Lavapavimenti: quale scegliere? Come trovare il modello ideale

Per molti italiani la pulizia regolare del pavimento di casa è una delle mansioni più tediose e faticose da compiere. Anche se a molti non piace, la pulizia del pavimento però diventa fondamentale per mantenere un buon livello di igiene domestica. Vediamo insieme quali sono tutti i modelli in commercio di lavapavimenti e quali scegliere in base alle vostre esigenze.

Lavapavimenti: quale scegliere? – AGGIORNAMENTO
lavapavimenti

Per avere una casa pulita, bisogna dedicare una particolare attenzione e il giusto tempo ai pavimenti che è necessario aspirare e lavare più volte a settimana. Nei nostri pavimenti, infatti, si annidano tantissimi batteri, polveri, acari ed elementi inquinanti che portiamo continuamente dentro le nostre case, anche più volte al giorno.

Utilizzare l’aspirapolvere come aiuto quotidiano va benissimo, ma questo elettrodomestico, anche se ci aiuta nella pulizia di tutti i giorni, non riesce in realtà a togliere ed eliminare la sporcizia presente nei nostri pavimenti. La tecnologia ci può aiutare offrendoci la possibilità di utilizzare i lavapavimenti che riescono a pulire in profondità, igienizzando le superfici della nostra casa.

Scopri nella nostra guida, i modelli da acquistare secondo la tua casa e il tuo pavimento.

Lavapavimenti: come funzionano

Lavapavimenti: quale scegliere? – AGGIORNAMENTO
lavapavimenti

Le lavapavimenti sono un tipo di elettrodomestico che abbiamo iniziato a vedere in commercio a partire dagli anni Cinquanta: inizialmente si trattava di macchinari complessi, anche molto ingombranti, soprattutto per il settore industriale. Ma oggi i prodotti presenti sul mercato sono tantissimi: si va dai più essenziali per piccoli appartamenti, a quelli medi per case grandi o negozi, a quelli molto grandi per il settore industriale.

In tutti i casi lo scopo principale di questo articolo è quello di ottimizzare i tempi svolgendo in contemporanea tre funzioni indispensabili per la pulizia dei pavimenti:

  1. L’aspirazione dello sporco
  2. Il lavaggio con acqua/vapore
  3. L’asciugatura

La macchine lavapavimenti sono un macchinario costituito da spazzole rotanti, due serbatoi (uno per l’acqua pulita e uno per quella sporca), un aspiratore. Quando passa sulle superfici, questo elettrodomestico rilascia detergente misto ad acqua, con cui le spazzole sfregano e lavano e subito, un aspiratore risucchia l’acqua mista a sporco, lasciando il pavimento asciutto e pulito.

Il vantaggio di questi prodotti è evidente: si risparmia tempo e si riduce la fatica. È vero che non sono proprio le soluzioni più economiche in assoluto, ma adesso esistono molte alternative valide a buon prezzo.

Vediamo insieme tutti i modelli di lavapavimenti che esistono.

Lavapavimenti: modelli a vapore

Lavapavimenti: quale scegliere? – AGGIORNAMENTO
lavapavimenti

La lavapavimenti a vapore è un elettrodomestico pressoché indispensabile, per mantenere gli ambienti puliti e igienizzati al massimo, perché è l’unico strumento in grado di rimuovere lo sporco che rimane attaccato alle superfici o incastrato nelle fessure.

È importante però fare una precisazione: la lavapavimenti a vapore non aspira lo sporco che si trova sul pavimento, ma il suo scopo è quello di igienizzarlo. Quindi sarebbe una buona regola da seguire quella di pulire il pavimento prima con una scopa o con un’aspirapolvere, allo scopo di rimuovere quanta più polvere, briciole e sporco possibile, e solo dopo questo passaggio passare alla lavapavimenti in vapore.

Questo tipo di operazione è molto importante e deve essere fatta non solo per ottenere il massimo della pulizia dalla lavapavimenti a vapore, ma anche per fare in modo che questa duri nel tempo.

