Come verniciare la culla di un bambino in maniera sicura

Tiziana Morganti
  • Dott. in Storia Moderna

Il luogo in cui far riposare un bebè deve avere una struttura sicura ed essere a prova di tossicità. Per questo motivo, dunque, nel caso in cui si voglia rinfrescare una culla utilizzata da un fratello maggiore o regalata da un’amica, si deve porre particolare attenzione ad una verniciatura sicura. Vediamo i passi fondamentali.

Come verniciare la culla di un bambino in maniera sicura

All’interno di una casa e di una famiglia non c’è evento più sconvolgente ed esilarante dell’arrivo di un bambino. Ed è proprio per questo che, durante il periodo della gravidanza, si da inizio ad una intensa attività per accoglierlo nel migliore dei modi.

Questo, in sostanza, vuol dire acquistare accessori, copertine, vestiti e, soprattutto, dedicarsi all’arredamento della nursery. Tra tutti gli elementi di arredo che compongono e arricchiscono lo spazio dedicato al nuovo arrivato, però, uno si distingue per importanza.

Si tratta della culla, che viene acquistata per ospitare i primi sonni del bebè, troppo piccolo per dormire ancora nel lettino. Si tratta di un oggetto dal gusto romantico, il cui nome riesce a richiamare alla mente atmosfere lontane del passato in cui delicati pizzi e poetici ricami lo ornavano.

Oggi, però, la situazione è cambiata. Nonostante alcuni modelli in commercio cerchino di riportare in auge questo gusto romantico, le culle moderne parlano soprattutto di eco sostenibilità e riciclo.

Questo vuol dire che le nuove tendenze sono volte al riutilizzo di oggetti usati per un breve tempo e, quindi, ancora in ottime condizioni. La culla è proprio una di queste. Nonostante tutto, però, prima di usare un modello acquistato di seconda mano o regalato da un’amica, è sempre meglio rinfrescarlo con una nuova verniciatura.

Ma come procedere nel migliore dei modi per far in modo che la culla sia un luogo sano e sicuro? Vediamo nel dettaglio tutti gli step da seguire per avere una culla a prova di bimbo.

1. Come verniciare culla per bambino: lo stato

Come verniciare la culla di un bambino in maniera sicura

Prima di procedere all’acquisto di eventuali materiali per riverniciare la culla per il nuovo bebè in arrivo, si consiglia di considerare con attenzione lo stato in cui si trova l’oggetto. In effetti, visto il breve periodi di tempo in cui verrà utilizzato, acquistare un modello usato o accettare il dono di un’amica sarebbe la scelta migliore. Inevitabile, però, trovarsi di fronte a dei piccoli o grandi segni di usura. Per ovviare a questi e riportare la culla a nuovo splendore nei tempi giusti per accogliere il proprio piccolo, è necessario capire se ci si trova di fronte ad una superficie laccata o a del legno naturale.

Le due opzioni, infatti, richiedono un intervento completamente diverso per quanto riguarda la verniciatura. Una volta ottenute le risposte necessario, poi, è la volta di esaminare la presenza di eventuali riparazioni da fare. Si tratta di fasi poco divertenti del procedimento di restauro ma assolutamente necessarie. Se si desidera ottenere un effetto perfetto, dunque, non è minimamente possibile pensare di saltarle o evitarle.

2. Come verniciare culla per bambino: carteggiare e stuccare

Come verniciare la culla di un bambino in maniera sicura

Una volta considerati eventuali danni e gli interventi da portare a termine prima della verniciatura, ci si deve munire di stucco e carta con una grana non troppo aggressiva o delicata. Quest’ultima, infatti, sarà particolarmente utile nel caso in cui ci sia l’esigenza di togliere completamente una precedente laccatura e la vernice sottostante.

Nel caso la culla presenti una superficie in legno naturale, si consiglia di passare una sola mano con carta dalla grana sottile. In questo modo, infatti, si lavora sulla superficie per renderla uniforme.

Dopo questo passaggio, poi, si deve utilizzare lo stucco per andare a coprire ed eliminare eventuali difetti o screpolature.

Una volta asciugata la prima mano, si consiglia di carteggiare delicatamente fino a quando non si ottiene un effetto ben amalgamato con lo spazio circostante. Attenzione, però. Si tratta di passaggi che sono potenzialmente deleteri per l’ordine della stanza, andando a creare una certa quantità di polvere.

Questo vuol dire, dunque, che prima di procedere, si consiglia di posizionare sotto la culla dei fogli di giornale o dei teli di plastica per non rovinare e sporcare la pavimentazione. Per non respirare i residui del carteggio, poi, sarebbe opportuno utilizzare una mascherina tecnica per i lavori di falegnameria.

3. Come verniciare culla per bambino: la tinta giusta

Come verniciare la culla di un bambino in maniera sicura

Ultimo step è proprio la verniciatura. In realtà si tratta di un momento molto importante in cui si devono fare delle scelte oculate. Una particolare attenzione, infatti, deve essere posta nell’individuazione della tinta perfetta, in gradi di abbinarsi con la nuance dominante della stanza. Ma non solo. Oltre al colore con cui caratterizzare la culla, infatti, è fondamentale concentrarsi sul tipo di vernice selezionata.

E’ importante non perdere mai d’occhio la salute e il benessere del piccolo nel momento del suo riposo.

Questo, in sostanza, vuol dire che si consiglia di evitare le vernici a base acrilica per dirigersi verso quelle ad acqua. In questo caso, infatti, si tratta di prodotti che non sono mai tossici e che non incidono in nessun modo su eventuali allergie. Nel caso, poi, si voglia ottenere un effetto smaltato, è possibile utilizzare uno smalto ad acqua.

Anche questo, infatti, non presenta nessun tipo di rischio per i più piccoli. In questo modo dunque, si avrà una culla che, oltre essere stata riportata a nuova vita, sarà anche un ambiente all’interno del quale il bebè potrà riposare sano e salvo.

Verniciare culla per bambino: foto e immagini

Una vostra amica vi ha regalato la culla del suo bambino ma non sapete come riportarla a nuova vita in modo facile e sicuro? Basta prestare attenzione a pochi ma essenziali step per ottenere una perfetta verniciatura. Lasciatevi ispirare dalle immagini per capire quale effetto finale desiderate.