Cessione di usufrutto al figlio: cosa succede in caso di morte?

Il Diritto d’usufrutto è spesso collegato alla successione ereditaria. E’ lecito chiedersi se un bene concesso  in usufrutto  al figlio dal genitore, in caso di morte di quest’ultimo, possa ritornare nella disponibilità di quest’ultimo. Ecco la soluzione.

Casa

L‘usufrutto è un diritto reale con il quale l’usufruttuario è legittimato a godere e disporre della cosa altrui tenendo per sè i frutti senza poter in alcun modo modificarne la destinazione economica.

Allorquando si eserciti il diritto di usufrutto su un bene, il titolare di quest’ultimo è soggetto alla nuda proprietà, essendo impossibilitato a trarre utilità dal bene stesso.

Tale diritto di usufrutto ha una durata limitata poiché in caso contrario, l’indeterminatezza dello stesso comporterebbe la perdita del diritto di proprietà da parte del concedente.

Se le parti, in particolare, nulla abbiano stabilito in merito alla durata del diritto di usufrutto, quest’ultimo si considera non poter avere una durata superiore a quello della vita dell’usufruttuario.


Leggi anche: Donazione di un immobile prima della successione: cosa possono fare gli eredi?

Il diritto di usufrutto può essere costituito in favore di più soggetti mediante la specificazione nell‘atto giuridico di un usufrutto congiunto.

L’usufrutto in tal caso si estingue alla morte dell’ultimo superstite.

Diversamente, alla morte di ogni singolo usufruttuario, il diritto si consoliderà con la nuda proprietà in favore dell’usufruttario rimasto superstite.

L’usufrutto può essere costituito anche a favore di una pluralità di viventi e, se disposto esplicitamente nell’atto che trattasi di usufrutto congiunto, opera fra questi il diritto di accrescimento, estinguendosi in questo caso l’usufrutto alla morte dell’ultimo superstite.

Diversamente, alla morte di ogni usufruttuario, la relativa quota si consoliderà con la nuda proprietà.

Genitore

Diritto di usufrutto: come si costituisce

Il diritto di usufrutto sul bene altrui può essere costituito per legge, contratto o testamento.

Per testamento, in particolare, il de cuius potrà disporre l’usufrutto riservandolo a determinati soggetti.

Per atti tra vivi l’usufrutto può costituirsi per scrittura privata autenticata dinnanzi al Notaio.

Appartamento


Potrebbe interessarti: Comprare casa in agenzia: cosa sapere

Il bene ottenuto in usufrutto può essere ritrasferito al genitore?

Qualora il genitore abbia ceduto il diritto di usufrutto al proprio figlio, in caso di morte di quest’ultimo, da nudo proprietario potrà riottenere il bene?

In particolare modo ci si chiede se nella fattispecie l’usufrutto ceduto al figlio scomparso prematuramente, si estingua o meno.

Occorre presentare una dichiarazione di successione?

In risposta a tale interrogativo occorre far riferimento all’art.979 c.c. in forza del quale è sancito che il diritto di usufrutto non possa eccedere la durata della vita dell’usufruttuario.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Pertanto, per effetto del decesso dell’usufruttuario ultimo, nella fattispecie il figlio scomparso del genitore divenuto nudo proprietario, quest’ultimo riacquista in toto la proprietà del bene dato in usufrutto.

Per riottenere il consolidamento dell’usufrutto alla nuda proprietà, basta che il genitore richieda una voltura catastale senza alcuna presentazione di dichiarazione di successione.

Il valore è calcolato mediante il coefficiente prefigurato dal DPR 131/1986(Testo unico delle disposizioni concernenti imposta di registro).

Calcolo usufrutto: i criteri di determinazione

Per il calcolo del valore dell’usufrutto basta attenersi agli artt 14, 17 del Testo unico in base al quale i criteri di valutazione sono stabiliti:

  • moltiplicazione del valore della proprietà per il tasso legale d’interesse
  • moltiplicazione del valore della proprietà per il coefficiente stabilito dal DPR 131/1986 adeguandolo in tal modo all’aspettativa di vita del titolare.

Tale tabella è stata determinata in termini di valore dettato dal coefficiente prefigurato al fine di determinare la consistenza anche di altri diritti minori reali quali il diritto d’uso e di abitazione.

Avv. Ennio Carabelli
  • Laurea in Giurisprudenza
  • Abilitazione Forense presso la Corte d'Appello di Salerno
  • Giornalista Pubblicista
  • Autore specializzato in controversie legali, normative, condominio, casa, successioni, contratto, mutui.
Suggerisci una modifica