Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

Hai un cancello elettrico per l’ingresso della tua vettura nell’area di casa? E’ un elemento molto funzionale, oltre che di design. Certo, necessita chiaramente di manutenzione. Ecco cosa devi sapere.

 

Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

Ci sono degli accorgimenti importanti da porre in essere, allo scopo di garantire, per il tuo cancello ad apertura automatica, sempre il top delle prestazioni, ed evitare quindi sorprese.

Una di queste potrebbe essere la mancata apertura, una volta arrivati di fronte l’ingresso, o, peggio ancora, la mancata chiusura una volta lasciato il cancello alle spalle. Magari, nell’ultimo caso, si ha fretta di raggiungere il luogo di destinazione, e si dovrebbe scendere dall’auto, staccare la corrente, chiudere il cancello manualmente.

Perché il cancello elettrico si blocca?

Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

Senza manutenzione ordinaria, il cancello automatico si blocca. Ciò è dovuto ad una difficoltà di scorrimento in grado di bloccare l’automatismo. Oltretutto, il cancello potrebbe bloccarsi anche per un semplice blackout oppure per condizioni atmosferiche avverse, un freddo intenso, in particolare.

Sull’ultimo punto, ci sono comunque dei modelli da prendere in considerazione, con un funzionamento garantito anche a temperature molto rigide, anche a decine di gradi sotto lo zero.

Manutenzione cancello elettrico e rispetto della legge

Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

La manutenzione ordinaria, oltre ad essere necessaria allo scopo funzionale, per l’utente o gli utenti che ne fruiscono, è altresì obbligatoria, con obbligo in capo al titolare o conduttore della proprietà. Spesso è un aspetto che non è a conoscenza di tutti, ignorato anzi, dalla maggior parte degli utenti. Sarebbe bene, dunque, tenerlo presente.

L’obbligo legislativo è entrato in vigore nel 2010, e prevede la marchiatura CE su ogni cancello elettrico. Ciò è a prescindere dall’anno d’installazione. La marchiatura dovrà essere apposta da tecnici qualificati e abilitati, al termine, naturalmente, della verifica dello stato conservativo, o della manutenzione eseguita.

Nel dettaglio, parliamo della cosiddetta “direttiva macchine”, approvata in ambito europeo, alla quale il nostro Paese è tenuto a conformarsi. Si tratta della direttiva 2006/42/CE.

La cadenza periodica e chi contattare

Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

Il controllo, e relativa manutenzione, andrebbe effettuato a cadenza semestrale. Se conosci una ditta con la relativa qualificazione, puoi contattarla direttamente per prendere accordi. Diversamente, potresti cercare la ditta, magari online, con ricerca riferita alla tua zona/territorio provinciale, o fare affidamento sul passaparola nel ricevere delle referenze.

Assicurati, in tutti i casi citati, che si tratti di una ditta abilitata al rilascio del marchio CE al termine del controllo e della manutenzione. Meglio farsi esibire la certificazione relativa all’adempimento della normativa, una volta contattato il tecnico o la ditta in questione, se non si ha ancora cognizione dalla medesima attività o ente abilitato.

Il risultato della manutenzione

Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

Periodicamente, il meccanismo di scorrimento andrebbe opportunamente lubrificato, così da garantirne sempre la scorrevolezza e l’affidabilità. Oltre alla lubrificazione, dalla manutenzione ne deriverà altresì una pulizia del meccanismo da sporcizia ed eventuali sedimentazioni di polveri o materiale, le quali andrebbero opportunamente rimosse con cura e strumentazione adatta. Così facendo, si preverranno anche guasti particolari.

Nell’ultimo caso, eventualmente, dovremmo andare incontro a riparazioni straordinarie, che potrebbero rivelarsi costose. Inoltre, porre l’attenzione anche sull’aspetto climatico e metereologico, per come accennato. Di norma, comunque, la manutenzione è da effettuarsi almeno una volta ogni sei mesi.

Le operazioni compiute durante la manutenzione

Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

Passiamo quindi alle operazioni che il tecnico eseguirà sul nostro meccanismo. E’ fondamentale averne conoscenza, così da far notare, nel caso, eventuali discrepanze rispetto a quanto previsto, o anche solo per chiarirsi dei dubbi. Verificare l’operato tecnico della manutenzione, inevitabilmente, apporterà dei vantaggi. Si eviteranno guasti dovuti al mancato accorgimento durante la manutenzione. I mancati accorgimenti, una volta apposto il bollo, difficilmente potranno essere recriminati successivamente.

Ciò premesso, il tecnico dovrà innanzitutto accertarsi di quale tipo di cancello si tratti. Chiaramente, emergerà dalla vostra conversazione per accordi, ma meglio che se ne accerti di persona, direttamente col sopralluogo. Esistono molteplici tipi, infatti, di cancello automatico, e potrebbe sempre capitare un malinteso, in fase di colloquio.

Il tipo di cancello può essere a scorrimento, a battente semplice, a doppio battente, a fisarmonica, a ventaglio (anche se quest’ultimo tipo è poco diffuso). Ed è in relazione al tipo, che il tecnico userà mezzi adeguati.

In ogni caso, verificherà che i cardini siano stabili, e anche fluidi (in caso contrario si procede con fissaggio e lubrificazione, rispettivamente). In secondo luogo, i meccanismi di movimento del cancello (dovrà essere rimossa la sporcizia, trattata la ruggine, ecc.). A seguire, la pulizia delle staffe e dei pistoni, e la sistemazione e la messa a norma di tutti i meccanismi che regolano elettronicamente l’apertura automatica. Assicurati dunque, che il tuo tecnico compia le dette operazioni.

Gli aspetti burocratici

Manutenzione cancello elettrico: cosa fare

Assicurati anche del rilascio del documento di avvenuto controllo, da parte dello stesso. Abbi infine cura di conservare il documento nel registro di manutenzione. Se il cancello è stato installato dopo il 2010, successivamente all’entrata in vigore della normativa in Italia, il registro ti sarà stato assegnato al momento della messa in opera del sistema.

Al contrario, se il tuo cancello automatico risale a data antecedente, lo stesso ti viene consegnato dalla medesima ditta, o libero professionista, che esegue la manutenzione.

Manutenzione cancello elettrico: foto e immagini

Scorri in sequenza la galleria, troverai ispirazione in merito al tuo modello di cancello.