Vendere-comprare casa senza agibilità: è lecito?

E’ possibile acquistare o cedere un immobile che non sia dotato del certificato di agibilità? Quali sono i rischi? Ecco la risposta.

Vendere-comprare casa senza agibilità: è lecito?

E’ possibile cedere o acquistare un immobile che sia sprovvisto del certificato di agibilità?

Tale certificato, invero, è fondamentale giacché attesta la sussistenza di determinati standard di sicurezza ed igienico-sanitari di un immobile.

In tal senso, il rilascio dell’agibilità, certifica che l’immobile da cedere o acquistare, possiede tutti i requisiti previsti dalla legge al momento degli interventi di edificazione o ristrutturazione dello stesso.

Certificato di agibilità: quando e come richiederlo

Tale certificato, occorre ricordare, che occorre richiederlo necessariamente:

  • per le nuove edificazioni
  • per gli interventi di ricostruzione degli edifici
  • per interventi atti a modificare la struttura o gli impianti in dotazione organica ad un’abitazione tali da influire sull’igiene, sicurezza e salubrità dell’ambiente.

Certificato di agibilità: gli obblighi del venditore

Allorquando si procede a cedere un immobile, il venditore ha sul proprio capo, l’obbligo di rendere edotto e trasmettere il certificato di agibilità al compratore.

Qualora non ottemperi a tale obbligo, si determina un inadempimento della prestazione oggetto dell’obbligazione derivante dal contratto.

Vi è di più: il mancato adempimento dell’obbligo di fornire il certificato di agibilità dell’immobile oggetto di compravendita da parte del venditore al compratore, secondo quanto statuito dalla Suprema Corte di Cassazione, configura un aliud pro alio nella stessa vendita ovvero la consegna di una cosa diversa rispetto a quella pattuita.

Il certificato di agibilità dovrà, infine, essere seguito da altri documenti necessari per il buon esito della compravendita, quali:

  • visura ipotecaria
  • attestato di prestazione energetica
  • provenienza del bene.

Assenza dell’agibilità durante il preliminare: cosa accade?

Vendere-comprare casa senza agibilità: è lecito?

Qualora il venditore sia impossibilitato a consegnare il certificato di agibilità dell’immobile oggetto del contratto, l’altra parte contraente potrà agire per ottenere il verificarsi della causa di risoluzione del preliminare di vendita.

Di tal che, qualora tale mancanza sia protratta a seguito della stipula del contratto di vendita, il compratore potrà agire nei confronti del venditore in due modi:

  • adire le vie legali per chiedere il risarcimento del danno derivante da acquisto di bene immobile privo del certificato di agibilità
  • procedere alla richiesta in giudizio dello scioglimento del contratto di compravendita ed il conseguente annullamento degli effetti da esso derivanti.

All’esito di tale azione, qualora l’autorità giudiziaria soddisfi la pretesa del compratore, il venditore sarà tenuto a restituire le eventuali somme già versate dal compratore al momento della stipula del contratto.

Il compratore potrà agire in giudizio per far valere le proprie ragioni entro 10 anni dall’acquisto del bene immobile privo del certificato di agibilità.

Potrà, in particolare modo, agire per ottenere in giudizio lo scioglimento del contratto o il risarcimento dei danni.