Come scegliere il topper per il materasso: guida all’acquisto

Il topper è un sottile materasso imbottito dai molteplici benefici: confortevole, migliora il sonno, è un ottimo compromesso per risparmiare soldi evitando di sostituire il vecchio materasso. Come scegliere quello perfetto? Materiali, misure e costi: tutte le caratteristiche da tenere in considerazione prima dell’acquisto.

topper-grigio

Quante volte vi sarete svegliati più spossati di quanto siete andati a letto? E quante volte vi ha svegliato un dolore lancinante alla schiena? Se anche voi siete tra le schiere di insonni a causa di un letto scomodo, siete finiti nel posto giusto: oggi vogliamo parlarvi del topper.

Per quanti di voi non sanno cos’è e si sono ritrovati per caso su questo articolo ma si ritrovano nella descrizione precedente, il topper è un materassino sottile imbottito che si sovrappone al materasso che già si possiede in camera per correggerne alcuni difetti e per migliorarne il comfort.

Principalmente il topper è utilizzato per rendere più morbido un materasso troppo rigido o più rigido un materasso troppo morbido, ma non è disdegnato come coprimaterasso per evitare usura e polvere. È solitamente realizzato con materiali traspiranti, esistono in commercio varianti di altezze e spessori diversi per letti singoli e letti matrimoniali. Anche per quanto riguarda l’imbottitura, il mercato non si risparmia e tutto dipende che cosa ricercate: rigidità, morbidezza?


Leggi anche: Materasso ergonomico: caratteristiche e guida alla scelta

Tra le proposte in commercio, è importante scegliere il topper che più si adatta alle vostre esigenze: scegliete quello che favorirà un sonno ristoratore. Ma quali sono le esigenze che sottostanno alla volontà di scegliere un topper? Ebbene, possono essere diverse: migliorare la rigidità del vostro materasso in modo che abbiate un sostegno migliore oppure potreste volere un materasso più soffice.

In ogni caso, il topper ha numerosi vantaggi: al di là del fatto che potreste rimandare l’acquisto di un nuovo materasso a tempi migliori, c’è la possibilità di personalizzare le due parti del letto così marito e moglie otterranno il grado di morbidezza (o durezza) desiderato oppure potreste ottenere un comodo letto unendo due letti singoli e sovrapponendo il topper.

Dopo questa rapida introduzione al topper, vediamo adesso le caratteristiche da tenere in considerazione prima di procedere all’acquisto.

Topper: quale materiale è il migliore per me?

topper-piuma

Sostanzialmente, esistono tre tipi di materiali in commercio utilizzati per il topper. Conoscendo le particolarità di ognuno, sarà facile scoprire quale sia quello adatto alle vostre esigenze:

  • Memory: il topper in memory foam si adatta alla morfologia del corpo e lo sorregge. È un’ottima soluzione per chi ritiene troppo duro il proprio materasso: la morbidezza è assicurata! Per la sua particolare morbidezza, il topper in memory foam è adatto a chi soffre di lombalgia perché annulla la pressione sui muscoli della schiena
  • Schiuma: al contrario del memory, quello in schiuma rende più rigido il materasso. Se avete la sensazione di sprofondare quando vi distendete sul letto, la soluzione perfetta è proprio quella di scegliere un topper in gommapiuma che negli ultimi anni si sta diffondendo nella variante a base di aloe vera.
  • Lattice: anche in questo caso, il risultato è un letto più rigido. Il lattice è una fibra che si plasma sulla sagoma del corpo e dona sollievo soprattutto a chi ama dormire sul fianco.


Potrebbe interessarti: Ristrutturazione casale: guida e costi

Spessore

topper-elastici

Un altro aspetto di fondamentale importanza è lo spessore del topper perché la sua funzione ammorbidente” o “irrigidente” è dovuto proprio a questo. In effetti, scegliere un prodotto troppo sottile significherebbe cambiare poco e niente. Al contrario, scegliere uno spessore elevato (quindi elevata morbidezza) ha il rischio di farvi sprofondare troppo.

In linea di massima, lo spessore minimo è di 4 centimetri ma per una qualità superiore scegliete modelli con spessore tra i 6 centimetri e gli 8. Anche se, la soluzione migliore è testare il topper (chi non avrebbe voluto da grande fare l’accarezzatrice o la testatrice di materassi?!).

Le misure: quali scegliere?

topper-misure


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Chiaro è che per fissare il topper alla base è necessario che lo scegliate di una misura uguale a quella del materasso. I formati più comuni disponibile in commercio sono quelli con misura 120×190, 160×190 oppure 140×200.

Inoltre, è bene considerare il fissaggio: la soluzione a nostro avviso migliore per tenere saldo il topper al letto è quella con gli elastici da infilare sotto il materasso.

Il prezzo migliore per un topper di qualità

topper-lana

Arriviamo alle domande delle domande: quanto costa un topper che sia qualitativamente anche appagante? Cominciamo col dire che uno dei vantaggi di questi materassini è proprio il basso costo rispetto, ovviamente, all’acquisto di un materasso nuovo. In commercio si trovano topper di buona qualità a partire dai 60€, un prezzo decisamente vantaggioso che ristorerà non solo il vostro sonno ma anche il portafogli.

Per i modelli invece di alta gamma, quelli in memory per intenderci, saliamo di prezzo che può raggiungere anche i 200€ che si tratta comunque di una cifra abbastanza abbordabile sempre rispetto al costo di un materasso.

Scegliere il topper: galleria d’immagini

Sfogliate la galleria per visionare vari modelli di topper in commercio.

Marika Manna
  • Laurea triennale in Scienze della Comunicazione a Salerno
  • Laurea magistrale in Editoria e Giornalismo
  • Autore specializzato in Lifestyle, Casa, Arredamento, enogastronomia
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.