10 piante ideali per il balcone soleggiato

Balconi e terrazzo in pieno sole? Ecco la guida alle 10 piante che amano posizioni irradiate dalle luce solare e che non sono complicate da mantenere in ottime condizioni.

Le 10 piante ideali per il balcone soleggiato

 

Arredare il balcone con vasi colorati e fioriti è ciò che può fare la differenza sul terrazzo in estate. I fiori e le piante rendono tutto più allegro e accogliente, per cui armati di ciotole, terreno e concime: si inizia a colorare l’esterno!

1. Pennisetum alopecuroides “Hameln”

balcone-soleggiato-pennisetum-1

Bellissima graminacea ornamentale, molto usata nelle recinzioni o nei giardini comunali, questa varietà è forse tra le più conosciute e coltivate in Italia. Il penniseto è una pianta apprezzata soprattutto perché elegante e cangiante: cambia colore dall’autunno fino all’inverno – diventando di un delicato color miele – per tornare verdeggiante in primavera ed estate.


Leggi anche: Rinnovare balconi e terrazzi partendo dal pavimento

 

Cambiano colore anche le infiorescenze: dal bianco-rosa estivo al grigio-rosso invernale. Estremamente gradevole soprattutto se collocata in un ampio vaso che le consentirà di svilupparsi a ‘cuscino’, ovvero di assumere una forma ampia e cadente.

balcone-soleggiato-pennisetum-2

Tollera a malapena il freddo, difficilmente sopravvive a temperature inferiori ai 3°: l’estate diventa quindi la stagione perfetta.

balcone-soleggiato-pennisetum-4

2. Gaura Lindheimeri

balcone-soleggiato-gaura-2

Arrivata dall’America nel 700, è molto apprezzata per via della sua ricercatezza.

La Gaura Lindheimeri produce steli lunghi, flessibili, sottili e pieni di deliziosi fiori che vanno dal bianco al rosa.

 

Pur sembrando una pianta molto delicata, in realtà è abbastanza resistente.

Necessita di posizioni molto soleggiate per produrre una grande quantità di infiorescenze, in caso contrario la pianta sopravvive ma non fiorisce.

balcone-soleggiato-gaura-1

3. Bougainvillea

balcone-soleggiato-bougainvillea-2


Potrebbe interessarti: Come abbellire il balcone: 30 idee super

Una pianta che ama tantissimo il sole è la Bougainvillea. Molto appariscente e coloratissima, spesso si vede, soprattutto nelle località del sud Italia, all’ingresso delle abitazioni.

Non tollera il freddo, le gelate bruciano i rami della pianta, per cui in inverno va protetta con agritessuto.

 

L’esposizione e l’irrigazione sono importantissime: pieno sole e poca acqua, anzi, a volte abbisogna di periodi di siccità.

La luce e i raggi diretti del sole sono indispensabili per assicurare una ricca fioritura, in caso di posizioni ombreggiate vive bene ma le sue energie si concentrano sulla produzione del fogliame.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

balcone-soleggiato-bougainvillea-3

4. Garofani d’India

balcone-soleggiato-tagete-2

Anche conosciuta come ‘tagete‘, questa varietà del garofano è di estrema facilità di coltivazione.

Molto carina, quasi sempre le sue infiorescenze sono giallo-arancioni, raramente rosse, difficilmente in vaso supera il metro.

 

È molto adattabile, per questo motivo è spesso utilizzata per bordare le aiuole o per creare un bell’effetto nei giardini rocciosi: il contrasto con la vegetazione fitta del garofano regala un’aura speciale al garden rocks.

balcone-soleggiato-tagete-3

Anche questa pianta desidera fortemente il sole ma teme le zone troppo ventose.

balcone-soleggiato-tagete-1

5. Cactus

balcone-soleggiato-cactus-4

Cactus o succulente, al sole vivono benissimo. Anzi, maggiore è l’esposizione soleggiata e maggiore sarà la resa delle piante grasse. Al contrario di quel che si pensa, questo tipo di varietà deve essere annaffiata – soprattutto se le ore di sole sono maggiori di 8.

