Come risolvere problemi di umidità in cantina

Tiziana Morganti
  • Dott. in Storia Moderna

Quando entrate nella vostra cantina vi aggredisce sempre uno sgradevole odore ed i suoi muri appaiono macchiati o bagnati? Questi sono segni inequivocabili della presenza di umidità e, quindi, di muffa. Per ovviare a questo problema, però, ci sono alcune soluzioni valide. Scopriamo quali.

Come risolvere problemi di umidità in cantina

Chi ha una casa piccola o una famiglia mediamente numerosa è perfettamente consapevole dell’importanza di poter usufruire di uno spazio dove poter riporre oggetti non utilizzati come la cantina. Sarà per questo, dunque, che un immobile con annesso questo elemento aggiuntivo, esattamente come il garage, ha un valore maggiore sul mercato immobiliare.

Cosa fare, però, se una cantina, improvvisamente e inaspettatamente,  si trasforma più in un problema che una soluzione? Nello specifico il riferimento è all’allarmante presenza della muffa, che diventa campanello d’allarme per la buona conservazione degli oggetti racchiusi all’interno.

In effetti l’umidità è un nemico che spesso, chi possiede una cantina si trova a dover affrontare e combattere. E non è detto che si riesca ad averla vinta. Almeno non facilmente e, soprattutto, non economicamente. Le cantine, in effetti, sono dei luoghi facilmente attaccabili da questa problematica, vista la frequente assenza di finestre o luoghi di areazione.

E’ risaputo, infatti, che gli ambienti esposti al sole e all’aria mantengono un’aria interna sicuramente più salubre. Stabilito tutto questo e non potendo spostare l’affaccio della propria cantina per farla asciugare naturalmente, è il caso di capire come poter risolvere, nel migliore dei modi, i problemi di umidità al suo interno.

Prima di procedere con qualunque tipo di intervento, però, è bene fare un piccolo controllo per capire la reale provenienza dell’umido.

1. Risolvere umidità cantina: esterna o interna?

Come risolvere problemi di umidità in cantina

Come è stato accennato, prima di disperarsi di fronte ad un’eventualità di umidità nella propria cantina, è bene comprendere se i segni di questo problema derivino da una condizione esterna od interna.

Nel primo caso, infatti, non si dovrebbe affrontare nessun tipo d’intervento sullo spazio. Ma andiamo con ordine e vediamo nel dettaglio quale prova è necessario sostenere per avere le risposte giuste.

Potrebbe interessarti Ristrutturare la cantina di casa

È sufficiente munirsi di un foglio di plastica pesante lungo circa 40 centimetri. Dopo di che si deve fissare con un nastro adesivo alla parete a livello del suolo e lasciarlo li per alcuni giorni. Se una volta tolto, sotto la plastica si trova dell’umidità, vuol dire che questa proviene dall’esterno e filtra attraverso i granelli della muratura.

Se, al contrario, la superficie sottostante è asciutta mentre il resto sembra bagnato, vuol dire che il problema è interno e bisogna agire immediatamente per contrastarlo.

2. Risolvere umidità cantina: deumidificatore

Come risolvere problemi di umidità in cantina

La prima soluzione cui ricorrere è, ovviamente, quella del deumidificatore.

Si tratta di un macchinario noto a molti e che è destinato a raccogliere tutta l’acqua in eccesso presente all’interno di un ambiente. Ma quale modello scegliere per essere efficace all’interno di una cantina dove il problema è abbastanza rilevante?

Sicuramente non è consigliabile cercare di risparmiare acquistando modelli con prestazioni basiche. Soprattutto se l’umidità ha già creato dei problemi di muffa e non è presente nessun tipo di aereazione naturale.

Questo vuol dire che la scelta ottimale dipende da vari fattori, non ultima anche la metratura dello spazio in cui dovrà agire.

Ma proviamo a specificare meglio parlando di numeri. Un modello di umidificatore grande ha una capacità di assorbimento pari a 75 litri, mentre uno medio corrisponde a 50. In sostanza, dunque, se si possiede una cantina che si aggira intorno ai 50 mq il suggerimento è di far cadere la propria scelta sul primo modello.

Ma dove direzionare l’acqua accumulata? Alcuni deumidificatori sono dotati di un rubinetto cui agganciare, ad esempio, una cannula per scaricare direttamente nello scarico della cantina.

Il consiglio, comunque, è preferire per le opzioni con serbatoio estraibile e facilmente svuotabile.

3. Risolvere umidità cantina: cappotto termico

Come risolvere problemi di umidità in cantina

Nel caso, invece, si desiderasse risolvere il problema definitivamente o, almeno, si volesse provare a farlo, allora è il caso di prendere in considerazione quello che viene definito cappotto termico.

Si tratta, in definitiva, di un intervento strutturale sui muri, volto a isolarli. Nonostante possa sembrare un’alternativa valida al deumidificatore, bisogna prestare molta attenzione prima di prendere una decisioni definitiva.

Non tutte le situazioni, infatti, sono adatte per questo tipo di soluzione. Il cappotto termico potrebbe addirittura peggiorare la situazione. Come? Non è detto che l’umidità non continui a presentarsi anche al di sotto del rivestimento isolante, aggravando la possibilità di altri interventi.

Per questo motivo, dunque, prima di fare qualsiasi tipo di passo, è opportuno rivolgersi ad un professionista per far valutare il grado di umidità e, soprattutto, la struttura della stanza su cui agire, eventualmente.

4. Risolvere umidità cantina: drenaggio

Chiudiamo con quello che può essere definito sicuramente come l’intervento definitivo e il più importante dal punto di vista economico. Si tratta del drenaggio, che risulta particolarmente efficace soprattutto se il problema dell’umidità proviene dal basso a causa di un innalzamento della falda acquifera. Come riconoscere i segni tipici di questo tipo di problema? Un sintomo chiaro è il sollevamento del pavimento o del battiscopa. Come già accennato, però, si tratta di un intervento invasivo e che richiede un certo impegno.

Per riassestare il livello del pavimento, infatti, è necessario praticare degli scavi, inserendo dei tubi per permettere all’acqua di fuoriuscire agevolmente. Oltre a questo, poi, si deve eliminare il pavimento, per poi isolare le fondamenta con delle resine specifiche. Come ultimo step, poi, è fondamentale applicare del materiale impermeabile per evitare future infiltrazioni. In questo modo il problema dell’umidità dovrebbe diventare un vago ricordo da relegare nel passato.

Risolvere umidità cantina: foto e immagini

Muffa e umidità sono dei problemi frequenti per chi possiede una cantina. Soprattutto se si tratta di locali non ben arieggiati. Per risolvere il problema, però, essitono varie soluzioni. Sfogliate la galleria per scoprire quali sono.