Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

La scelta dell’installazione del lavabo per il nostro bagno può risultare complesso quando vogliamo rendere tutto armonioso e funzionale. Come scegliere il lavabo? Come pulire le vasche in resina? Quale è il migliore materiale per il lavabo bagno? Vediamo insieme pro e contro di quello in resina e in ceramica.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Il bagno è il luogo dove dedichiamo gran parte del nostro tempo a noi stessi: relax, armonia e comfort sono i valori che ricerchiamo nell’esperienza bagno. E tra gli elementi che più colpiscono la nostra vista quando accediamo alla stanza da bagno, c’è proprio il lavabo.

Il materiale, i colori, la texture, il design e la rifrazione della luce sono tutti fattori che andiamo subito a notare e che dicono molto del nostro stile. Ecco come sceglierlo al meglio, tenendo conto della manutenzione e dell’investimento da fare.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro


Leggi anche: Lavabo da appoggio per abbellire un bagno

Il tipo di lavabo bagno

Per la nostra sala da bagno possiamo scegliere il tipo di lavabo a seconda dell’effetto estetico che vogliamo ottenere, optando per un lavabo:

  • sospeso a parete
  • colonna
  • totem
  • vasca da incasso.

Queste varianti comprendono vari usi che possiamo fare di questo elemento bagno e influiscono sul design dell’intero arredamento. In particolare, l’elemento a incasso presuppone che ci sia un mobile adibito al contenimento del lavabo e, dunque, uno spazio sufficiente per un utilizzo confortevole.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Lavabo sospeso

La prima tipologia che andiamo a vedere è il lavabo sospeso. Questo modello di lavabo si presenta comodo perché viene fissato alla parete del bagno e possiamo personalizzarlo scegliendo l’altezza a noi comoda per l’utilizzo. Rispetto ai modelli tradizionali, questo ci consente di rendere la sala da bagno più moderna, strizzando l’occhio soprattutto al lato estetico.

Ma non è tutto: tale tipologia è consigliata perché consente una migliore pulizia, e riducendo l’ingombro sottostante, permette un agile utilizzo anche a chi ha una mobilità ridotta.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Lavabo a colonna

Un tipo di lavabo, possiamo dire, tradizionale. Se in parte tende ad assomigliare al lavabo sospeso, dall’altra vediamo il fusto sottostante che occupa spazio ma, allo stesso tempo, va a coprire esteticamente le tubature a vista e il sifone. È un modello molto diffuso nei decenni scorsi, specialmente nei luoghi pubblici. In realtà, come vediamo, l’igienizzazione completa viene impedita dalla presenza dell’ingombro della colonna stessa.


Potrebbe interessarti: Divano in pelle: pro e contro

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Lavabo a totem

Questo modello di lavabo bagno è definito monoblocco da terra o totem. Si tratta di un’altra tipologia più estetica, come quello sospeso: va a creare all’interno dell’involucro verticale una sorta di vasca, e all’esterno non vediamo le antiestetiche tubature. L’unico punto negativo è che, essendo monoblocco, tende a occupare visivamente molto spazio. Possiamo, però, optare per forme e design più ricercati che possano ovviare a questo problema in termini di ingombro, quando abbiamo un bagno piccolo.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Lavabo da incasso

La vasca da incasso è un’altra tipologia di lavabo che possiamo introdurre nel nostro bagno. Un modello che ha bisogno, ovviamente, di un supporto su cui essere installato. In questo caso, va scelto bene con il progettista l’arredo bagno, che possa integrare il lavabo superiormente.

Un’alternativa è il piano lavabo, ovvero quel lavabo che non va incassato nell’arredo, ma viene creato solo come appoggio e sospeso al muro.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

I materiali di un lavabo bagno

In commercio troviamo molti materiali e combinazioni degli stessi che costituiscono modelli e stili interessanti e originali. I materiali più diffusi sono:

  • ceramica
  • resina
  • pietra
  • vetro
  • acciaio inox.

In particolare, quelli più consigliati in termini di pulizia e manutenzione sono proprio in ceramica e resina. Vediamo, quindi, quali sono le maggiori differenze e quale scegliere per il nostro bagno.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Lavabo bagno in ceramica

Se siete tradizionalisti, la ceramica è il materiale più adatto per arredare il vostro bagno. È un materiale intramontabile e maggiormente utilizzato nell’ambiente bagno. Inoltre, si è rivelato oggi capace di coniugarsi con gli stili tradizionali, tanto quanto quelli contemporanei.

Un altro aspetto da considerare è l’ottimo abbinamento con gli altri sanitari della stanza, che dovranno essere armoniosi rispetto allo stile estetico che vogliamo adottare.

La ceramica è consigliata anche perché ci aiuta a non far risaltare schizzi d’acqua e segni di usura.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Vantaggi della ceramica

Innanzitutto, dobbiamo considerare che questo è un materiale refrattario, ciò significa che nella sua lavorazione la composizione si forma in modo da ottenere un prodotto efficiente e performante. Nello specifico, la ceramica è un materiale molto resistente e reagisce bene agli urti. Dunque, scegliere un lavabo bagno in ceramica significa fare un acquisto duraturo nel tempo.

Tra i vantaggi della ceramica c’è anche la capacità di non ridurre le sue prestazioni a causa di materiali chimici aggressivi che non vanno ad alterarne né il colore né la sua resistenza.

L’estetica non è da meno: la ceramica è perfetta per un ambiente moderno e minimal, ma anche per uno più classico e retrò. Possiamo facilmente abbinarlo con una specchiera e con elementi dalle linee razionaliste; altresì, si coordina senza troppi sforzi anche a mobili shabby chic e dal gusto romantico, con curvature ed elementi aggettanti.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Lavabo bagno in resina

Il lavabo in resina è una soluzione ideale per chi ama un bagno personalizzabile e, quindi, dall’impatto visivo notevole. Rispetto alla ceramica, infatti, la resina si presta a un gran numero di forme e soluzioni architettoniche che rendono il nostro bagno originale. È un materiale relativamente nuovo per il mercato, ma che ben presto ha saputo conquistare tutti per questa sua peculiarità.

Il suo punto debole è certamente la scarsa resistenza agli agenti chimici aggressivi, che potrebbero alterare la sua composizione. Infatti, è un tipo di lavabo che presuppone una maggiore attenzione nella sua pulizia rispetto alla ceramica.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

I vantaggi della resina

Il nostro bagno con un lavabo in resina acquisisce senza alcun dubbio un notevole impatto visivo: si presenta come un materiale flessibile e capace di adattarsi a tante forme e colori. Il lavabo diventa così un pezzo originale che rispecchia esattamente il nostro stile.

Infatti, questo materiale risulta perfetto per chi è alla ricerca di un design moderno e ha bisogno di un’alta resistenza in termini di performance.

Lavabo bagno in resina o ceramica: pro e contro

Lavabo bagno in resina o ceramica: foto e immagini

La scelta del materiale per il lavabo del nostro bagno non è solo estetica, ma anche funzionale. Abbiamo visto pro e contro della ceramica e della resina, per comprendere meglio quale si addice al caso nostro. Ora lasciamoci ispirare dalla gallery con alcuni esempi realizzati per arredare il tuo bagno.

Serena Giuditta
  • Laurea Ingegneria Edile/Architettura
  • Giornalista Pubblicista
  • Diploma in Digital Marketing Google
  • Specializzazione in Architettura, Design, Edilizia, Progettazione
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.