Come pulire il fondale della piscina

Tiziana Morganti
  • Dott. in Storia Moderna

Non c’è nulla di più rilassante di un pigro pomeriggio a bordo piscina, magari in compagnia dei propri amici. Perché questo momento sia postivi e privo di inconvenienti, però, è importante che l’acqua e il fondale siano sempre igienizzati nel migliore dei modi. Vediamo i passi fondamentali per portare a termine periodicamente questo compito poco divertente ma, sicuramente, necessario.

Come pulire il fondale della piscina

Durante i giorni d’estate in cui la calura sembra non voler proprio dare segnali di tregua, avere una casa con piscina rappresenta un lusso incredibile. D’altronde, quando il caldo si fa troppo intenso basta tuffarsi al suo interno per trovare un refrigerio immediato. Oltre a questo, però, la piscina rappresenta anche un luogo di aggregazione, intorno al quale riunire amici per un pomeriggio al sole o organizzare tardi aperitivi mentre la luce del giorno cala pigramente.

Per non parlare, poi, della possibilità di mantenersi in forma con poche ma costanti bracciate ogni giorno. Fino a questo punto, dunque, sono stati considerati solamente gli aspetti positivi legati alla presenza di questo elemento, capace anche di aumentare il valore di una casa. Come è ben noto, però, per ogni cosa esiste anche il famoso rovescio della medaglia.

Questo vuol dire, in sostanza, che possedere una piscina non rappresenta solamente un vantaggio in termini ludici, ma comporta anche dei doveri ben precisi riguardo la sua manutenzione. Perché una refrigerante nuotata rappresenti sempre un momento positivo e salutare, infatti, è necessario che acqua e contenitore sia impeccabili dal punto di vista della pulizia.

In modo particolare bisogna prestare attenzione al fondale, dove si vanno a depositare facilmente sporco e batteri. Due elementi che devono e possono essere contrastati attraverso una manutenzione periodica della piscina.

Ma come fare per avere sempre a disposizione un ambiente piacevole e igienico per se e i propri ospiti? Vediamo insieme quali sono le tecniche più efficaci ed utilizzate per igienizzare al meglio il fondale di una piscina.

1. Come pulire fondale piscina: retino

Come pulire il fondale della piscina

Uno dei primi elementi da utilizzare per mantenere l’acqua della propria piscina sempre in condizioni igieniche apprezzabili sono i filtri e le griglie. Questi due elementi combinati, però, riescono a garantire un risultato efficace solamente al 70/80%. Ecco, dunque, che la pulizia del fondale deve essere portato a termine attraverso l’utilizzo di uno strumento semplice ma di grande utilità.

Il riferimento è al retino a sacco, grazie al quale poter eliminare dalla superficie foglie ed insetti e, allo stesso tempo, intervenire anche in profondità.

Per arrivare agevolmente anche ai livelli più profondi, però, è consigliato di munirsi di un modello con manico telescopico. In questo modo, dunque, si può intervenire quotidianamente sulla pulizia della propria piscina senza, per questo, sostenere una spesa impegnativa. Il retino, in effetti, è una soluzione veramente economica.

2. Come pulire fondale piscina: aspirafango

Come pulire il fondale della piscina

Spesso, quando si tratta di pulizia e igienizzazione della propria piscina, non conviene considerare il risparmio quanto l’efficacia del metodo adottato. Per questo motivo l’aspirafango è uno strumento e un macchinario particolarmente utilizzato per far in modo che la manutenzione del fondale non sia certo una missione impossibile.

Ma quali sono le caratteristiche e le funzioni di questo strumento? Iniziamo con il dire che il suo utilizzo si consiglia per chi possiede una piscina dalle proporzioni medie.

Di fronte ad una metratura maggiore, infatti, il retino o altri strumenti manuali non sono indicati come l’unica soluzione possibile. L’aspirfango, invece, aiuta a liberare il fondale da qualsiasi deposito di terra, sabbia e, ovviamente, fango. In questo caso, però, bisogna tenere in considerazione anche il materiale con il quale è stata realizzata la piscina.

Un fondale di cemento, infatti, sarebbe la superficie perfetta per utilizzare un aspirafango a rotelle. Per non parlare, poi, del modello triangolare. Una soluzione grazie al quale è possibile pulire anche gli angoli, soprattutto nelle piscine di grandi dimensioni.

3. Come pulire fondale piscina: robot elettrico

Come pulire il fondale della piscina

Chiunque abbia frequentato le piscine pubbliche o quelle più esclusive di resort a cinque stelle, lo ha visto in azione. Si tratta del robot elettrico che, a fine giornata, mentre tutti rientrano nelle proprie stanze o abbandonano il bordo piscina, entra silenziosamente in azione.

Questo strumento si adatta alla perfezione ai modelli di piscina più grandi ed anche agli animi più pigri che, pur consapevoli di dover prendere sul serio la pulizia del fondale, preferiscono demandare. E, in questo caso, a svolgere alla perfezione il compito è un macchinario indipendente. Una sorta d’intelligenza artificiale che, grazie ad un algoritmo, riesce a calcolare l’effettiva grandezza della piscina.

Calcoli essenziali per permettere al robot di agire sull’intera estensione, senza trascurare eventuali gradinate e, soprattutto, gli angoli.

Ma come funziona effettivamente questo macchinario? In realtà si tratta di un procedimento piuttosto semplice. Importante è programmarlo per far in modo che entri in azione nel momento in cui la piscina non viene utilizzata. Solitamente le fasce orarie più adatte per la pulizia del fondale sono la mattina presto, prima che inizi una nuova giornata a bordo piscina, e la sera, quando l’aria si fa più fresca.

Nel caso, poi, in cui si voglia evitare anche il problema della programmazione, in commercio è possibile trovare dei modelli con telecomando. Il che vuol dire che è possibile azionarli mentre si è comodamente seduti su un divano in salotto o su una sedia in veranda con un aperitivo tra le mani. In definitiva si tratta della scelta preferita di tutti gli amanti dell’ozio ad oltranza.

E, d’altronde, il sole, l’acqua e il refrigerio di una nuotata non può che indurre alla pigrizia.

Come pulire il fondale della piscina: foto e immagini

Nonostante le temperature poco confortevoli state già pensando alla prossima estate e a pomeriggi trascorsi al sole a bordo piscina? Perché tutto sia pronto per la bella stagione iniziate a programmare la pulizia del fondale, come suggerito dalle immagini.