Marmo sintetico


Marmo sintetico: informazioni, pulizia, caratteristiche e impieghi. I vantaggi del marmo sintetico rispetto a quello naturale. Marmo sintetico per cucine, Okite, colori e prezzi. 

marmo

Il marmo sintetico rappresenta una vera e propria innovazione nel campo dei materiali lapidei.



Marmo sintetico: utilizzo e formati

Adatto per le applicazioni come pavimenti e rivestimenti  lucidi, calibrati e bisellati, esso può essere impiegato per pavimenti sopraelevati ed anche in ambienti esterni (utilizzando in tal caso lastre non lucide).

okite-marmo-sintetico

Il marmo sintetico si presenta in vari formati a lastre o marmette con dimensioni e caratteristiche prestazionali differenti l’uno dall’altro.

Che cos’è il Marmo Sintetico?

rivestimento effetto marmo

Il marmo sintetico si ottiene dalla polvere di marmo tenuta insieme da resina e ricoperta da una pellicola, ragion per cui esso dovrebbe essere più resistente ad eventuali danni rispetto al marmo naturale che, in alcune circostanze, potrebbe rompersi.

Le resina usate per la creazione del marmo sintetico è resina poliesteri, ossia insatura pura, preaccellerata, ortoftalica e  sciolta in strirene.

Questa resina unisce buone caratteristiche meccaniche e basso ritiro lineare ad elevato potere bagnante verso le fibre di rinforzo e le cariche minerali.

marmo Margraf 2

In particolare, il limitato ritiro lineare di polimerizzazione permette la realizzazione di manufatti ad alto spessore.

Le cariche accrescono il volume della massa senza pregiudicarne la scorrevolezza, con il vantaggio di contenere lo sviluppo di calore, migliorare la stabilità dimensionale e ridurre i costi finali del prodotto applicato.

Marmo sintetico: vantaggi

marmo-sintetico-nero

Scegliere un marmo sintetico comporta diversi vantaggi.

Prima di tutto può essere personalizzato rispetto al marmo naturale. Infatti è possibile scegliere il colore più adatto alle proprie esigenze e l’effetto desiderato: opaco, lucido o satinato.

Altro vantaggio riguarda certamente la resistenza alle macchie e agli agenti aggressivi ed acidi.

Gestire un marmo sintetico è sicuramente più semplice, anche per la pulizia quotidiana.

Marmo sintetico Okite

okite–

L’okite è sicuramente uno dei marmi sintetici più utilizzati nelle cucine e bagni, per le sue qualità e caratteristiche tecniche impareggiabili.

Per essere più precisi l’okite è composto da una base di quarzo, che ne determina un prodotto con alte prestazioni di resistenza a qualsiasi tipo di sollecitazione.

L’okite è disponibile in un’ampia gamma di variazioni cromatiche, non esistenti in natura. Si tratta di un prodotto versatile, scelto per applicazioni residenziali ma anche commerciali.

Marmo sintetico: pulizia

marmo-sintetico-cucina

Un marmo sintetico è sicuramente più facile da gestire e pulire rispetto a quello naturale.

Per quanto riguarda la pulizia quotidiana è consigliabile utilizzare un panno da cucina imbevuto di acqua calda ed un detergente non aggressivo.

Se dovesse capitarvi di dover toglier via una macchia ostinata, o un’incrostazione, si consiglia di munirsi di una spatolina non affilata e procedere delicatamente.

marmo-sintetico-okite

E’ sconsigliato l’uso delle spugne abrasive.

Nel caso di macchie di olio, si consiglia di utilizzare uno sgrassante apposito, eseguendo con un panno dei movimenti circolari per ripulire la superficie.

Foto Marmo Sintetico

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta