necessario seguire delle specifiche indicazioni per far sì che la parte della struttura non venga demolita; si potrà procedere semplicemente sostituendo alcuni elementi in tutta sicurezza. Ecco quindi per voi tutti i migliori consigli e i suggerimenti più utili per procedere al meglio senza commettere neanche un errore. Per raggiungere il risultato desiderato basterà mettersi al lavoro con tanta voglia di fare e di rimodernare ciò di cui abbiamo bisogno.


Leggi anche: Porte da interni

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-08

Le due fasi della ristrutturazione

A fianco a un vecchio mulino spesso troviamo anche una piccola abitazione che dovrà essere il primo luogo a essere eventualmente ristrutturato. Questa è la prima fase di un lavoro lungo ma non troppo complesso o impossibile. Nonostante gli spazi ristretti e poco nuovi, è possibile in ogni caso rendere l’abitazione moderna e contemporanea senza problemi. L’ambientazione, unita ai rinnovi più innovativi, renderà la vostra casa all’ultima moda senza dimenticare il fascino dello stile inglese e del mood rustico.

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-00

La ristrutturazione di un vecchio mulino

Per ristrutturare un vecchio mulino e trasformarlo in un’abitazione sarà innanzitutto necessario aggiustare le eventuali lesioni presenti sulle pareti e altrove. Procedendo nel modo corretto (ossia perforando con il trapano come primo step e poi posando del tessuto unidirezionale sui fori) si renderà il tutto più stabile e quindi innanzitutto sicuro.

I muri andranno poi, però, ancora rafforzati attraverso delle cuciture apposite. Per quanto riguarda, in generale, il materiale delle pareti, è possibile lasciarlo così com’è. Il fascino intramontabile dei mattoni, infatti, donerà alla vostra casa un’atmosfera intima e accogliente dall’aspetto country.


Potrebbe interessarti: Ristrutturazione casale: guida e costi

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-04

L’arredo e gli infissi

Per quanto riguarda l’interno, un vecchio mulino adibito ad abitazione può essere arredato come più preferite. Se le pareti sono in mattone, la pavimentazione può essere, per esempio, bianca. Questo è un colore che può essere usato per tutta la casa anche per una questione di completezza, ordine e pulizia. Saranno poi i complementi d’arredo a donare un po’ di colore.

Il fascino del country e del rustico non vi dovranno fermare; sarà infatti possibile usare anche tinte un po’ più accese come il rosa oppure osare con un divano in pelle. Anche gli infissi dovranno ovviamente essere sostituiti da altri più moderni e resistenti. Uno stile che può essere adatto all’occasione si rivelerà essere sicuramente quello industrial. Grazie a questi si darà la giusta importanza all’accesso agli immancabili spazi esterni.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-03

L’illuminazione in un vecchio mulino

In alcuni tipi di locali l’illuminazione è così importante che può essere usata quasi come un elemento d’arredo. Scelta correttamente, la luce giusta potrà risaltare l’ambiente rendendolo anche più esteticamente gradevole. L’atmosfera sarà così calda e accogliente soprattutto se nell’arredamento verrà usato come materiale principale il legno. Per questo motivo sono infatti fondamentali i giusti infissi, che faranno entrare la luce al meglio, ma anche la luce artificiale non è da sottovalutare.

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-05

La soffitta e il soppalco

Spesso in alcuni spazi è possibile sfruttare l’altezza. Anche in un vecchio mulino ristrutturato avete la possibilità quindi di creare soppalchi oppure utilizzare la soffitta arredandola di tutto punto. In questo modo non solo si risparmieranno metri preziosi ma si andranno a creare nuovi luoghi da usare per il tempo libero o per tutto ciò di cui avete bisogno come una zona living con un divano e un tavolino.

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-02

I materiali e l’isolamento termico

Data la speciale location, usare materiali naturali non solo renderà l’aspetto dell’ambiente migliore ma sarà anche una scelta azzeccata. Ad esempio il legno può diventare il protagonista assoluto ed essere usato per le travi e le colonne. Il vano scale in calcestruzzo ospiterà le stesse in ferro battuto. Il pavimento in cotto e in pietra può essere un’altra ottima soluzione.

L’acciaio potrà essere usato per ottenere la giusta atmosfera abbinata al luogo proprio perché è il materiale che può essere caratteristico per un vecchio mulino; è anche molto resistente e versatile per cui può essere usato per rivestimenti, superfici, ripiani, parapetti e anche complementi d’arredo sia all’esterno che all’interno di una struttura.

L’isolamento termico, invece, può essere garantito grazie a materiali rinnovabili con uno speciale sistema di riscaldamento e raffreddamento.

Ristrutturare-un-vecchio-mulino-01

Ristrutturare un vecchio mulino: immagini e foto

Nella nostra galleria fotografica ecco tutte le idee migliori e i suggerimenti più pratici per procedere con la ristrutturazione di un vecchio mulino e trasformarlo in un’originale abitazione fuori porta.

Gaia Giovannone
  • Diploma di maturità scientifica
  • Diploma in scrittura creativa (Scuola Holden)
  • Giornalista pubblicista
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica