Come innaffiare le piante in estate

Sei in procinto di partire ma non sai come accudire le piante in estate? Abbiamo raccolto alcune soluzioni per fronteggiare questo problema. Ecco i metodi per innaffiare le piante anche d’estate. 

come-innaffiare-le-piante-in-estate-19

Estate è il momento dell’anno in cui per molte persone arrivano le tanto aspettate ferie e quindi la meritata partenza. Come ogni anno ci troviamo di fronte ad un grande dilemma, ovvero come fare ad innaffiare le piante d’estate.

Soprattutto nei caldissimi mesi estivi le piante necessitano di ulteriori attenzioni e protezione, per evitare che si secchino. Per questo motivo abbiamo pensato di raccogliere alcuni utili consigli che si riveleranno provvidenziali quest’estate per prendersi cura delle proprie piante. 

come-innaffiare-le-piante-in-estate-20

I metodi per innaffiare le piante in estate

Vediamo vari metodi per innaffiare le piante durante i mesi estivi, così da valutare quello che maggiormente rientra nelle tue corde e risponde al meglio alle tue esigenze.


Leggi anche: 6 cose da non fare quando bagniamo le piante

1. I vasi comunicanti

Il primo metodo richiede una certa manualità con il bricolage, ma è davvero di semplice esecuzione.

Sfruttando il principio dei vasi comunicanti, secondo il quale l’acqua contenuta in diversi recipienti presenterà sempre lo stesso livello, andremo a realizzare un sistema molto comodo per innaffiare le piante in estate.

Quello che ti occorre:

  • Un contenitore capiente
  • Tubicini in plastica di varie lunghezze
  • Beccucci
  • Nastro adesivo da idraulico

Il procedimento è davvero molto semplice.

  1. Con il nastro isolante da idraulico unisci i tubicini ai beccucci. I tubicini dovranno essere lunghi abbastanza da partire dal contenitore fino ad arrivare ad ogni vaso.
  2. Immergi l’altro lato dei tubi nel contenitore d’acqua, posizionato in un luogo più alto rispetto alle piante, come ad esempio uno sgabello.
  3. Inserisci il beccuccio nel terreno.

Puoi sostituire i tubi di plastica con fili di lana. In questo modo le piante riceveranno l’acqua costantemente e in maniera lenta. In pochi minuti e con il minimo investimento hai realizzato il tuo circuito di irrigazione automatica domestica. Ottimo lavoro.

come-innaffiare-le-piante-in-estate-1

2. Innaffiare le piante con le bottiglie

Un secondo interessante metodo per innaffiare le piante d’estate consiste nel riciclare le bottiglie di plastica. Il lato superiore della bottiglia deve essere immersa nel terreno con il tappo bucato in vari punti, così da consentire una fuoriuscita lenta dell’acqua, mentre il fondo dovrà essere tagliato per consentire l’inserimento dell’acqua.

Puoi anche inserire l’acqua all’interno della bottiglia senza tagliare il fondo. Se scegli questa opzione dovrai effettuare un movimento repentino della mano per inserire la bottiglia nel terreno, evitando di far scorrere l’acqua sul pavimento. Anche in questo caso l’acqua verrà dosata e assorbita dal terreno e dalla pianta lentamente.


Potrebbe interessarti: Le 10 varietà di piante di color rosso più intriganti per la tua casa

Ma quanti giorni dura questo metodo per innaffiare? In linea di massima questo metodo copre un arco temporale di circa una settimana, tuttavia dipende dalla grandezza della piante.

come-innaffiare-le-piante-in-estate-5

3. Il metodo dell’acqua complessata

Se i metodi fai da te non fanno al caso tuo, ti consigliamo l’ultima frontiera del giardinaggio. Si tratta dell’acqua complessata, ovvero palline grandi quanto piccole sfere di acqua gelificata. Puoi trovare questo prodotto nei negozi dedicati al giardinaggio oppure online.

Il principio dell’acqua complessata consiste in una lenta dissolvenza che rilascia idratazione e umidità alla pianta. Questo metodo è consigliato per le piante di piccole dimensioni, i bonsai ed è indicato per durare circa 15 giorni.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

come-innaffiare-le-piante-in-estate-3

4. Le ampolle per irrigare

Anche questo metodo non è propriamente un sistema fai da te, ma facile da reperire, economico e davvero funzionale. Si tratta dell’utilizzo di ampolle che possono essere in vetro o in materiale plastico. Queste ampolle vengono riempite d’acqua e inserite all’interno del vaso. In questo modo l’acqua verrà dosata e la pianta potrà godere della giusta irrigazione quotidiana.

La durata dipende dalla grandezza delle ampolle, che puoi trovare di diverse dimensioni. Il tempo medio di durata è abbastanza breve, di circa 4 o 5 giorni. Questo, in pratica, è il metodo da utilizzare in caso di vacanza brevi o week end dedicati al relax fuori casa.

come-innaffiare-le-piante-in-estate-4

Consigli extra per innaffiare le piante in estate

Per evitare che l’acqua centellinata e dosata con i metodi che abbiamo appena visto duri abbastanza, ti consigliamo di posizionare le piante, durante l’estate, in un luogo ombreggiato e non direttamente esposto al sole. Il sole diretto, infatti, potrebbe seccare la pianta molto velocemente, nonostante il continuo apporto di acqua.

Inoltre valuta se il terreno che hai dato alle piante sia adatto e che aiuti il drenaggio ottimale che serve alla pianta per non marcire. La stratificazione migliore per le piante prevede l’inserimento, sul fondo del vaso, di palline di argilla che aiutano ad eliminare l’acqua in eccesso, anche in caso di forti piogge estive. Fai un controllo prima di partire.

Come innaffiare le piante in estate: foto e immagini

Seguendo i nostri consigli su come innaffiare le piante in estate, al rientro delle vacanze troverai piante rigogliose e floride. Non ti resta che individuare il metodo adatto alle tue piante e provarne l’efficacia.

Clelia Ragosta
  • Lingua e letteratura svedese
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica