Cucine rustiche: il tempo non passa mai

Andrea Del Regno
  • Autore - Laurea in Lettere e Linguistica Moderna

Cucine rustiche in muratura, in legno, in pietra. Ideali per le abitazioni ubicate nelle aree rurali, si rivelano alternativa ottimale per gli appartamenti del centro città. Per realizzarne una di spessore, perfettamente allineata nello stile e nella portata funzionale, occorre un progetto preciso, da portare a compimento con le dovute accortezze. 

Cucine rustiche (aggiornamento)

La cucina rustica costituisce una scelta che non può più definirsi tradizionale. Tipicamente presa in considerazione per l’arredo delle abitazioni sparse nelle aree rurali, oggi è soluzione valida anche per l’ammodernamento degli appartamenti situati in città. Gli iter progettuali che costituiscono la base fondante di questo nuovo modo di intendere la tradizione contadinesca sono possibili anche nelle zone urbanizzate, dove le esigenze di arredo possono essere diverse rispetto alle aree di campagna.

Il modo di procedere resta pressoché invariato e non ammette distinzioni. Si pensa prima agli spazi da occupare e ai materiali da utilizzare. Solo successivamente, si dà importanza all’aspetto pratico, selezionando con cura i vari elementi d’arredo che saranno i protagonisti numeri uno di una cucina in perfetto stile campestre.

Tra i principali, si evidenziano:

  • sedie e tavoli, che seguono uno stile antico, classico e un design basico nelle sue linee essenziali;
  • banconi e piani da lavoro, che rappresentano quell’elemento di originalità in più che contraddistingue la nuova cucina nel suo insieme;
  • madia e altri accessori, che aumentano la resa funzionale dell’ambiente domestico fino a renderlo gioioso, conviviale, semplice.

Ed è nella semplicità che la cucina pensata in perfetto stile rustico tocca la punta più alta della sua efficacia estetica.

Leggi anche Cucine rustiche

Cucine rustiche: disegno e progetto

Cucine rustiche (aggiornamento)

Per arredare una cucina in perfetta sintonia campestre devi pensare ad un progetto preciso, che tenga conto dello stile già evidentemente attribuito al contesto abitativo. Devi assicurarti del fatto che regni un buon equilibrio tra la qualità dei materiali, la resa funzionale della cucina, la predisposizione dei mobili e lo spazio a disposizione.

Ecco perché, prima di procedere attraverso la fase pratica, è doveroso prendere in considerazione tali elementi. Con la stesura di un progetto curato nei minimi particolari, buona dimestichezza e idee chiare è possibile realizzare una cucina rustica dotata di discreto potenziale, dinamica, al passo con i tempi ed alla portata di tutti.

I nuovi spazi da occupare e la predisposizione dei mobili

Cucine rustiche (aggiornamento)

C’è bisogno, prima di ogni altra cosa, che l’arredatore abbia le idee chiare su quali dovranno essere i nuovi spazi da occupare. Una stanza che viene svuotata dei vecchi elementi e del precedente mobilio si libera in tutta la sua essenza e diviene una camera vuota, sulla quale albergano nuove idee, nuovi progetti, innovativi modi di procedere con l’arredo.

Può rivelarsi utile l’aiuto di un esperto che si prenda cura di analizzare attentamente la metratura della stanza e di studiare ogni singolo dettaglio, così da avere un quadro preciso sui lavori a farsi. Anche la predisposizione dei mobili, così come il lavoro di un professionista del settore, si rivela di fondamentale importanza.

Soprattutto in presenza di una camera da riammodernare che si presenti di ridotte dimensioni, sapere dove e come disporre i nuovi complementi d’arredo può essere l’alternativa migliore, che consente una discreta ed auspicabile ottimizzazione dello spazio. Un passaggio, questo, da non sottovalutare per salvaguardare potenzialità, funzionalità e senso estetico della nuova cucina.

I materiali degli elementi d’arredo

Cucine rustiche (aggiornamento)

I materiali che costituiranno la nuova cucina sono di qualità, piuttosto robusti, estremamente funzionali, pronti a garantire efficacia e senso estetico, oltre ad una elevata resistenza ai segni del tempo.

Sulla stessa scia, la scelta dei vari complementi d’arredo che in egual misura rispecchiano una discreta dote funzionale, senza necessariamente riflettere uno schema preciso.

Sedie e tavoli

Cucine rustiche (aggiornamento)

Devi scegliere, tra le alternative disponibili, modelli di sedie tra i più disparati che più nel dettaglio seguono linee predominanti e tendenze stilistiche vicine all’ambiente campestre. Dai modelli con rivestimento in paglia, economici e inclini alla tradizione, alle sedie interamente in legno, rifinite nei particolari, puoi spaziare agevolmente, preferendo le une o le altre soluzioni.

Allo stesso modo, il tavolo che posizionerai all’interno della nuova cucina segue un vademecum rurale, dove i colori privilegiati sono quelli tenui e chiari, riflettenti un forte richiamo alla natura. Non dimenticare che anche il rovere restituisce il suo particolare effetto.

Madia e accessori

Cucine rustiche (aggiornamento)

Una cucina rustica che si rispetti viene completata con elementi d’arredo che arricchiscono la portata estetica di un mobilio disposto a regola d’arte e secondo una regola precisa. In questo caso, la creazione di un’atmosfera antica e allo stesso tempo suggestiva chiama in causa l’indispensabilità degli accessori. La madia rientra tra questi ultimi.

Mobile dalle ampie dimensioni ed interamente realizzato in legno di pregevole fattura, un tempo veniva utilizzato per riporre il pane ed altri alimenti comuni. Oggi costituisce il complemento d’arredo per eccellenza in una cucina rustica che sa come catturare l’attenzione degli appassionati.

Vista come una sorta di dispensa, rappresenta lo spazio ideale per collocare posate e stoviglie da usare per le occasioni speciali. I suoi ampi cassetti, i pomelli rifiniti e le bellissime maniglie colorate sanno fare la differenza.

Cucine rustiche: immagini e foto

Nella gallery tante altre interessanti immagini per capire meglio quanto e come lo stile rustico possa entrare nella nostra casa.