Cambiare il battiscopa fai da te: guida completa

Come sostituire il battiscopa da soli: dallo smontaggio all’installazione del nuovo. Quali attrezzi servono, la scelta dei materiali, la descrizione degli step per un corretto montaggio.

Cambiare il battiscopa fai da te
Battiscopa in legno

Cambiare il battiscopa per conferire un nuovo design agli ambienti di casa non è un’operazione così difficile come sembra. Sostituirlo in autonomia è possibile, l’importante è avere ben chiari quali sono i passaggi da compiere.

Per qualsiasi attività fai da te, essenziale è procurarsi gli attrezzi che servono, come altrettanto la scelta dei materiali più appropriati.

In questo nostro articolo scopriamo come cambiare il battiscopa fai da te, indicando step by step la corretta procedura da seguire e una serie di utili consigli.

Attrezzi indispensabili per cambiare il battiscopa

Cambiare il battiscopa fai da te
Strumenti per il taglio del battiscopa

Per cambiare il battiscopa fai da te è necessaria un po’ di dimestichezza nei lavoretti di casa. Altrettanto indispensabile è disporre dei giusti attrezzi per agevolare la messa in posa e ottenere un risultato soddisfacente.

A tal riguardo occorre disporre di una sega elettrica appropriata per tagliare il battiscopa, integrando accessori quali il morsetto e il goniometro per calibrare il corretto angolo di taglio.

Se usata la colla, invitiamo a procurarsi le tipologie in commercio adatte per essere impiegate con la tradizionale pistola per silicone. In questo modo diventa più agevole distribuire il giusto quantitativo di prodotto.

Infine, nell’eventualità di utilizzo di chiodini per fissare il battiscopa alla parete, è consigliato comprare il tipo adatto per questi lavori. Non tutti i chiodi in commercio risultano appropriati e durante la posa potrebbero piegarsi, scheggiando irrimediabilmente il battiscopa.

Scelta del nuovo battiscopa

Cambiare il battiscopa fai da te
Battiscopa

Prima di iniziare i lavori è necessario scegliere il nuovo battiscopa. La varietà in commercio è davvero ampia, esistono molteplici tipologie studiate per ogni ambiente dell’abitazione.

Con riferimento ai materiali, tra i più diffusi troviamo i prodotti in legno, disponibili in differenti tonalità, per abbinarsi al meglio al colore di porte e finestre, oltre che di diverse essenze (pino, ramino, etc). In alternativa è possibile scegliere anche prodotti in legno rivestito, come ad esempio il massello o il compensato impiallacciato con lamina di legno. Infine segnaliamo i battiscopa rivestiti in ceramica, PVC o MDF.

Importante anche la forma. Si può scegliere, ad esempio, tra battiscopa liscio o con piedino, quest’ultimo utile per mascherare la presenza di imperfezioni nel rivestimento. Se possibile prediligere la tipologia con il margine superiore smussato, in modo da congiungersi facilmente alla parete. Vanno poi analizzati gli spessori (fino ai 15 mm) e l’altezza (12 cm e oltre). Più rari e meno venduti i cosiddetti battiscopa speciali, come i modelli atti a contenere cavi elettrici.

Una volta deciso il nuovo battiscopa, si possono iniziare i lavori fai da te.

Fasi preliminari: cambiare il battiscopa

Cambiare il battiscopa fai da te
Martello ed attrezzi

La prima azione da portare a termine, è verificare la presenza di imperfezioni che potrebbero rendere il montaggio del battiscopa più complicato del previsto. A tal proposito, controllare che il pavimento e le pareti non presentino irregolarità nella superficie, come ad esempio rigonfiamenti. Occorre che l’area sia perfettamente omogenea, stuccando gli eventuali piccoli fori.

Successivamente si procederà alla misurazione del perimetro della stanza, per stabilire la corretta metratura da comprare, calcolando gli angoli di intersezione delle pareti.

Cambiare il battiscopa: smontare il vecchio

Il passaggio seguente è staccare il vecchio battiscopa dal muro, aiutandosi con uno scalpello e un martello. Proteggendo la parete con un tassello di legno, occorre fare leggermente leva con la punta del martello e togliere i vecchi chiodini. Proseguire fino a quando non si tolgono i battiscopa dal muro.

Montare nuovo battiscopa

Cambiare il battiscopa fai da te
Posa del battiscopa negli angoli

A seconda del materiale scelto (legno, ceramica, PVC, MDF), scopriamo come fare per montare il nuovo battiscopa negli ambienti di casa.

Montaggio battiscopa in legno

Il battiscopa in legno può essere montato incollandolo al muro. A tal fine diventa molto importante applicare il collante sul retro del battiscopa, aiutandosi con una specifica pistola per silicone. A questo punto occorre fissare la stecca alla parete con una leggera pressione per una decina di secondi. Togliere la colla che fuoriesce dai bordi con una spugnetta umida.

In alternativa alla colla si possono usare anche dei chiodini per battiscopa, per fissarlo alla parete.

Montaggio battiscopa in ceramica

Se il pavimento è in ceramica o in gres, si può scegliere di applicare un battiscopa realizzato nello stesso materiale. In questo caso la posa avverrà applicando la colla sul retro della stecca e sulla parte inferiore del muro. Può risultare utile aiutarsi con una spatola. Dopo aver eseguito una leggera pressione, bisogna prestare attenzione a ben distanziarli, come avviene per i pavimenti. Non resta che passare lo stucco per completare la posa del nuovo battiscopa in ceramica.

Montaggio battiscopa in PVC

Il battiscopa in PVC è una soluzione appropriata per qualsiasi tipo di pavimentazione, mettendosi in risalto per la varietà di finiture. Un prodotto che fa della versatilità uno dei suoi principali punti di forza. Questa tipologia di battiscopa va fissata al muro utilizzando una colla specifica oppure tramite appositi supporti da inserire nelle pareti.

Montaggio battiscopa in MDF

Il MDF è un materiale leggero anche se non altrettanto di qualità come le tipologie fin qui viste. Offre però il vantaggio di poter essere fissato con estrema facilità, mediante l’utilizzo di un nastro adesivo o della colla. Esistono in commercio speciali sistemi di incastro che fanno ricorso a clip da ancorare alle pareti. È la tipologia più economica e facile da montare, anche se al tempo stesso non esteticamente piacevole come le altre trattate in questo nostro articolo.