Come pulire la lavatrice: trucchi per eliminare i cattivi odori


Eliminare una volta per tutte i cattivi odori dalla lavatrice. La guida completa ed i trucchi per la corretta manutenzione di questo fondamentale elettrodomestico: come pulire cestello, guarnizioni e filtro in maniera corretta. Consigli per evitare la formazione della puzza.

scegliere-migliore-lavatrice


Eliminare i cattivi odori dalla lavatrice è un problema ? A volte si, soprattutto se si utilizza in maniera intensa questo fondamentale apparecchio.

Si pensa ad avere tutto perfettamente igienizzato, mentre magari la causa di cattivi lavaggi potrebbe essere l’aver trascurato la sua ordinaria manutenzione, preferendo dare la colpa al nuovo detersivo od ammorbidente comprato solo perché era in offerta.

La pulizia della lavatrice, è bene ricordare, va effettuata in maniera periodica e costante, poiché sarà determinante per allungare la vita dell’elettrodomestico, con conseguenti migliori prestazioni.

Infatti, dopo ogni lavaggio, tendono a depositarsi residui di sporco e batteri che non riescono ad essere rimossi dalle diverse fasi di lavaggio.

Inoltre, con l’utilizzo della lavatrice per pulire a fondo i panni sporchi, residui di ogni tipo, come peli di animali, microparti di tessuti, polvere oltre al calcare, rimangono all’interno e possono rovinare gli ingranaggi.


Leggi anche: Cestino della spazzatura rallenta cattivi odori


Come pulire la lavatrice: la guida completa

lavatrice-consumo-acqua

Andiamo allora a conoscere come effettuare la pulizia completa e perfetta delle diverse parti e componenti della lavatrice, oltre a sapere quali trucchi ed astuzie mettere in pratica per eliminare i cattivi odori.

Precisamente, verranno analizzate in maniera separata le 3 operazioni di pulizia da effettuare periodicamente, secondo le tempistiche indicate:

  • cestello
  • guarnizioni
  • filtro

Come pulire il cestello della lavatrice

lavatrice-colorata

Iniziamo dalla componente dalle dimensioni più imponenti dell’elettrodomestico, ovvero dal cestello, luogo dove si possono depositare diversi residui che, con il tempo, possono comportare seri danni al funzionamento.

Il primo grosso avversario è il calcare, da rimuovere assolutamente dalla superficie in acciaio inox, azione oltremodo importante per disinfettarla dai batteri.

Il consiglio base è di effettuare almeno una volta al mese, un lavaggio a vuoto, ad alte temperature, andando a versare all’interno dell’elettrodomestico un bicchiere di aceto di vino bianco, oltre a mettere un pò di questo prezioso liquido per le pulizie di casa anche nella vaschetta del detersivo.

La sua azione sarà importante anche in chiave rimozione cattivi odori. Se si vuole aumentare l’effetto, è possibile aggiungere un cucchiaio di bicarbonato di sodio.

Ogni 3 mesi si può invece effettuare un’altra importante operazione:

  1. impostare il programma per i capi in cotone.
  2. lasciare aperto il cassetto del detersivo.
  3. avviare un lavaggio a vuoto.
  4. appena l’acqua riempie il cassetto,versare un litro di candeggina o di aceto bianco.
  5. riavviare il ciclo e poi fermarlo.
  6. aspettate che la candeggina/aceto facciano effetto.
  7. completare il lavaggio a vuoto.

Per chi apprezza i buoni profumi, quando effettua ogni lavaggio, può aggiungere nel cestello un composto formato da aceto di mele e qualche goccia di olio essenziale alla lavanda o limone. Questa soluzione limita la  formazione del calcare oltre a rendere gli abiti molto morbidi.

Un consiglio importante: al termine di ogni lavaggio rimuovere subito il bucato ed asciugare il cestello per evitare la formazione di muffa. Inoltre lasciare sempre aperto l’oblò, in maniera da facilitare il passaggio di aria ed impedire l’accumulo di acqua.

Metodo alternativo con acido citrico

giallo-limone-frutto

L’acido citrico è un composto acido che si trova negli agrumi, in particolare soprattutto nel succo di limone. Non è assolutamente nocivo in quanto è classificato come acido debole, in quanto a bassa concentrazione. In commercio viene venduto in confezioni sotto forma di polvere o di cristalli.

  1. Preparare una soluzione con 150 grammi di acido citrico sciolto in 1 litro di acqua demineralizzata, quella utilizzata per il ferro da stiro.
  2. versare mezzo litro di composto nella vaschetta del detersivo
  3. avviare il lavaggio a 90 gradi.

E’ consigliato effettuare questa operazione una volta ogni 2 mesi. Il prezzo in commercio di un kg di acido citrico si aggira intorno ai 10/11 euro.

Come pulire le guarnizioni

ikea-lavatrice

All’interno delle guarnizioni si possono accumulare sporco e batteri mentre il ristagno dell’acqua può causare la formazione di muffe, pericolose anche per la salute delle persone.

Si possono usare due metodi alternativi, ed entrambi efficaci.

Primo metodo

Sono necessari:

  • aceto
  • limone
  • bicarbonato di sodio
  1. Mescolare i componenti fino ad ottenere una posta cremosa
  2. passarlo con un panno in microfibra sulle guarnizioni fino a farlo aderire
  3. fare un lavaggio a vuoto con poco detersivo.

Secondo metodo

  1. Sciogliere un pò di detersivo per i panni in acqua calda.
  2. passarlo con una spugna sulle parti gommose.
  3. fare un lavaggio a vuoto con poco detersivo.

Come pulire il filtro

La pulizia del filtro della lavatrice è purtroppo un’operazione che necessita di un minimo di attività manuale, dovendo rimuovere il calcare che si è formato, la cui scarsa manutenzione è una fra le prime cause di mal funzionamento di questo importante elettrodomestico per la vita famigliare.

Innanzitutto, prima di procedere, sappiate che ogni modello vede il filtro posizionato in maniera diversa, per cui tenete a portata di mano il libretto delle istruzioni, in modo da capirlo come estrarlo.

La pulizia va effettuata assolutamente a macchinario spento e staccato dalla corrente elettrica, oltre a chiudere il rubinetto dell’acqua; la cosa simpatica è che può essere fatta anche solo annualmente.

Avendo a portata di mano una bacinella od un contenitore, aprire lo sportellino nel quale si trova il filtro.

Dopo averlo smontato, metterlo sotto l’acqua corrente e, con un vecchio spazzolino da denti, passare accuratamente del bicarbonato.

Qualora il filtro si presenti molto incrostato, lasciarlo immerso in una soluzione di acqua e aceto per qualche ora.

Evitare cattivi odori della lavatrice: consigli base

Oltre a seguire le istruzioni per effettuare una corretta e costante manutenzione della lavatrice, ecco una serie di consigli base per evitare che la vostra lavatrice possa essere l’origine di cattivi odori:

  • lasciare sempre aperto lo sportello dopo ogni lavaggio: il passaggio dell’aria faciliterà la fase di asciugatura del cestello
  • usare poco detersivo per i lavaggi
  • utilizzare prodotti specifici per la pulizia della lavatrice almeno un paio di volte l’anno
  • in caso di persistenza di cattivi odori, verificare il tubo di alimentazione dell’acqua
Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger
  • Esperto di Arredo e design

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta