Guida all’acquisto di un aspirapolvere ciclonico

Stanco del tuo vecchio aspiratore? E’ ora di passare alla tecnologia più innovativa sul mercato, l’aspiratore ciclonico. Ecco una guida all’acquisto con tanti utili consigli.

Guida all’acquisto di un aspirapolvere ciclonico

La scelta degli elettrodomestici deve essere sempre ponderata bene, tenendo conto non solo delle loro funzionalità, ma anche del proprio budget. Al giorno d’oggi scegliere l’aspirapolvere sembra un’impresa ardua, poiché ce ne sono davvero tante e ogni azienda compete per essere la migliore.

Ecco perché potrà esserti utile questa guida all’acquisto di un aspirapolvere ciclonico. Innanzitutto, cos’ha di caratteristico questo modello? Si tratta di un elettrodomestico che sfrutta la speciale tecnologia ciclonica (da qui il suo nome) per separare la polvere dall’aria sfruttando la forza centrifuga.


Leggi anche: Guida all’acquisto e alla scelta di un robot aspirapolvere

Questo innovativo sistema, a differenze delle classiche scope elettriche dotate di sacco, garantisce un’aspirazione potente e costante e permette di separare i detriti più grandi (briciole, altri residui di cibo, ecc) dalle minuscole particelle di polvere.

In aggiunta, è bene sottolineare che questo tipo di elettrodomestico esiste anche senza fili. Queste sono adatte a chi ha problemi di spazio, perché solitamente sono più piccole e compatte e dotate della capacità di rimanere in piedi da sole anche quando non appoggiate al muro.

guida-acquisto-aspirapolvere-ciclonico-1

Caratteristiche

Per orientarti nel mare di possibilità ti indichiamo una serie di caratteristiche di cui tenere conto. Partiamo dalle diverse tipologie esistenti.

La differenza fondamentale è tra aspirapolvere mono-ciclonico e multi-ciclonico. Com’è facilmente intuibile, i due sistemi differiscono per numero di cicloni generati all’interno dell’elettrodomestico e del conseguente grado di filtrazione dell’aria.

Nel primo caso si arriva fino al 75%, nel secondo si supera il 95%. A questo punto è facile capire che tra i due sarebbe meglio sceglierne uno multi-ciclonico, soprattutto se si abita in città e con i balconi aperti entra molta polvere.

Ancora, esistono modelli a scopa, solitamente quelli con beccuccio più ampio quindi adatti per superfici larghe, e a traino, più maneggevoli e leggeri. Questi due modelli non differiscono per la potenza, nel senso che in entrambi i casi si potrà avere quella massima (solitamente compresa tra 250 e 400 air watt, tra 1300 e 2200 mm/H2O o tra 13 e 22 Kpa): in buona sostanza dipende da quanto si è disposti a spendere.


Potrebbe interessarti: 10 idee per abbellire un divano vecchio

Un altro fattore da valutare è la manovrabilità. E’ fondamentale che gli elettrodomestici utilizzati per le pulizie casalinghe, soprattutto quelle quotidiane, siano maneggevoli e facilmente spostabili da una stanza all’altra. A tal proposito, è bene ricordare che, qualora sceglieste un aspirapolvere dotato di cavo, sarà meglio prenderne uno molto lungo per non rischiare di dover cambiare continuamente presa durante il suo impiego.

Infine, è bene menzionare che il ciclo di vita di un elettrodomestico varia molto a seconda della sua qualità, ma tendenzialmente quelli a traino sono più delicati in quanto il tubo è sottoposto a continue sollecitazioni dato che lo si usa anche per i normali spostamenti.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

guida-acquisto-aspirapolvere-ciclonico-8

Vantaggi e svantaggi

Prima di procedere all’acquisto di un aspirapolvere ciclonico, sia esso il primo della vostra vita oppure qualora fosse giunto il momento di cambiare quello che è già in vostro possesso, sarà il caso di valutarne i pro e i contro.

Il primo vantaggio da menzionare è la loro capacità di mantenere costante la potenza di aspirazione, qualità non scontata in quanto i normali aspirapolvere a sacco perdono forza mano a mano che il bidone si riempie. A tal proposito, è bene dire che quando quest’ultimo sarà pieno non dovrete far altro che svuotarlo, pulire il filtro e rimetterlo al suo posto; quindi, non ci sono costi da sostenere.

Di conseguenza anche il vostro impatto ambientale migliorerà e sarà più semplice smaltire i rifiuti accumulati. L’unico neo è che mediamente i serbatoi hanno una capacità di 1,5/2 L contro i 3 L di quelli classici.

Ancora, l’aria rilasciata all’esterno dell’elettrodomestico in questione sarà particolarmente pulita e sana poiché totalmente depurata dalle polveri e da ogni traccia di cattivi odori. Nella maggior parte dei casi è anche presente un filtro HEPA ovvero un particolare sistema di filtraggio interno che riesce a trattenere anche le particelle più piccole e sottili, come pollini, acari ed eventuali peli di animali domestici. Ecco che l’aspirapolvere ciclonico si configura sempre più come la soluzione ideale per i soggetti allergici, ma anche per chi ha in casa amici a quattro zampe.

In questo momento ci sono molte aziende che producono aspirapolveri ciclonici, ma senza dubbio il leader di mercato è il Dyson. Questo accade perché la sua tecnologia di cicloni paralleli ad alta efficienza al momento non ha eguali e in più è dotato di spazzole auto-regolanti che migliorano l’aspirazione. Come se non bastasse, il sistema per svuotare il serbatoio è pratico ed igienico a tal punto che non sarà necessario in alcun modo toccare la polvere e/o lo sporco aspirato.

guida-acquisto-aspirapolvere-ciclonico-3

Prezzi

Non può mancare l’aspetto economico: quanto costa un buon aspirapolvere ciclonico? E per avere un modello top di gamma?

Ecco una breve guida.

Per un modello economico, la possibilità di spendere poco equivale ad acquistare un elettrodomestico il cui prezzo si aggira intorno ad 80 euro, avente 150 w di potenza e filtro hepa ed un’autonomia di funzionamento di circa 30 minuti.

Per una proposta di livello medio, di prezzo non eccessivo e con caratteristiche adatte per uno quotidiano, un modello cordless dalla potenza inferiore, pari a 120 Watt, ma co il vantaggio di poterlo utilizzare anche per pulire l’auto, si può acquistare a €140 circa.

Infine, se si cerca il top di gamma, con un aspirapolvere avente autonomia maggiore, circa un’ora di lavoro, ideale per aspirare anche lo sporco più minuscolo, può trovarsi in commercio a circa 340 euro, una spesa ingente ma il cui utilizzo sarà ben ammortizzato nel tempo.

Guida all’acquisto di un aspirapolvere ciclonico: immagini e foto

Ecco una gallery fotografica con alcuni dei modelli di aspirapolvere ciclonico attualmente in commercio.

 

Maria Chiara Barsanti
  • Laurea in Relazioni Internazionali presso L'Orientale di Napoli
  • Esperta in Digital Marketing e Comunicazione
  • Autore specializzato in Design, Lifestyle
Suggerisci una modifica