Emilia Romagna: il riscaldamento te lo paga la Regione

Ancora disponibili i fondi per sostituire camini e stufe obsolete. La Regione Emilia Romagna mette sul piatto 3 milioni di euro e ben 5 per l’anno prossimo.

Emilia Romagna: il riscaldamento te lo paga la Regione
camino moderno

Rinnovare i vecchi camini e stufe che, per via dell’obsolescenza tecnica, sono oggi altamente inquinanti e quindi per nulla ecologici, può essere fatta in maniera gratuita, ma non per tutti. Gli incentivi sono infatti stati offerti dalla regione Emilia Romagna, disposta a coprire anche l’intero importo per cambiare il sistema di riscaldamento.

La regione ha stanziato per il 2022, 3,105 milioni di euro, dopo i 3,5 milioni dell’anno precedente mentre per il 2023 sono pronti circa 5 milioni di euro.

Il bonus è rivolto a tutti coloro che rinnoveranno i loro impianti di calore alimentati a biomassa legnosa – camino aperto, stufa a legna/pellet, caldaia a legna/pellet – di potenza inferiore o uguale a 35 kW e con classificazione emissiva fino a 4 stelle con modelli nuovi classificati con 5 stelle o pompe di calore.

La domanda potrà essere fatta fino al 31 dicembre 2023 utilizzando la piattaforma telematica della Regione.

Ma non tutti potranno beneficiare: l’intervento riguarda i cittadini residenti nei comuni delle zone di pianura dell’Emilia-Romagna, purchè risultanti già assegnatari del contributo del Conto termico. Può arrivare fino al 100% della spesa ammissibile.

Ultimo requisito necessario: sono esclusi i casi di nuova installazione in quanto l’incentivo è rivolto esclusivamente a chi provvederà ad una sostituzione degli impianti vecchi. Trattandosi di un fondo, le domande verranno accettare fino ad esaurimento dei soldi a disposizione, seguendo l’ordine cronologico.

Sul sito della regione si può trovare l’elenco completo dei comuni ammessi a questa interessante opportunità.