All’incirca si dovrebbero annaffiare ogni 3/4 giorni, purché il terriccio sia ben drenato.

 

Sui balconi molto soleggiati la resa di questi esemplari è assicurata.

balcone-soleggiato-cactus-2

6. Gazania

balcone-soleggiato-gazania-1

A prima vista potrebbe sembrare una margherita ma le sue dimensioni sono nettamente maggiori e i petali molto più screziati.

La gazania produce dei bellissimi fiori che poggiano su un piccolo cespuglio di foglioline verdi.

 

La fioritura dura pressoché dalla primavera all’autunno: questo più la facilità di coltivazione rendono questa pianta tra le più usate per adornare le case.

balcone-soleggiato-gazania-2

Queste graziose infiorescenze si aprono all’alba per chiudersi al tramonto.

In vaso la gazania soffre il freddo, per cui andrebbe effettuata la pacciamatura prima dell’inverno.

balcone-soleggiato-gazania-4

7. Ibisco

balcone-soleggiato-ibisco-2

Tipico delle zone tropicali, l’ibisco si è adattato benissimo al clima mediterraneo. Si acclima bene sia in interno – soprattutto quando gli esemplari sono piccoli – che in esterno, perfetto per balconi, terrazzi o giardini.

 

L’ibisco ama il sole, il caldo, la molta luce e preferisce poche annaffiature, alcuni addirittura aspettano solo l’acqua piovana per le irrigazioni.

Si consiglia una potatura a fine fioritura per consentire uno sviluppo armonioso della pianta.

balcone-soleggiato-ibisco-1

In vaso va trapiantata all’incirca ogni due anni ma l’ importante è la concimazione, da effettuare spesso durante l’estate.

balcone-soleggiato-ibisco-3

8. Plumbago

balcone-soleggiato-plumbago-3

Conosciuto comunemente come ‘piombaggine’, quest’arbusto è un compatto cespuglio con delle belle infiorescenze dal colore azzurro delicato.

I fiori sono ad ombrellino, di un pigmento difficile da trovare in natura.

 

Caratteristica della piombaggine è la durata delle infiorescenze, lunghissima, circa quattro o cinque mesi.

Crescita veloce, irrigazioni frequenti in terreno ben drenato ma deve essere ritirato in inverno e coperto con il tnt.

balcone-soleggiato-plumbago-4

Soprattutto nel meridione, durante l’estate, va leggermente ombreggiata se coltivata in vaso per evitare che si stressi troppo.

Occorre trovare il giusto compromesso di luce e raggi diretti del sole: senza quest’ultimo la pianta non produce fiori.

balcone-soleggiato-plumbago-1

9. Petunie

balcone-soleggiato-petunie-3

Usate tantissimo su tutti i balconi, le petunie sono dei coloratissimi fiori tubolari.

Necessitano di molto sole e soprattutto di un terreno ricco, ben drenato, leggero e sempre leggermente umido.

 

Le petunie rischiano di seccare se lasciate a terreno asciutto per più di un giorno.

Anche in questo caso una posizione poco soleggiata non assicura la fioritura.

balcone-soleggiato-petunie-4

Attenzione alle foglie: se da verde brillante diventano grigiastre, significa che la pianta è vittima del ragnetto rosso.

10. Lantana

balcone-soleggiato-lantana-1

Piccole infiorescenze ad ombrello su graziosi cespugli di foglie verdi, la lantana è una pianta perenne.

Di facile coltivazione, ama il sole e tollera bene periodi di siccità.

 

Si deve porre attenzione a non creare ristagni idrici nel vaso che portano la lantana a marcire.

Necessita di concimazioni quindicinali nel periodo vegetativo, ossia tra aprile e settembre.

La varietà della lantana camara è quella più diffusa perché i suoi fiori mutano via via il colore.

balcone-soleggiato-lantana-3

Le 10 piante da balcone soleggiato: foto e immagini

Ilaria Rita Iannone
  • Laurea triennale in lettere moderne e laurea magistrale in filologia moderna
  • Autore specializzato in Interior design, Botanica
Suggerisci una modifica