Ecco i passaggi da eseguire se possiedi in casa una lavapavimenti a vapore:

  1. Spazzare la casa con una scopa o un aspirapolvere
  2. Fissare un panno in microfibra alla lavapavimenti
  3. Riempire il serbatoio di acqua distillata
  4. Non utilizzare mai detersivi all’interno del serbatoio
  5. Appoggiarla sulla superficie da trattare e frizionare avanti e indietro

Lavapavimenti: i robot

Lavapavimenti: quale scegliere? – AGGIORNAMENTO
lavapavimenti

Decidere di acquistare un robot pulisci pavimenti, vuol dire sapere di acquistare un eccezionale elettrodomestico: un investimento che permetterà di non essere più “schiavi” delle pulizie domestiche dato che possono fare tutto da soli.

Potrebbe interessarti Come utilizzare la lavasciuga

In più, un altro fattore da considerare è la sua grande utilità in presenza di problematiche che possono essere fisiche e motorie.

Una delle caratteristiche principali che rende tanto desiderabile l’acquisto di un robot lavapavimenti è data dal fatto che questo utilissimo elettrodomestico rende facile eseguire le pulizie di casa. Oltre che non dover più faticare a lavare i pavimenti della propria dimora, con questa scelta si godrà, anche, di un maggior tempo libero.

Il primo aspetto da considerare prima di acquistarne uno è quello relativo al tipo di pavimentazione che abbiamo in casa. Il passo successivo da considerare è quello del “dominio” dove il piccolo robotico passerà la sua azione: la presenza di molti oggetti come, ad esempio, divani, poltrone, tavoli, armadi, tavolini e via dicendo, suggerisce di sceglierne uno dotato di una idonea strumentazione per la corretta e sistematica mappatura della stanza. 

Quale modello scegliere di lavapavimenti

Lavapavimenti: quale scegliere? – AGGIORNAMENTO
lavapavimenti

Ci sono molti parametri da tenere in considerazione per l’acquisto di una lavapavimenti. In questa mini guida abbiamo riassunto i principali.

Alimentazione

Oggi è possibile trovare in commercio sia lavasciuga pavimenti della “prima generazione”, alimentate attraverso corrente (quindi con cavo), sia modelli più moderni alimentati a batteria (senza cavo).

Lavasciuga pavimenti senza filo. Sono più leggeri rispetto a quelli con il filo e soprattutto non sono vincolati ad una presa elettrica. C’è molta libertà di movimento perché il filo obbliga a movimenti più circoscritti anche se l’autonomia è limitata (20-40 minuti) e i tempi di ricarica obbligano a fermarsi. Vanno molto bene per abitazioni piccole.

Lavasciuga pavimenti con filo. Questi modelli sono un po’ più pesanti ed ingombranti, ma in compenso il loro grande vantaggio è quello di non avere alcun limite in termini di autonomia. Non avendo una “scorta” limitata di energia a disposizione, spesso la potenza aspirante delle lavasciuga pavimenti con filo è maggiore, il che significa una minore quantità di acqua residua sul pavimento dopo il passaggio della macchina. Consigliati per abitazioni medio-grandi.

Struttura

In commercio si trovano sia modelli molto ingombranti e pesanti anche più di 10 kg, che modelli ultrasottili, leggerissimi che pesano anche meno di 3 kg e agilissimi.

Capacità dei serbatoi. Più grande è il serbatoio più a lungo si può lavorare senza bisogno di fermarsi.

Peso. Se la lavapavimenti è pesante, sarà più stancante manovrarla per lunghi periodi di tempo. Bisogna cercare di conciliare diversi aspetti: fare la minore fatica possibile, non dover ricaricare o svuotare i serbatoi troppo di frequente e riuscire a pulire in una sola sessione di lavoro le stanze che ci si è prefissati di lavare.

Tipo di rullo. Se la vostra casa ha diversi pavimenti delicati, come parquet, gres o altre superfici che necessitino di particolari attenzioni. I rulli in microfibra sono adatti a tutti i tipi di pavimenti, anche quelli più suscettibili a graffiature. I rulli a setole sono più rigidi e dure, e la loro pulizia è più incisiva rispetto ai rulli in microfibra.

