We do wood: mobili in legno naturale come adesione estetica alla natura

Sul loro sito e nei loro cataloghi campeggia una dichiarazione tanto esplicita quanto impegnativa: “azienda di mobili di design fondata su una visione ben precisa: che il mero disegno e i rigorosi principi di sostenibilità devono procedere di pari passo, mano nella mano”.

Foto by We do wood
Foto by We do wood

In effetti tutta la linea “We do wood” appare incentrata su un elemento non solo preminente ma quasi esclusivo, se si eccettua qua e là qualche rivetto o gancio in metallo nobilitato: il legno, la sua essenza e le sue venature, in sintesi il suo carattere.

I pezzi di arredo che esemplificano maggiormente la cifra stilistica della casa danese appaiono Fivesquare, Foursquare and Threesquare, scaffali rack in legno di quercia a 5, 4 o tre riquadri, profondi appena 8 centimetri e mezzo che rappresentano un’aggiunta sottile ed elegante alle pareti di casa nostra. E lo stesso dicasi per Squareboard, dalle forme dei vecchi segnapunti delle sale biliardo, profondo un paio di centimetri, applicabile sia in verticale che in orizzontale, e con pioli di varia lunghezza da incastrare nei fori praticati sulla tavola in maniera obliqua rispetto alla sua stessa sezione.

We do wood e la seconda collezione Roon & Rahn by We Do Wood propongono, insomma, veri e propri pezzi di arredamento a piccoli accessori complementari – come i Sono Ambra per smartphone o tablet – che usano le loro forme semplici (ora spigolose, ora ergonomiche), ancor prima che minimaliste, per lanciare un messaggio rivoluzionario che sembra voler dire “noi lavoriamo il legno, secondo gli stessi dettami che il legno, in natura, ci ispira”. Da qui l’utilizzo di motti aziendali brevi ma precisi, in una sequenzialità quasi banale, se non si conoscesse la difficoltà di un tale sforzo progettuale e produttivo: we do care, we do act, we do green!

E se in casa ci sono dei bambini, We do wood ha mostrato di voler dare anche lì un segnale ben preciso.

Geo’s table Lilly’s chair sono la scrivania e la sedia da mettere nella stanza dei piccoli in un coordinato eticamente e ecologicamente sostenibile, entrambi in materiale di quercia certificata FSC®: per allontanare dai nostri figli ogni traccia di colle e solventi derivati dall’industria della combustione fossile.

Infine, una menzione a parte pare si possa riservare a un pezzo d’arredo che We do wood riporta alla ribalta con lo spirito semplice di chi va elegantemente al sodo: la panca-baule “Correlation Bench“, disponibile nelle misure small e large, questo parallelepido dalle linee nettisime e senza particolari fronzoli finisce per essere un vero pezzo “jolly”, utile a tutti gli usi, forse financo oltre le intenzioni degli stessi designers e degli stessi produttori.

Foto by We do wood
Foto by We do wood

Posto in una camera da letto o nella cameretta dei ragazzi, può fare da seduta e contenitore per biancheria da letto o, addirittura, giocattoli e scarpe. Messo in salotto, può diventare un tavolino di servizio con contenitore e, all’occorrenza, magari con un cuscino sul coperchio scorrevole, anche una seduta di emergenza.

Accostandone più pezzi uguali vicino al tavolo della taverna o della nostra cantina, può sostituire nella funzione le vecchie panche stile country con vano porta oggetti sotto la seduta di una volta.

We do wood, mobili in legno naturale: foto e immagini