Come arredare il patio

In questo articolo scopriremo come arredare il patio, l’area esterna di casa, alla quale, ma non sempre, si accede dal soggiorno. Le idee, le curiosità di design, possono venirci incontro per rendere quest’angolo vivibile e grazioso.

Come arredare il patio

Avete un patio da valorizzare e siete a caccia di idee di design? Siete capitati nel posto giusto. Dagli arredi agli stili decorativi, qui troverete tutti i consigli che vi permetteranno di farvi delle idee precise e di attuarle. Per il patio, in particolare, bisognerebbe optare per soluzioni d’arredo di qualità e durevoli.

Ciò proprio come se si trattasse di un vera e propria stanza di casa, facendone parte come spazio esterno in continuità.

Il patio come elemento architettonico

Come arredare il patio

Il patio, ossia il cortile interno alle abitazioni, è stato introdotto dall’Architettura spagnola, ed ha caratterizzato lo stile di molte abitazioni nei Paesi dell’America Latina. Esso, come accennato, è in continuità con l’ambiente interno della casa. Alle volte, ha la caratteristica di porsi in parte al coperto. Da questa zona del patio, solitamente coperta da una loggia o un porticato, si accede al soggiorno, o al salotto. In alternativa, è interamente scoperto, ma, di solito, con un riparo per la zona arredata.

Riguardo alla zona esterna, essa è sistemata ed arredata come spazio da giardino. Nelle abitazioni più lussuose, spesso il patio si trova al centro dell’abitazione, con punti d’accesso distribuiti geometricamente e che convergono verso di esso. In linea con quanto accennato in apertura, il termine stesso patio è di origine spagnola, sta a significare cortile, ma anche piazzale. Certo, con le peculiarità appena descritte, che lo contraddistinguono rispetto ad un normale cortile o piazzale.

Ecco perché il termine è rimasto tale anche nella lingua italiana, proprio perché la trasposizione a livello letterale del termine non renderebbe l’idea delle peculiarità alle quali si riferisce. Anche la zona esterna del patio, è solitamente rivestita da un’apposita pavimentazione, ed è concepita per accogliere gli ospiti, specie durante le belle giornate primaverili ed estive.

O anche, semplicemente, per godersi la frescura dell’ambiente esterno così creato, immerso nel verde.

In determinati casi, il patio è anche il luogo, sempre con le caratteristiche descritte, dal quale accedere ad una determinata panoramica. Magari con un un’affacciata sul mare, su un ambiente boschivo, o dalla quale si possa accedere ad un determinato panorama cittadino. La caratteristica anzidetta è propria del patio all’interno delle ville, o delle case di collina.

Vi sono anche altri stili di design per il patio, tali da delinearlo con la sola zona esterna, come accennato, ma sempre in stretta continuità con lo spazio domestico. Tale zona esterna è rivestita, in molti casi, con una capanna, una pagoda, o un elemento d’arredo simile.

E’ anche concepito, a prescindere dalla sua distribuzione, come luogo di ristoro, per consumare cibi o fresche bevande all’aperto, e rinfrancarsi dalla calura. Vediamo insieme le caratteristiche degli elementi architettonici che lo compongono.

La pavimentazione del patio

Come arredare il patio

Molto utilizzate, per la pavimentazione, le lastre in cemento o in pietra. Utilizzate anche le piastrelle, o una pavimentazione a mattoni. Molto caratteristici poi, per il patio inteso prettamente come spazio esterno, i ciottoli da giardino, o la ghiaia.

Molto suggestiva, per un patio, anche la pavimentazione con calcestruzzo aggregato, con pietre in esposizione sula medesima superficie. Oltretutto, è anche una soluzione più economica rispetto al calcestruzzo stampato.

Quest’ultimo è dalla superficie liscia, ed anche più costoso. Se ne rivela costosa anche la gestione, in quanto necessita di essere risigillato periodicamente, per una questione di sicurezza. Fare molta attenzione, infatti, nel momento in cui ci si cammina, poiché tende ad essere scivoloso (mentre con caratteristica antiscivolo è studiato il tipo in calcestruzzo aggregato).

Da mettere in conto che tale pavimento è anche soggetto a sbiadimento dei colori, nel tempo. Viene scelto per stili dai vari aspetti grafici, con pavimentazione a tinta unita, o a fantasia. In ciò vi è sicuramente più possibilità di scelta rispetto al calcestruzzo aggregato.

Esso è tipico di uno stile contemporaneo, mentre il primo tipo caratterizza uno stile rustico, o anche rustico-moderno. Se si desidera un patio con pavimentazione in calcestruzzo stampato, si può ovviare allo sbiadimento progressivo con tinte neutre chiare, così da mascherare. Per realizzare un patio dallo stile decisamente moderno, poi, materiali da rivestimento come l’acrilico, il vetro, l’alluminio.

I mobili per il patio

Come arredare il patio

Vanno bene mobili da giardino, magari di fattura più elaborata rispetto ai modelli più semplici, ed in linea con lo stile scelto. Ricorrere, all’evenienza, anche a set da camera da pranzo, o da salotto. Dunque, un tavolo e delle sedie correlate, per la zona ristoro, in stile rustico in legno, se lo stile scelto è quello. Magari con una posa su un pavimento lastricato in calcestruzzo aggregato. Stessa cosa, per l’esempio considerato, a proposito delle poltroncine o divanetti, che potranno avere la base in legno, e figurare a meraviglia.

Se è uno stile classico, il legno va allo stesso modo bene. Ma con mobili in legno dipinto, dallo stile e rifiniture classicheggianti, su un lastricato in calcestruzzo stampato. Per uno stile moderno, o contemporaneo, procurarsi l’arredo, se si desidera, anche con base in materiali metallici.

Ed inoltre, poltroncine, divanetti, in stile intonato, e dalle varie colorazioni, purché abbinate fra loro (colori caldi, o freddi). Va bene, per l’ultimo punto, uno dei pavimenti di cui al punto precedente.

Per la superficie calpestabile del patio dedicata al giardino, e per tutti gli stili, si consigliano ghiaia o sassolini da esterno, anche pietre bianche.

Il portico del patio

Come arredare il patio

Il portico, qualora ne sarà provvisto il nostro patio, può essere adornato ed impreziosito con una struttura ad archi e piccole torri, in stile classico, moderno, o contemporaneo, in linea con l’arredo scelto.

Sono consigliati anche dei disegni in rilievo sugli elementi strutturali citati. Ciò riguarda soprattutto lo stile classico, meno quello moderno e minimal, se non trattandosi, negli ultimi casi, di disegni dal tratto lineare e geometrico.

 

Come arredare il patio: foto e immagini

Non hai ancora trovato l’idea che cercavi? Consulta l’intera galleria!