Top cucina in fenix: cos’è, come sceglierlo, opinioni

Top cucina in fenix: cos’è e come sceglierlo. Sei pronto a conoscere tutto, ma proprio tutto, su questo materiale che ha rinnovato il modo di pensare e rivestire la cucina? Bello, pratico e resistente: scopri con noi tutte le caratteristiche e i vantaggi nello sceglierlo.

Top cucina in fenix: cos’è come sceglierlo

Partiamo innanzitutto col dire che il piano di lavoro presente in cucina o “top” proprio ad indicare la parte più alta, rappresenta un elemento indispensabile con cui abbiamo a che fare tutti i giorni. Componente che ci supporta nella preparazione dei piatti dalla colazione alla cena.

Come scegliere quello giusto? E’ tutta una questione di equilibrio tra estetica e funzionalità. Parti dalle tue esigenze e fa la scelta giusta, la tecnologia ci darà una mano. Prima di entrare nel vivo della questione, però, e conoscere più a fondo il top in fenix facciamo una carrellata di quelli che sono i top più diffusi e capiamo perché preferire proprio questo materiale: sei pronto?


Leggi anche: Lavatrice mimetizzata o a vista: quale la scelta migliore?

Top cucina in fenix: cos’è come sceglierlo

Quali sono i migliori top per la cucina

Iniziamo da un classico che ha caratterizzato per lungo tempo le cucine delle nostre nonne:

  • marmo: bello e pregiato ma costoso e delicato
  • pietra: un classico del passato anch’essa ma attenzione alla porosità
  • acciaio: tipica delle cucine dei grandi chef. Bello, durevole, resistente e igienico
  • quarzo: duro, resistente ed igienico
  • gres porcellanato: una delle ultime tendenze, bello e competitivo
  • laminato: diverse le tipologie, presentano tutte una buona resistenza a graffi e urti
  • cementoresina: disponibile in più colori ma molto delicato
  • vetro temperato: per lavorare in sicurezza
  • fenix: soluzione intelligente.

Nel corso del nostro articolo impareremo a conoscere più a fondo quest’ultimo elemento. Nasce dal laminato postformato ed è composto da carta e resine termoindurenti trattato con resine acriliche di ultima generazione per quanto riguarda la parte esterna che gli conferisce caratteristiche uniche nel suo genere. Ma vediamole insieme.

Top cucina in fenix: cos’è come sceglierlo

Top cucina in fenix: le caratteristiche

Il fenix rappresenta ad oggi uno dei materiali più innovativi e competitivi esistenti. Si colloca su un gradino più alto rispetto ai laminati e, grazie alle sue caratteristiche, apre a sfide interessanti e regala nuove opportunità nel campo dell’interior design. Da applicare sia in orizzontale che in verticale, viene preferito sempre più.

Proprio come la Fenice che rinasce dalle sue ceneri e da cui il materiale prende il nome, il fenix è in grado di rinascere e riparare graffi ed abrasioni in superficie ritornando alla forma originaria avvalendosi del calore. Come? Sarà sufficiente inumidire la parte interessata ed applicare un panno a protezione della superficie su cui poggeremo il nostro ferro da stiro caldo, non più di 10 secondi: attenzione! Nulla di più facile e veloce.


Potrebbe interessarti: Lavasciuga: comprarla, sì o no? Consigli per gli acquisti

C’è anche un’opzione B ancora più rapida ed ugualmente efficace: armati della spugna magica e cancella in un sol gesto ogni graffio.

Top cucina in fenix: cos’è come sceglierlo

I vantaggi di scegliere un top in fenix

Se vuoi capire da vicino perché preferire questo materiale ad altri, ecco alcuni motivi per farlo. Vediamoli insieme:

  1. resistente: ad urti e graffi
  2. antistatico
  3. idrorepellente
  4. elegante: preferito per il suo elevato impatto estetico. Perfetto per la tua cucina moderna
  5. igienico: tra le sue proprietà l’abbattimento delle cariche batteriche
  6. opaco e anti-impronta per la bassa riflettività della luce
  7. tocco morbido in superficie (come seta)
  8. sicuro
  9. ottimo rapporto qualità-prezzo.

Vedremo meglio nel prossimo paragrafo quanto può costare. Per finire non dimentichiamo la vasta gamma di colori tutti ispirati alla natura tra cui scegliere per personalizzare la tua cucina. Dai toni chiari e luminosi a quelli più scuri e profondi per arredare con un tocco raffinato in più.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Top cucina in fenix: cos’è come sceglierlo

Quanto costa un top cucina in fenix

Come già ti abbiamo anticipato, si tratta di un materiale davvero competitivo anche in termini di costi, dove non tradisce le aspettative. Quanto può costare un top in fenix? Siamo pronti a fornirti la risposta, esclusi i costi di trasporto e montaggio.

Si parte dai 157 euro al metro lineare per un top di 2 cm senza lavorazioni particolari. Richiedi sempre un preventivo per avere un ‘idea di costo più preciso e per una progettazione pensata ad hoc per te.

Top cucina in fenix: cos’è come sceglierlo

Pulizia e manutenzione

Se ti stai chiedendo come preservarlo nel tempo una costante pulizia e manutenzione sono la risposta giusta. Nel corso del paragrafo ti spiegheremo come procedere correttamente. Iniziamo dagli strumenti giusti per una pulizia quotidiana:

  • guanti
  • panno in microfibra
  • acqua e detergente delicato.

Nulla più. Per rimuovere macchie più ostinate e difficili, invece, prova con acqua calda e solventi organici o acetone. Qualora si renda necessario intervenire con spatole, per rimuovere ad esempio la cera di una candela, preferisci quelle in plastica o silicone morbido per non rovinare il tuo top.

Top cucina in fenix: cos’è come sceglierlo

Top cucina in fenix: foto e immagini

Se con il nostro articolo hai sentito parlare per la prima volta di top in fenix e l’hai trovato davvero interessante ancor di più lo sarà immaginarlo nella tua cucina. Dai uno sguardo alla galleria di immagini che segue e lasciati ispirare.

Paola Palmieri
  • Laurea in Scienze della Comunicazione
  • Master in Editoria e Comunicazione
  • Autore specializzato in Fai da te, Design, Arredamento
Suggerisci una modifica