Cucina shabby: 5 errori da non fare quando arredate

Come ottenere una cucina in perfetto stile shabby. Quali colori non usare per i mobili. Cosa evitare per non appesantire la cucina.

Cucina shabby: 5 errori da non fare

Lo stile shabby è tanto particolare quanto difficile da rispettare. Ci sono, infatti, alcuni errori che potrebbero ripetersi nell’arredamento, trasformando la vostra cucina in un ammasso di mobili, elettrodomestici e merletti senza senso. Ma non vi disperate: c’è sempre una strada da seguire, con delle linee guida chiare e sicure. Conoscendo gli errori più comuni potrete facilmente evitarli e otterrete la cucina in stile shabby dei vostri sogni.

Cucina shabby: 5 errori da non fare

1. Confondere lo stile shabby

Siete sicuri di essere dei conoscitori dello stile shabby? Attenzione, poiché a volte si tende a confondere lo stile shabby con lo stile provenzale. Allora, poniamo alcune differenze di base.


Leggi anche: 10 errori da non fare nell’arredare un monolocale

Nello stile provenzale, c’è una palette di colori abbastanza variegata: ad esempio, si possono utilizzare le tinte pastello, il verde menta, l’azzurro carta da zucchero, il glicine. Al contrario, nello stile shabby, invece, ci deve essere una prevalenza di bianco, poichè con esso andrete ad arredare la cucina: dal piano di lavoro alle tende per le finestre, dal tavolo alle ante dei pensili.

In secondo luogo, nello stile provenzale si tenta di dare alla cucina un aspetto simile alle case della Provenza, in Francia. Invece, nello stile shabby c’è una grande attenzione al riciclo. Vi potete dilettare dando una nuova vita ad oggetti vecchi. I barattoli della marmellata diventano portafiori; una madia in cucina può diventare un comodo guardaroba in camera da letto. Insomma, nello stile shabby c’è un viavai di mobili, oggetti e decorazioni che aspettano di essere di nuovo utili.

Cucina shabby: 5 errori da non fare

2. Acquistare mobili nuovi

Lo stile shabby, abbiamo detto, apprezza molto i mobili di riciclo. Nella vostra cucina, quindi, ragionate bene prima di acquistare i mobili nuovi.

Piuttosto, potreste andare in un vecchio mercatino o in un negozio vintage e acquistare una vecchia credenza o una vecchia madia. Non importa se fino ad allora è stata usata in sala da pranzo o in salotto. Anzi, ancora meglio: potrete facilmente riadattare i mobili per la cucina.

Anche una vecchia libreria che si trovava in garage, dopo averla accuratamente lavata, può trovare spazio nella vostra cucina, come dispensa per farina, zucchero, sale e pasta.


Potrebbe interessarti: Cucina shabby chic: i segreti per creare un ambiente romantico

Ovviamente, non estremizzate questa concezione: invecchiato si, ma abbandonato no. Dosate con cura i mobili antichi, senza appesantire troppo l’ambiente, specialmente se avete una cucina piccola.

Cucina shabby: 5 errori da non fare

3. Rinunciare alla praticità

Ricordatevi sempre che la cucina deve essere funzionale, rispettando, quindi, tutte le vostre necessità. Lo stile shabby utilizza spesso moltissime decorazioni, merletti, fronzoli, tessuti ingombranti. Ma non sempre è un bene farsi trasportare dalla bellezza.

Prima di acquistare svariati accessori, considerate bene gli aspetti pratici della cucina e il suo scopo principale. L’arredamento, infatti, non deve essere un ostacolo alla vivibilità dell’ambiente. Al contrario, deve rendere la cucina ancora più piacevole da vivere.

Ad esempio, dopo aver comprato i mobili e gli elettrodomestici necessari, misurate lo spazio rimasto. Quindi, conteggiate sempre la distanza tra i vari elementi della cucina, come isola e piano di lavoro, garantendovi sempre abbastanza spazio per passare.

Un’altra idea spesso messa in pratica nelle cucine shabby è una tenda di lino o cotone arricciata da mettere al posto delle ante per i pensili. Se però possono essere d’intralcio quando cucinate, continuate ad utilizzare le ante. In futuro, potrete sempre cambiare idea.

Cucina shabby: 5 errori da non fare

4. Troppo bianco

Per quanto lo stile shabby sia così amante del bianco, il troppo  bianco stroppia. In particolare, potrebbe creare un ambiente soffocante, non più vivibile e, specialmente, che si sporca molto facilmente.

Come prima cosa, provate ad utilizzare le varie gradazioni. Esiste, ad esempio, il bianco navajo, che tende al rosa, e potrebbe dare una scossa all’ambiente della cucina. Oppure, il bianco fantasma è una tinta molto rara e pregiata, poichè mescola anche delle leggere tonalità blu e viola.

Infine, se volete un vero e proprio distacco dal bianco, potete prendere ispirazione dallo stile scandinavo. Rubate una piccola idea: utilizzare dei dettagli leggermente più accesi su uno sfondo pastello. In una cucina, ad esempio, potete acquistare piatti, utensili, padelle, di un verde menta, così da risaltare nella madia bianca. Oppure, non acquistate delle tende a tinta unita, ma optate per delle tende con motivi floreali oppure disegni geometrici.

Quindi, non fatevi prendere la mano dal bianco: per quanto possa sembrare una scelta ovvia e sicura, deve essere intrapresa con moderazione.

Cucina shabby: 5 errori da non fare

5. Troppe cose esposte

Fissiamo una regola finale: siamo in una cucina, non in un museo. Con lo stile shabby, spesso, si tende ad acquistare ceramiche da esposizione, pentole e padelle da appendere, oggettistica di vario genere che riproduce animali, scritte, portacandele. Tutto molto bello da vedere, ma nella sostanza può diventare ridondante.

Se, infatti, ci sono troppi oggetti da esporre che non vengono utilizzati, il rischio è che la vostra cucina diventi una stanza da visitare e non da vivere. Quindi, limitatevi ad acquistare le cose che davvero vi piacciono con limitazione, concentrando prima la vostra attenzione su ciò che realmente vi serve. In questo modo, eviterete uno spiacevole effetto rigido che in cucina stona molto.

Cucina shabby: 5 errori da non fare

Cucina stile shabby: 5 errori da evitare

Per essere certi delle vostre scelte, sfogliate la galleria delle immagini, poichè troverete tante cucine in stile shabby a cui ispirarvi.

Elena Morrone
  • Laurea triennale in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali
  • Laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e d'Impresa
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.