Funzioni

Sola aspirazione. Alcune lavasciuga pavimenti, per la verità poche, si possono usare anche solo come aspirapolvere. In questi casi, il funzionamento di base è esattamente come quello di un aspirapolvere e la funzione di lavaggio va attivata premendo un apposito tasto.

Arresto automatico. Questa funzione è particolarmente diffusa tra le lavasciuga pavimenti senza filo, ed è un accorgimento che aiuta a non sprecare energia. Portando la macchina in posizione eretta durante l’uso, questa si spegne in automatico, senza bisogno di pigiare bottoni o altro.

Avvisi serbatoio. Quasi tutte le lavasciuga pavimenti hanno un sistema di avviso per la gestione dei serbatoi. Segnalano sia quando il serbatoio dell’acqua pulita si sia svuotato, sia quando il serbatoio dell’acqua sporca si sia riempito. Provvedere immediatamente al riempimento o allo svuotamento del serbatoio interessato è fondamentale sia per poter continuare a lavare efficacemente il pavimento, sia per preservare la “buona salute” della lavasciuga pavimenti.

Lavaggio automatico dei rulli. Alcuni modello hanno questa funzione, riuscendo ad effettuare un ciclo di pulizia automatica dei rulli.

I vantaggi e gli svantaggi dei lavapavimenti

Lavapavimenti: quale scegliere? – AGGIORNAMENTO
lavapavimenti

Se state per effettuare un acquisto, è importante conoscere i vantaggi e gli svantaggi dell’acquisto di questo elettrodomestico. Vediamoli insieme.

Vantaggi

  1. Sono elettrodomestici che permettono una pulizia profonda delle superfici, anche quelle più dure come cotto e parquet, che spesso non si riesce ad ottenere con il lavaggio classico a mano.
  2. Hanno un’autonomia di utilizzo in quanto è sufficiente ricaricare la vaschetta dell’acqua e svuotare quella dell’acqua sporca, operazione facile da svolgere nel bagno di casa.
  3. Avrai una maggiore igiene in casa. Il vapore infatti ha un potere igienizzante maggiore rispetto ai normali detersivi.
  4. Velocità. Basterà inserire velocemente l’acqua nel serbatoio e attendere pochissimo per il suo riscaldamento per poter passare già alla pulizia.
  5. Più ecologia e meno residui chimici per casa. La scopa a vapore utilizza per la pulizia solo il vapore acqueo, quindi non dovrai più usare detersivi.
  6. Multifunzione. Molte lavapavimenti hanno più di una funzione, perchè spesso sono dotate di una serie di accessori con cui si riescono a pulire anche diverse superfici.
  7. Facilità d’uso. La lavapavimenti è davvero un elettrodomestico semplice da usare e quindi è adatta anche a persone che normalmente non riescono a pulire bene la loro casa.

Svantaggi

Trattandosi di macchinari che richiedono spazi di manovra comodi, occorre spostare temporaneamente oggetti e complementi d’arredo posti sulla superficie, per rendere possibile la fase di lavaggio. La pulizia negli angoli ed a ridosso delle pareti si presenta difficile, il che obbliga a passare in un secondo momento con lo straccio per completare l’operazione.

Lavapavimenti: prezzi

Lavapavimenti: quale scegliere? – AGGIORNAMENTO
lavapavimenti

I prezzi per i lavapavimenti sono determinati in base alla loro potenzacapacità e dimensioni, oltre a seconda della funzione che debbono svolgere, ovvero se per abitazioni o per industrie ed uffici.

modelli base partono da 50-80 euro, adatti ad un’abitazione di piccole dimensioni, per salire a modelli che vedono il prezzo aggirarsi su 200 euro, per un ottimo rapporto qualità prezzo.  Se si però è alla ricerca di una soluzione di alta gamma, robotizzata e che pertanto consenta di risparmiare fatica ulteriore, si può arrivare a spendere 400 euro circa.

Lavapavimenti: foto e immagini