Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

A cosa serve un aspiratore d’aria, come sceglierlo, i consigli per gli acquisti, i prezzi di vendita.

Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

L’aria viziata negli ambienti chiusi è particolarmente dannosa per la salute, in quanto favorisce il proliferare di elementi nocivi e insalubri. Basti pensare ai batteri, alle muffe o agli acari, spesso causati da un eccesso di umidità. Il rimedio naturale per eccellenza è cambiare aria di frequente ma non sempre si rivela sufficiente, senza considerare che a volte non è proprio possibile aprire le finestre. La soluzione allora qual è? Facile, installare un buon aspiratore d’aria.

In commercio sono disponibili molteplici modelli, per adattarsi al meglio alle esigenze della clientela.

In questa nostra guida scopriamo a cosa serve un aspiratore d’aria, come scegliere la tipologia più appropriata, una serie di utili consigli ed i prezzi di vendita dei modelli più richiesti.

Estrattore d’aria a cosa serve

Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

La formazione di vapore in bagno e cucina richiede un’efficiente ventilazione, basilare per eliminare l’aria viziata e contrastare la condensa.

Se l’aerazione è però insufficiente, si possono formare muffe, una delle principali cause di proliferazione dei batteri. In questi ambienti, la soluzione è installare un aspiratore d’aria, un apparecchio che consente di purificarla.

In commercio esistono diverse tipologie di aspiratori e dunque diventa essenziale comprendere come scegliere il modello più adatto alle proprie necessità. È quanto spieghiamo nel prossimo paragrafo.

Aspiratore d’aria come sceglierlo

Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

Quale aspiratore scegliere? Per individuare in modo corretto l’estrattore d’aria, è opportuno considerare il volume della stanza.

Bisogna capire a quanto ammonta la giusta portata, un valore strettamente correlato alla dimensione dei locali. Espressa in m3/h, richiede una capacità differente a seconda del volume e tipo di stanza.

Ad esempio, per una cucina può variare da 25 a 75 m3/h, per un bagno è solitamente compresa tra 15 e 30 m3/h, per un garage potrebbero bastare 15 m3/h. Una volta che si dispone di queste misure e del tipo di locale, sarà più semplice scegliere l’aspiratore con la giusta portata. Nel dubbio, chiedere al proprio installatore di fiducia.

Aspiratori d’aria tipologie

Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

Tutti i modelli in commercio garantiscono un buon ricambio d’aria e pertanto sono adatti a contrastare la formazione di batteri, funghi e altri “ospiti indesiderati”. Nel dettaglio, sono tre le tipologie di aspiratori d’aria in commercio:

  • Assiale
  • Centrifugo
  • Elicoidale

Scopriamo come funziona un estrattore d’aria e le principali caratteristiche dei tre modelli indicati.

Aspiratore d’aria assiale

L’aspiratore assiale è il tipo più elementare, va installato nel condotto ed è capace di eliminare o riciclare l’aria ma non di trasportarla. Può rappresentare una valida scelta per i locali piccoli, come ad esempio un bagno.

L’ideale per eliminare i cattivi odori e le macchie di muffa, un prodotto di facile installazione, sia a parete che a soffitto. In commercio sono disponibili in più modelli e dimensioni. Rappresenta la soluzione più economica.

Estrattore aria centrifugo

L’estrattore aria centrifugo è il modello ideale per trasportarne grandi volumi, particolarmente efficace e per tale motivo il più costoso. Il meccanismo di funzionamento prevede uno spostamento d’aria eseguito ad alta pressione. L’ideale per i condotti lunghi ma anche per chi ricerca un prodotto in grado di aspirare le polveri e tutte le sostanze nocive presenti nell’aria.

Aspiratore elicoidale

L’aspiratore elicoidale rappresenta una via di mezzo dei due precedenti. È infatti in grado di trasportare piccole quantità d’aria ma con una pressione minore rispetto al centrifugo, assicurando comunque un buon funzionamento nell’attività di estrazione. Può rappresentare la soluzione perfetta per ambienti grandi e complicati da arieggiare. L’aria viziata è aspirata con un’elica, filtrata tramite una griglia ed infine espulsa. Un modello che può essere installato a parete o su soffitto, di frequente scelto per ampi locali come supermercati, piscine e palestre.

Aspiratori d’aria funzioni

Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

Aspiratore da parete o soffitto? Ecco un’altra scelta da considerare al momento dell’acquisto. A tal riguardo occorre sottolineare che per il modello assiale ed elicoidale, la tipologia da parete è senza dubbio la più gettonata, per comodità e facilità d’installazione. L’aspiratore centrifugo, il più costoso, viene invece indicato in egual misura in entrambe le opzioni.

Una volta deciso il tipo di aspiratore più adatto alle vostre esigenze, è importante valutare qual è il sistema di azionamento più appropriato per ciascun ambiente. Esistono infatti sul mercato differenti modelli che si differenziano per accensione e spegnimento, come riportato di seguito:

  • Timer: consente di programmare il tempo di accensione e spegnimento.
  • Interruttore: l’accensione e lo spegnimento avvengono tramite un apposito interruttore posto sulla parete.
  • Intermittenti: apertura e chiusura in automatico, in base alla frequenza precedentemente impostata.
  • Con cordicella: l’azionamento avviene tirando una cordicella. Impiegati in ambienti come la cucina.
  • Rilevatore di presenza: dotati di un rilevatore a infrarossi. Si accendono e si spengono quando la persona entra o esce dalla stanza.
  • Con igrostato: dispongono di un rilevatore che attiva e spegne in automatico l’apparecchio quando il tasso di umidità raggiunge una determinata soglia.

Consigli finali

Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

 

Ecco una serie di utili consigli in merito al ricambio d’aria negli ambienti. È certamente indicato aprire le finestre tutti i giorni, possibilmente di mattina, per almeno 10-15 minuti. Durante la stagione fredda però lasciare aperto per molto tempo significa abbassare la temperatura all’interno e aumentare i consumi. D’altra parte non rinnovare l’aria in inverno a lungo andare risulterà dannoso per la salute. Ciò spiega perché installare un aspiratore rappresenta la giusta soluzione per garantire un costante ricambio negli ambienti. Presenta inoltre il vantaggio di richiedere poca manutenzione, basta pulirlo regolarmente con un semplice panno in microfibra.

Aspiratore d’aria prezzi

Aspiratore d’aria: come sceglierlo, consigli, prezzi

I prezzi degli aspiratori d’aria variano a seconda di potenze, dimensioni e tipologie. In linea di massima, i costi partono da poche decine di euro per i modelli più semplici, sino ai sistemi maggiormente efficienti, in vendita a circa 500 euro. Questi ultimi sono più cari ma in grado di offrire una potenza superiore e garantire una qualità ottimale dell’aria.